7 dicembre 2019
Aggiornato 17:00

Thohir: «Icardi deve avere pazienza»

E' un Erik Thohir soddisfatto a metà quello intervistato a Premium Sport: «Sarò molto contento se ci qualificheremo per la prossima Champions, vorrà dire che siamo sulla strada giusta». Jovetic: «Credo nello scudetto»

MILANO - «Sono contento però non soddisfatto, finalmente l'Inter sta rinascendo, ma voglio vincere di più». E' un Erik Thohir soddisfatto a metà quello intervistato a Premium Sport: «Sarò molto contento se ci qualificheremo per la prossima Champions, vorrà dire che siamo sulla strada giusta». Dopo il presidente nerazzurro parla anche del sistema calcio: «Tutti noi presidente dovremmo lavorare assieme per la Lega e non litigare tra noi, dobbiamo migliorare la Serie A: il calcio è ormai un fenomeno globale e i tifosi in tutto il mondo hanno difficoltà a vedere il campionato italiano».

Serve un nucleo ben definito per 2/3 anni
Sul mercato di gennaio: «Se qualche giocatore che ha giocato poco volesse andare via lo aiuteremo a farlo. Io sono contento della squadra attuale: cambiare tanto è difficile, è importante avere un nucleo ben definito per 2/3 anni. Se ci saranno giocatori partenti e avremo necessità in qualche posizione potremo fare qualcosa. Ma è ancora presto per capire». L'Inter è anche sotto l'occhio vigile del fair play finanziario: «Siamo obbligati a rispettarlo, ci spinge a seguire questa strategia». Battute finali sul momento difficile di Icardi: «Gli avevo predetto che sarebbe stata una stagione difficile questa, perché l'anno scorso aveva segnato troppi gol. Gli avversari hanno capito quanto è pericoloso e fanno di tutto per contenerlo».

Jovetic: Credo nello scudetto
«Già quando lui allenava il City mi voleva ma poi il trasferimento saltò. Adesso il destino ci ha fatti ritrovare qui all'Inter e stiamo bene, con lui ho un buon rapporto. Il suo lavoro non è stato semplice perché sono arrivati tanti nuovi giocatori ma stiamo facendo bene. A noi attaccanti chiede di aiutare moltissimo in fase difensiva». Così Stefan Jovetic in un'intervista a 'Premium Sport' in cui parla anche del primato nerazzurro: «Sinceramente non me l'aspettavo perché siamo in tanti nuovi e di solito ci vuole del tempo. Noi però ci siamo integrati subito bene, siamo lì in alto e vogliamo continuare a fare bene - aggiunge il montenegrino nell'anticipazione dell'intervista trasmessa all'interno dell'edizione di Sport Mediaset su Italia 1 - Non ho paura di pronunciare la parola scudetto. Io ci credo, se no me ne stavo a casa».