18 settembre 2020
Aggiornato 19:00
Calcio - Serie A

Milan, il compleanno inquieto del cav. Berlusconi

Non certo un bel momento per il presidente onorario rossonero per festeggiare il suo compleanno numero 79, tra le difficoltà nella cessione dell'Ac Milan, i problemi con Fondazione Fiera per il nuovo-vecchio stadio al Portello e le ambasce della squadra di Mihajlovic. Ma l'improvviso arrivo di Mr. Bee domani a Milano potrebbe cambiare completamente gli scenari.

MILANO - «Che confusione, sarà perché tifiamo», cantano la loro passione rossonera i tifosi della curva sud di San Siro sulla musica dei Ricchi e Poveri. Oggi quel motivetto, e soprattutto quell’incipit, sembra tagliato apposta per disegnare con colori forti il momento dell’Ac Milan: confusione a tutti i livelli.
Il fatto che questo momento di sconcerto generale in Casa Milan esploda proprio nel genetliaco del numero uno rossonero, il presidente onorario Silvio Berlusconi, non può essere che una spiacevole e fastidiosa combinazione. 

Mr. Bee atteso per domani a Milano
Oggi era atteso a Milano Bee Taechaubol, designato dallo stesso patron del Milan come suo futuro socio (naturalmente di minoranza). E invece nulla, stasera a Villa Gernetto, in occasione della festa organizzata per festeggiare il 79 anni di Silvio Berlusconi, l’uomo d’affari thailandese non ci sarà. Il suo regalo tanto atteso, i famosi 480 milioni per riscattare il 48% del pacchetto azionario dell’azienda di famiglia, l’Ac Milan, non arriveranno.
Per domani è invece previsto lo sbarco in Lombardia del principale protagonista di questa trattativa, appunto Taechaubol, che chiarirà con Berlusconi i termini della questione.

Altre 3/4 settimane o chiusura immediata?
Si vocifera che gli uomini di Mister Bee abbiano chiesto a Fininvest una proroga di altre 3-4 settimane per la definitiva chiusura della transazione e questo eventuale ritardo, contornato dal più assoluto mistero, non ha fatto che gettare una luce sinistra sull’effettiva credibilità dell’operazione.
Non sono pochi infatti, tra opinionisti, esperti di economia, uomini di calcio e addetti ai lavori, ad esprimere più di un dubbio sulle reali intenzioni di Bee Taechubol. A maggior ragione oggi descrivendo questo ennesimo passo falso nella strada verso la cessione del Milan. Fonti molto vicine ad Arcore descrivono un Silvio Berlusconi parecchio innervosito da questo ulteriore stop mentre c’è chi sussurra perfino che Mister Bee potrebbe perfino tirarsi indietro.
Lo scopriremo domattina, quando il broker thailandese atterrerà a Milano per partecipare ad un vertice operativo al quale presenzierà, con ogni probabilità, anche Silvio Berlusconi. Indiscrezioni dell’ultimora raccontano di possibili clamorosi ed inattesi sviluppi, come l'ipotesi firma immediata che intanto prende quota: si tratterebbe di un bel colpo di scena ,dal rallentamento delle operazioni all'accelerazione improvvisa.

Il pasticciaccio del nuovo stadio al Portello
Ma la cessione del pacchetto di minoranza non è l’unico elemento di disturbo nel compleanno del patron Berlusconi. Ad incupire il presidente onorario c’è anche la questione stadio e le lotte in seno alla famiglia. Il passo indietro di Fininvest (voluto da Marina Berlusconi) riguardo la costruzione del nuovo stadio in zona Portello (voluto invece dalla sorella Barbara), dopo aver vinto un lungo, costosissimo ed estenuante bando di concorso per aggiudicarsi l’area, ha creato una spaccatura profonda con Fondazione Fiera, legittimamente infastidita per l’atteggiamento del Milan. In questi ultimi giorni si è parlato di un accordo fissato per una sorta di penale, quantificabile in 10 milioni che la Fininvest verserebbe quale canone biennale dell’area.
Invece pare che le parti non abbiano raggiunto alcun accordo e non è escluso che alla fine si possa arrivare in tribunale, eventualità che Berlusconi vorrebbe evitare a tutti i costi.

Auguri presidente!
Se consideriamo il momento sportivo tutt’altro che felice del nuovo Milan targato Mihajlovic, emerge un contesto tutt’altro che allegro per Silvio Berlusconi, in cui festeggiare il proprio 79esimo compleanno.
Da parte nostra, auguri presidente! Per la positiva conclusione della trattativa con Mr. Bee, per la cogestione di San Siro con l’Inter di Thohir, per un pronto rilancio del Milan in campionato. Con la speranza che i suoi 80 anni possano essere celebrati in un contesto più sereno e rassicurante. Per lei e per tutti i milioni di tifosi rossoneri in giro per il mondo.