23 febbraio 2019
Aggiornato 18:30

Luca Serafini: "I nuovi proprietari del Milan non imitino quelli dell'Inter"

La distratta gestione del club nerazzurro mette in guardia l'ambiente milanista che fra poco più di un mese passerà al consorzio cinese

MILANO - Manca sempre meno tempo alla cessione del Milan da Silvio Berlusconi alla cordata cinese che acquisterà la quasi totalità delle quote di maggioranza della società rossonera. Molti tifosi sono eccitatissimi al pensiero di nuovo danaro da investire sul mercato per rinforzare l'organico a disposizione di Montella e far tornare finalmente competitivo in Italia e in Europa una squadra che per anni è stata la migliore del continente. Altri, viceversa, sono dubbiosi e, dopo trent'anni di gestione berlusconiana si chiedono: "Ma la nuova proprietà sarà in grado di amministrare bene il Milan?». Stesse perplessità, forse, di Luca Serafini, popolare giornalista della redazione sportiva di Mediaset e noto esperto di Milan, che a meno di un mese dalla chiusura della trattativa afferma: "Ho pochi elementi per dire con certezza cosa accadrà una volta che il gruppo cinese avrà preso il timone della società rossonera, ma francamente mi auguro che la gestione degli ultimi tre anni di Inter abbia insegnato qualcosa, soprattutto abbia fatto capire che di un club bisogna occuparsi quotidianamente per non commettere tutti gli errori perpetrati dalla dirigenza interista. Al Milan servono uomini di fiducia che vivano la società ogni giorno, al Milan serve una svolta». Sfottò campanilistici a parte, i pastrocchi interisti del post Moratti, effettivamente, avrebbero tanto da insegnare, se non su come gestire una società, certamente su come non gestirla.