19 settembre 2019
Aggiornato 21:00
Uomo ucciso a Parigi

Francia, il video del post sparatoria all'aeroporto di Orly

Un uomo di nazionalità francese di circa 39 anni è stato ucciso all'aeroporto di Orly dopo il furto di un'arma a una soldatessa. Era noto a polizia e intelligence, e forse è stato radicalizzato in carcere

Spari in aeroporto

Francia, cosa è successo all'aeroporto di Orly

Un francese di 39 anni, già noto a polizia e intelligence, oggi è stato ucciso presso lo scalo Sud dell'aeroporto di Orly, vicino Parigi. In seguito alla sparatoria è stato sospeso il traffico aereo

Satira politica

Edizione straordinaria a due anni dall'attentato di Charlie Hebdo

«2017, finalmente la fine del tunnel» è il titolo ironico del giornale satirico francese nel numero che esce il 4 gennaio con una copertina nella quale è rappresentato un uomo che guarda all'interno della canna di un fucile tenuto in mano da un uomo barbuto

La conferma dal Pentagono: Boubaker El Hakim colpito da un drone

Isis, ucciso in Siria il cervello dell'attacco a Charlie Hebdo

Il Pentagono ha confermato nella notte la morte in Siria del jihadista francese considerato il cervello dell'attentato alla redazione della rivista satirica Charlie Hebdo

La satira torna a colpire

La copertina shock di Charlie Hebdo sugli attentati di Bruxelles

La copertina del nuovo numero raffigura una caricatura di Stromae, il noto musicista belga, sullo sfondo di una bandiera belga circondato da arti umani con un chiaro riferimento al titolo della sua celebre canzone "Papaoutai"

Ce la stiamo prendendo con il «nemico sbagliato»?

L'Occidente dopo Bruxelles, e la Russia che ci ricorda le nostre responsabilità

Le parole del ministro degli Esteri russo dopo Bruxelles sono certamente indigeste per l'Europa e l'Occidente, ma in qualche misura necessarie. Perché ci ricordano quanto sia pericoloso condurre certi «giochi geopolitici» e, soprattutto, etichettare la Russia come «il nemico», anziché fare fronte comune nella lotta al terrore

La denuncia della leader di FdI

Terrorismo, Meloni: «La risposta dell'Ue (e dell'Italia)? Un mistero»

La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha denunciato l'inadeguatezza dell'Europa e dell'Italia nella lotta al terrorismo. Sullo stesso tema si è espresso il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, in tutt'altri termini.

La copertina del settimanale con un dio barbuto e armato

Francia: Charlie Hebdo, un anno dopo

Il settimanale satirico francese Charlie Hebdo è pronto a celebrare l'anniversario del tragico attacco alla sua sede avvenuto il 7 gennaio 2015 con una copertina che lascia poco al caso: la figura di un dio con le mani insanguinate, barba e arma in spalla, tutto bianco su sfondo nero e il titolo 'Un anno dopo: l'assassino è ancora in fuga'

Tempo di bilanci, tempo di speranze

2015, l'anno delle crisi. 2016, l'anno delle opportunità

Se si può descrivere con una parola l'anno appena trascorso, questa parola è «crisi». Dalla crisi migratoria a quella greca, passando per quella siriana e libica, il 2015 è stato caratterizzato da numerose sfide sottoposte alla comunità internazionale. Crisi che - e questa è l'altra faccia della medaglia - possono trasformarsi in opportunità

Non facciamo il loro gioco

Da Parigi a Bamako. Come possiamo ancora salvarci dai terroristi

Siamo tutti sotto shock per quanto accaduto a Parigi. Ma dove eravamo quando, nel 2014, 16.800 attentati insanguinavano il mondo intero? Che il «vicino» ci colpisca di più è comprensibile, ma è necessario rimanere lucidi

Giovane raggiunto in moschea a Centocelle

Giustifica in tv le ragioni dei terroristi: arrestato 24enne a San Basilio

A «Quinta Colonna» il 24enne italo-tunisino giustificava la strage del gennaio scorso compiuta ai danni dei giornalisti del giornale satirico Charlie Hebdo. Denunciato per propaganda di idee fondate sulla discriminazione e l'odio razziale, etnico e religioso

La cronologia dei principali attentati

Dall'11 settembre all'attacco a Parigi

Gli attentati di venerdì a Parigi sono l'ultima azione - in ordine di tempo - messa a segno da gruppi fondamentalisti islamici dalle stragi dell'11 settembre 2001 a New York. La capitale francese era stata già colpita meno di un anno fa.

I sondaggi la danno sempre più giù

Saranno i profughi a mandare a casa la Merkel?

Dopo la crisi greca e l'emergenza migratoria, lo scandalo Volkswagen ha determinato un brusco calo nei sondaggi. Ma è l'ondata di profughi, soprattutto, a generare malcontento. Si infrangerà su di essa la popolarità della Merkel?

La nostra intervista esclusiva a uno dei massimi esperti italiani di terrorismo

Politi al DiariodelWeb.it: attento Occidente, i terroristi te li crei da solo

Terrorismo, Isis, barconi della speranza. A poche ore dall'arresto a Milano del presunto attentatore del Museo del Bardo, facciamo il punto con l'analista politico e strategico Alessandro Politi. Che, nei prossimi appuntamenti, ci parlerà anche di Libia, trafficanti, crisi internazionali e molto altro...

La nostra intervista esclusiva a uno dei massimi esperti italiani di terrorismo

Politi al Diariodelweb: attento Occidente, i terroristi te li crei da solo

Terrorismo, Isis, barconi della speranza. A poche ore dall'arresto a Milano del presunto attentatore del Museo del Bardo, facciamo il punto con l'analista politico e strategico Alessandro Politi. Che, nei prossimi appuntamenti, ci parlerà anche di Libia, trafficanti, crisi internazionali e molto altro...

Dall'account «Shariah is Life»

#TexasAttack, i tweet poco prima della sparatoria

Una serie di tweet sarebbe stata pubblicata 15 minuti prima della notizia della sparatoria in Texas, negli Stati Uniti, a una mostra dedicata alle vignette su Maometto. Dall'account "Shariah is Life", poi sospeso, sono partiti tweet con l'hashtag #texasattack, inneggianti ai mujaheddin

L'ultimo, quello di ieri a alcune chiese della Capitale

Da gennaio, la Francia ha sventato cinque attentati

Dopo lo sventato attacco a due chiese parigine, il premier francese Manuel Valls ha sottolineato che la Francia non è mai stata così gravemente minacciata dal terrorismo come in questa fase. Dall'inizio del 2015, infatti, sono stati sventati cinque attentati. E ben 1600 residenti in Francia o cittadini francesi hanno contatti con il terrorismo.

Trovato un velivolo sul tetto dell'ufficio del presidente nipponico

Non solo Giappone. Il mistero dei droni per i cieli di tutto il pianeta

Ha fatto scalpore la notizia del ritrovamento di un piccolo drone sul tetto dell’ufficio del premier nipponico Shinzo Abe a Tokyo. Ma l'allarme non è solo gapponese: episodi di questo genere si sono moltiplicati in tutto il mondo. Dal drone nel giardino della Casa Bianca, ai velivoli misteriosi su Parigi, tali vicende dimostrano quanto i controlli siano ancora difficili.

Sventato attentato a Parigi di un aspirante jihadista

Terrore su Parigi, le chiese nel mirino

Sarebbe stata una minaccia terroristica senza precedenti, per natura e dimensioni. Ma l'attacco è stato sventato: arrestato un 24enne, probabilmente algerino e aspirante jihadista in Siria. Nella sua auto e nella sua abitazione, rivenuto un arsenale di armi da guerra e di altro genere.

Premier contro strumentalizzazioni politiche

Renzi: accusare gli immigrati di terrorismo è strategia elettorale

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha affermato che l'immigrazione clandestina nel nostro Paese ha come conseguenza il rischio terrorismo rappresenta «pressapochismo e superficialità» da parte della classe politica. Una strumentalizzazione messa in campo solo «per vincere la competizione elettorale».

Fino a che punto il rischio terroristico può restringere le nostre libertà?

Turchia e non solo. La tentazione del bavaglio è anche di casa nostra

Propaganda terroristica. Questo, il motivo della censura turca calata sui social, colpevoli di aver pubblicato immagini controverse. Una vicenda che spinge a riflettere su quanto sia labile il confine tra espressione, opinione e reato. E incita a interrogarsi su quanto possa dirsi lecito ed efficace negoziare sui diritti fondanti la democrazia per cercare di salvarla.

Le norme antiterrorismo ci riportano agli anni di piombo

Le leggi speciali sono una vittoria dell'Isis. Speriamo che sia l'ultima

Non è la prima volta che lo Stato italiano deve fare i conti con la minaccia terroristica. Non molto tempo fa, gli attentati alle torri gemelle dell'11 settembre 2001 fecero entrare in vigore norme altamente stringenti in fatto di privacy, per tutelare la sicurezza dei cittadini. E anche durante gli anni di piombo, le leggi speciali fecero discutere l'opinione pubblica.

Per la Lega l'Italia deve essere difesa dall'esercito

Divina: «Forse il ministro Pinotti comincia a svegliarsi»

La Francia pensa oggi a rafforzare la propria legislatura in ambito di sicurezza dopo i drammatici fatti di Parigi dello scorso gennaio. È stata presentata una proposta di legge che chiederà al governo parigino il potere di obbligare le aziende tecnologiche e delle telecomunicazioni a trasmettere informazioni alle istituzioni su potenziali terroristi. E l'Italia?

La Lega favorevole a un intervento «preventivo» nelle zone a rischio

Prataviera: «Ora sono a rischio lavoratori e imprenditori in Tunisia»

Dopo la strage di Tunisi si pone ancora di più il problema della difesa e della sicurezza dei nostri turisti all'estero, oltre che quella dei nostri connazionali in patria. Ne abbiamo parlato con l'On. Emanuele Prataviera della Lega Nord, che ha rilasciato un'intervista ai microfoni di DiariodelWeb.it.

Parla il Presidente dell'UCEI

Gattegna: «Non raccogliamo l'invito di Netanyahu. Ma l'Europa non insegua il pacifismo a tutti i costi»

Dopo gli ultimi attacchi terroristici in Danimarca, il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha dichiarato che «gli ebrei non sono al sicuro in Europa» e perciò li ha invitati a tornare a casa, in Israele. Il Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), Renzo Gattegna, ha rilasciato un'intervista a DiariodelWeb.it per spiegarci la sua posizione al riguardo.

L'attentato a Copenaghen

Nei fatti danesi l'ombra di Charlie Hebdo

Un inquietante effetto «emulazione» che potrebbe diffondersi a macchia di leopardo dentro società sempre più multiculturali, complesse, ricche - ammesso sia una ricchezza - di nicchie e sacche di emarginazione, risentimento e sentimenti identitari potenzialmente esplosivi.

Privacy & Dl antiterrorismo

«Si cavalca la paura e si scavalcano le norme sulla privacy»

Sul dl antiterrorismo piovono polemiche, in particolare per la norma che prevede l'«agevolazione delle attività delle forze di polizia nella raccolta e nel trattamento dei dati personali», applicata genericamente ai «reati contro la sicurezza pubblica». Per l'Associazione nazionale Difesa della Privacy, il dl sarebbe di parte e scavalcherebbe illegittimamente le norme sulla privacy.

La Corte di Ankara obbliga Facebook a censurare immagini del Profeta

E dire che Zuckerberg «era Charlie»...

Due settimane fa, il milionario inventore di Facebook si professava Charlie a piena voce; ora, invece, accetta, in Turchia, di censurare immagini del Profeta. In tema di "censura" sui social la lista dei precedenti, per Facebook e non solo, è molto lunga. Ma quando i contenuti possono risultare offensivi o intolleranti per alcune sensibilità, è giusto porre un limite? E se sì, fino a che punto?

Per la Lega, bisogna ammettere che l'Islam è una «religione diversa dalle altre»

Niente più moschee in Lombardia. I musulmani preghino pure, ma a casa loro

Approvata in Lombardia la norma già ribattezzata «anti-moschee», che pone rigidissime limitazioni alla costruzione di nuovi minareti. Per la Lega, si tratterebbe di un provvedimento necessario per la sicurezza dei cittadini. Per le opposizioni, invece, il provvedimento sarebbe in odore, oltre che di incostituzionalità, di islamofobia. E rischierebbe di rilevarsi controproducente.

Le primavere arabe sono nate già con il marcio incorporato

«Lasciamo stare lo scontro di civiltà. Parliamo di condizione della donna e di embarghi più o meno giusti»

Dopo i fatti di Parigi, siamo davvero di fronte a uno scontro di civiltà? Quegli attentati e la riscossa dell'Isis sono davvero la conseguenza di un Islam che incita alla violenza? E che fine hanno fatto le primavere arabe? Al DiariodelWeb.it, parla Biancamaria Scarcia Amoretti, esperta orientalista e Professore Emerito di Islamistica alla Sapienza di Roma

Azione Cattolica smentisce: nessuna gaffe dal Papa

«Parabola» del pugno: Francesco non è Charlie

Lontanissimi i tempi del discorso di Ratisbona di Papa Ratzinger, che opponeva la «ragionevolezza» della fede cristiana con l'irragionevole violenza portata da Maometto (o almeno, così fu da molti interpretato). Francesco, con la «parabola» del pugno, difende il rispetto dovuto a ogni fede. E ricorda che anche i Cristiani uccisero in nome di Dio

Il NYT e altri media USA dicono «no» alle vignette

Di Biagio: «Libertà di irridere ma anche di autocensurarsi»

A DiariodelWeb.it, il Senatore Aldo Di Biagio commenta il dibattito aperto sull'autocensura in seguito ai drammatici fatti di Parigi. Per il Senatore bisogna dare un segnale di fermezza di fronte ad un attacco vile come quello al Charlie Hebdo: l'Europa deve «operare una riscoperta della propria identità».

Il senatore Ncd contro chi polemizza con ministri e forze dell'ordine

Giovanardi: se la prendono con Alfano e dimenticano i terroristi

In un'intervista a DiariodelWeb.it, il Senatore Carlo Giovanardi commenta gli ultimi sviluppi sulla questione sicurezza, che vedono il Ministro dell'Interno, Angelino Alfano, nel mirino delle proteste: «Gli italiani hanno il vizio di polemizzare contro chi ha il dovere di difenderli».

Sicurezza

Nessun passo indietro su Schengen

L'Ue non ha intenzione di rivedere il trattato sulla libertà di movimento all'interno del Vecchio continente, anche dopo gli attentati che hanno sconvolto la Francia nei giorni scorsi. Lo ha chiarito il capo del Viminale, Angelino Alfano, al termine del vertice antiterrorismo dei ministri europei degli Interni e della Giustizia tenutosi a Parigi

Per la Lega, Alfano già colpevole per polizia postale e frontiere

Pini: «Schengen non è un'autostrada della libertà, ma l'autostrada dei terroristi»

Il Vicecapogruppo alla Camera della Lega, Gianluca Pini, è favorevole a una sospensione temporanea immediata del trattato di Schengen, e a una sua successiva revisione, per favorire rigidi controlli di chi si muove nel territorio dell'Unione. Perché, sostiene, «ora la priorità è la sicurezza, non la libertà di movimento»

George sulla strage di Parigi

Golden Globe 2015, anche Clooney (con Amal) è Charlie

Sul palco per ricevere il premio alla carriera, l'attore ha espresso tutta la sua vicinanza alla Francia che ha sfilato a favore della libertà. E ha regalato attimi di grande emozione quando ha parlato del suo amore per la sua neomoglie