16 gennaio 2022
Aggiornato 23:30
Taccuino Quirinale

Da 37 anni eletto il Presidente cambia il Governo

Su 13 elezioni dal 1946 l'Esecutino in carica è sopravvissuto solo 5 volte. Mai si sono determinate elezioni anticipate. Sapremo fra poche settimane se Febbraio 2022 si aggiungerà alle eccezioni

Come si vota

Per il Quirinale un voto al giorno e 50 elettori alla volta

Per la chiama si seguirà l'ordine alfabetico, a partire dai senatori a vita, quindi i senatori, poi i deputati e per ultimi i delegati regionali. Le chiame saranno ovviamente due, come avviene anche per tutti i voti di fiducia

Taccuino Quirinale

La «variabile estera» nella corsa al Colle

Elogi dei leader mondiali al Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e i «dubbi» sulla sua elezione alla Presidenza della Repubblica

Corsa al Quirinale

Matteo Renzi: «Letta ondivago, così rischia isolamento»

Il leader di Italia Viva: «Conte vuole donna la Colle? Da lui frasi fatte da bar dello sport». L'ex Presidente PD, Rosy Bindi: «Serve accordo per Draghi al Colle e un premier politico»

Atreju 2021

Meloni: «Al Colle vogliamo un patriota»

Lo chiarisce Giorgia Meloni, presidente di Fdi, chiudendo Atreju a Roma: «Non accetteremo compromessi. Draghi patriota? Non ho ancora gli elementi per dirlo»

Corsa al Quirinale

Matteo Salvini apre le danze per la corsa al Quirinale

Il Segretario della Lega: «Per la prima volta dopo anni il centrodestra ha le carte per essere protagonista nella scelta del presidente della Repubblica. Non sarà il Pd a distribuire tessere e voti»

Presidenza Mattarella

Mattarella, primo anno al Colle senza strappi

Il 31 gennaio del 2015 Sergio Mattarella veniva nominato dal Parlamento riunito in seduta comune Presidente della Repubblica. E' passato un anno da quella nomina giunta al quarto scrutinio. Dodici mesi mai uno strappo, mai un tono più alto, si fa fatica a ricordare una polemica. Perchè non c'è stata.

Nella conta tra fedeli e infedeli emerge la quota rosa

Tutte le donne di Forza Italia restano con Silvio

Sono fedeli, fedelissime. E sono tante. Giovani e meno giovani ormai – dopo tanti anni trascorsi a combattere al fianco del loro leader -, ma sempre belle e attraenti. More, bionde, rosse, castane. La compagine delle forziste è compatta, numerosa e formosa. Ecco le donne del Cavaliere.

Con il nuovo feeling fra Fi, LN e FdI si ripropone il problema della leadership

Mollicone: «Dimentichiamoci i diritti sovrani: l'unica bussola sono le primarie»

Silvio Berlusconi dichiara finito il Patto del Nazareno, e strizza l'occhio a Matteo Salvini. La Lega Nord, a sua volta, si era coalizzata con Fratelli d'Italia per l'elezione del nuovo Capo dello Stato. Il nuovo centrodestra, pronto a dare battaglia contro il governo, è composto dal triumvirato Fi-FdI-Lega? A rispondere è Federico Mollicone, il responsabile comunicazione di FdI.

Acque agitate in Forza Italia

La retromarcia del Cavaliere non convince Fitto

Berlusconi torna all'opposizione, e strizza l'occhio alla Lega Nord di Matteo Salvini. Il patto anti-Renzi è già in incubazione, ma i movimenti del premier agitano Forza Italia, e soprattutto non convincono affatto Raffaele Fitto.

E' crisi in Forza Italia

Fitto sfida Berlusconi:«Fuori Brunetta e Romani»

Sembra arrivato il momento della resa dei conti dentro Forza Italia. Di certo, il clima continua a essere molto agitato. A parlare è proprio il leader dei frondisti, Raffaele Fitto, che è tornato a farsi sentire chiedendo le dimissioni di Brunetta e Romani, l'azzeramento di tutte le cariche e anche le primarie del partito.

Berlusconi convoca un comitato ristretto. Biancofiore: "Ma chi l'ha partorito?"

Fitto resta, ma il cerchio magico provoca altri mal di pancia

E' caos in Forza Italia. L'onda d'urto dell'elezione di Sergio Mattarella si è trasformata in uno tsunami per il partito di Silvio Berlusconi: il Patto del Nazareno è saltato, i vertici di Fi hanno consegnato le loro dimissioni, e la convocazione d'urgenza di un comitato ristretto rischia di alimentare incomprensioni e malumori. Che ne sarà di Forza Italia?

Berlusconi ironico sulla situazione del Centrodestra

«Io confinato ad Arcore. E i topi di Centrodestra ballano»

L'ex Cav non perde il buonumore. Anche dopo la «batosta» ricevuta sul Quirinale, Silvio Berlusconi non perde le speranze a proposito del futuro del suo partito e del Centrodestra. Ma è convinto di non voler più prestare il fianco ai giochini di Renzi, e di fare, d'ora in poi, solo gli interessi di Fi. Intanto, attende fiducioso di essere ricevuto dal neo-Capo dello Stato.

Depositato esposto in Procura a Roma: ipotesi di corruzione

Ex M5S sull'elezione di Mattarella: «C'è l'ombra della compravendita dei voti»

Una settimana fa fuoriuscivano dal Movimento 5 Stelle, oggi i nove parlamentari ex grillini depositano un esposto in Procura a Roma ipotizzando il reato di corruzione per una presunta compravendita di voti nelle elezioni del presidente della Repubblica.

Il governatore del Veneto sul primo discorso del Presidente

Zaia boccia Mattarella: non ha parlato di autonomia

Dal governatore del Veneto, bocciatura del primo discorso di Mattarella. Che, secondo Zaia, ha toccato tutti i temi dell'agenda politica, tranne la questione dell'autonomia e dei territori. E per una regione come il Veneto, dove è ancora aperta la questione del referendum sull'indipendenza, il tema è indubbiamente caldo

I commenti al discorso del nuovo Capo dello Stato

Mollicone: «Un discorso ovvio, ma non ci aspettavamo di più»

Questa mattina, il dodicesimo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha esordito davanti al Parlamento e alla nazione con il suo discorso del giuramento. Federico Mollicone, responsabile comunicazione di Fratelli d'Italia, ha rilasciato un'intervista a DiariodelWeb.it per commentare a caldo le parole del nuovo Capo dello Stato e del futuro della politica italiana.

FdI e Lega Nord sempre più vicini

Salvini: «Mattarella non è il nostro Presidente. Cara Giorgia, combattiamo insieme»

Il segretario del Carroccio, Matteo Salvini, non risparmia critiche e frecciatine. Ne ha per tutti: per il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, per Angelino Alfano - il cui partito sarebbe destinato a vita breve -, ma anche per il nuovo Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Intanto, l'alleanza con Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni si fa sempre più vicina, e risuona a colpi di tweet.

Il blog del M5S commenta il post elezione

Grillo: «Il Carnevale al Quirinale, ma i problemi dell'Italia restano»

Sul blog del comico genovese appare un post in cui si critica aspramente l'elezione del dodicesimo capo dello Stato. In particolare Grillo&Co. attaccano le polemiche sorte attorno a «vinti» e «vincitori», alla foga del momento che nasconde - ancora - i problemi del Paese: domani «ricominceranno i problemi della disoccupazione, della corruzione, della criminalità fusa con la politica».

Le conseguenze di Mattarella Presidente

I giorni neri di Alfano: Ncd in crisi

L'elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica porta con sé diversi strascichi politici, tra questi la posizione di Ncd. Angelino Alfano e i suoi hanno, infatti, appoggiato il candidato del premier, ma ora la spaccatura all'interno del partito sembra evidente: «Alleanza con Pd oltre legislatura solo con il progetto chiaro delle riforme», sostiene Gaetano Quagliariello.

Per quarantacinque anni ha prestato servizio al Quirinale

Francesco Madotto, il corazziere friulano che ha servito 8 presidenti

Originario di Resia (Ud), è andato in pensione nel 2004. E’ stato un grande servitore dello Stato: «Dei Capi dello Stato con cui ho lavorato ricordo soprattutto la grande umanità»

Primo atto l'omaggio alle Fosse Ardeatine

Mattarella Presidente, avanti con la Prima Repubblica

Sergio Mattarella è il dodicesimo presidente della Repubblica italiana. Eletto alla quarta votazione con 665 voti, poco meno della maggioranza dei due terzi. Martedì alle 10 sarà a Montecitorio per il giuramento e il discorso di insediamento davanti al Parlamento riunito in seduta comune.

Le reazioni nel centrodestra dopo l'elezione di Mattarella

Berlusconi «scottato» da Renzi-Alfano. In Forza Italia è l'ora della resa dei conti

Non è più il caso di decisioni emotive eppure in queste ore Berlusconi starebbe riconsiderando l'ipotesi di andare alleati alle Regionali. Il Cavaliere avrebbe già commissionato dei sondaggi. Il senso del ragionamento è questo: se rischiamo di perdere allora tanto vale perdere da soli e issare la bandiera identitaria.