Milan-Inter, via al derby made in China

Mentre ad Arcore continuano le indagini conoscitive per scoprire chi sono i potenziali investitori interessati ad acquisire il Milan, esce fuori un altro nome per il club rossonero: si tratta del fondo immobiliare China Fortune Land Development. E intento dall’altra parte del Naviglio Thohir brucia i tempi e cede l’Inter al magnate Jindong di Sunin.

Cessione Milan: siamo alla svolta finale

C’è ancora qualche perplessità sui nomi dei magnati cinesi coinvolti (Jack Ma, Li Ka Shing e Robin Li) ma non c’è più alcun dubbio sul fatto che l’operazione si concluderà e molto presto il Milan diventerà cinese. Silvio Berlusconi avrebbe dato il suo assenso e si attende solo la chiusura della trattativa.

Milan, il compleanno inquieto del cav. Berlusconi

Non certo un bel momento per il presidente onorario rossonero per festeggiare il suo compleanno numero 79, tra le difficoltà nella cessione dell'Ac Milan, i problemi con Fondazione Fiera per il nuovo-vecchio stadio al Portello e le ambasce della squadra di Mihajlovic. Ma l'improvviso arrivo di Mr. Bee domani a Milano potrebbe cambiare completamente gli scenari.

Barbara Berlusconi tra nuovo stadio e tour in Cina

In perfetta sintonia con Galliani per il restyling di Milanello, Lady Barbara è sempre più protagonista di tutte le operazioni di marketing riguardanti il Milan. Oggi la conferma al sindaco di Milano Pisapia dell’intenzione di lasciare San Siro per costruire un nuovo impianto. Presentata intanto la International Champions Cup 2015 che si svolgerà in Cina a fine luglio.

La Cina è troppo vicina?

La vendita di Pirelli ai cinesi ha riaperto una questione (o una ferita) che può essere riassunta in questa domanda: se le aziende migliori di quello che genericamente rientra nel marchio «made in Italy» perdono i loro «padroni» e il loro posto vine preso da padroni stranieri, che Paese ci ritroveremo fra qualche anno?

Si gioca Psg-Inter, in gioco c'è Lavezzi

Amichevole di fine anno prestigiosa tra il club meneghino e i campioni di Francia. La notizia del giorno è l’ammutinamento di Ezequiel Lavezzi, desideroso di essere ceduto a tutti i costi. La trattativa tra Inter e Podolski si complica e il Pocho potrebbe essere più di un’alternativa.

Thohir: «E' tutto nella mani di Mancini»

Assemblea degli azionisti in casa nerazzurra: «Siamo contenti per il suo carisma, la sua sete di successo, il profilo internazionale. Con Mancini è iniziato un nuovo progetto, ha un contratto triennale. Non vogliamo che San Siro torni a fischiare dopo sole quattro partite»

Milan, il derby e i dolori del giovane Pippo

Si avvicina il gran giorno del primo derby da allenatore per Inzaghi e tanti dubbi turbano i sonni del neo allenatore rossonero. Infortuni, reduci dalle nazionali, giocatori in forma precaria e soprattutto il cambio di allenatore e modulo degli avversari, domenica sera a San Siro si giocherà un incontro delicatissimo per entrambe le squadre.

Mancini: «All'Inter serve entusiasmo»

Ecco Roberto Mancini seconda versione. «Non avrei mai pensato di tornare all'Inter, è successo tutto molto in fretta e questo vuol dire che per tutti ho fatto qualcosa di buono» le sue prime parole da tecnico nerazzurro. «L'entusiasmo dei tifosi? Questo affetto fa molto piacere».

Diamo i voti al campionato – 10^ giornata

Giornata di campionato deprimente per le metropoli Milano e Roma. In compenso ridono Genova e Napoli, grazie ai successi straordinari di Sampdoria, Genoa e degli azzurri di Benitez. A preoccupare è soprattutto l’inspiegabile crollo di Inter e Milan, precipitate in un vortice pericoloso dal quale Mazzarri e Inzaghi faranno fatica a tirarle fuori.

Juventus-Inter, la storia infinita

Le dimissioni di Moratti e le conseguenti dichiarazioni astiose di Andrea Agnelli hanno riaperto il contenzioso mai sopito tra bianconeri e nerazzurri, nemici giurate dall’era Calciopoli. Ed ora appuntamento al 6 gennaio, giorno del rendez-vouz in campionato allo Juventus Stadium.

Moratti: «Le quote sono mie e me le tengo»

L'ex presidente onorario ribatte anche al tecnico: «Mazzarri dice di non aver detto nulla di sgradevole? Beh, neanche io. Ma non mi sento tradito». Zanetti: «Moratti è come un padre. Farà sempre parte dell'Inter». Intanto i problemi per Mazzarri sembrano non finire mai, infortunati anche M'Vila e Guarin.

Moratti lascia l'Inter: «Capirete nei prossimi giorni»

Massimo Moratti ha rinunciato alla carica di presidente onorario dell'Inter offertagli da Thohir nel novembre scorso. Insieme con Moratti hanno rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere di amministrazione il figlio Angelomario Moratti, Rinaldo Ghelfi e Alberto Manzonetto. Thohir: «Rispetto decisione, ma devo rivedere certe operazioni del club»

Mazzarri: «Che feeling con Thohir»

Il tecnico nerazzurro alla vigilia della sfida con l'Atalanta: «Siamo l'Inter, cercheremo di vincerle tutte e poi commenteremo quel che abbiamo fatto. L'intento, per le prossime due gare ravvicinate, è farle bene entrambe. L'Europa? Me lo hanno chiesto i tifosi. Siamo entrati in Europa League dalla porta principale».

Mercato-Inter, Tohir: «Ne prendo altri due»

Il presidente nerazzurro si coccola il tecnico Mazzarri («ha un carattere forte e voglio che la squadra sia come lui») e promette un altro duplice intervento sul mercato: «Mancano ancora un centrocampista e un attaccante». I nomi sono quelli sulla bocca di tutti, il cileno Medel e l’italo-argentino del Southampton Osvaldo.