18 agosto 2019
Aggiornato 13:00
Vertice di Varsavia

Migranti, Frontex: sarà rivista Triton. Ma restano tanti punti di domanda

Un modesto passo avanti, con molti se e molti ma. E' questo il bilancio del vertice di Varsavia sui migranti, dove l'Italia si è seduta a un tavolo con Frontex, per trovare una soluzione alla situazione eccezionale che da settimane pesa sull'Italia

In Sicilia in 4mila sui barconi

Palermo, lo sbarco di 1150 profughi e 17 salme

Ad accoglierle il sindaco Leoluca Orlando: "Un pensiero forte va a morti che sono arrivati al porto di Palermo. Tra questi una mamma con due bambini, a conferma della brutalità dell'Europa. Un genocidio che ricorda quello nazi-fascista"

Parla Paolo Romani, capogruppo di Fi al Senato

La missione internazionale EunavforMedI non contrasta gli scafisti

Mentre centinaia di persone si spostano ogni giorno rischiando la vita per raggiunger l'Europa, le risposte dei governi, dell'ONU e dell'Ue risultano del tutto insufficienti. La missione internazionale EunavforMedI sostenuta anche dal governo Renzi non ha però contrastato gli scafisti

Situazione immigrazione inaccettabile

M5S: L'Europa non merita il Nobel per la Pace

Da Bruxelles solo politiche fallimentari e il nostro continente è tutto fuorché in pace: così i deputati del Movimento 5 Stelle condannano le azioni dell'Ue, poiché le politiche avviate sinora per contenere gli sbarchi sono del tutto insufficienti

FdI contro l'irresponsabilità del duo Renzi-Alfano

Serve una missione militare in Libia, ora

Il presidente del Consiglio si stupisce che il governo francese chiuda le frontiere agli immigrati, respingendoli in Italia. Per Giorgia Meloni la responsabilità è tutta del duo Renzi-Alfano che ha messo in atto la politica delle «porte aperte a tutti»

Ricollocamenti da Italia e Grecia slittano a data da destinarsi

Italia di nuovo tradita dall’Europa sull’immigrazione

Sembrava un primo, timido passo per ridiscutere il sistema Dublino, che spesso rende Italia e Grecia - i Paesi di arrivo per le rotte via mare - gli Stati competenti a concedere l'asilo ai nuovi arrivati. E invece...

Un modo per impedire ai migranti di spostarsi

Missione anti-scafisti, 300 esperti spiegano cosa c'è (di ingiustificabile) sotto

«Gli schiavi del XXI secolo»: così sono stati definiti i migranti inviluppati nella rete degli scafisti. Ma per 300 esperti internazionali, imparagonabili sono la loro sorte e l'antica tratta degli schiavi africani. Una retorica usata per giustificare l'ingiustificabile: una missione tesa a impedire, con la forza, alle persone di spostarsi

Svolta per l'Europa

Ecco il contenuto dell'Agenda Ue per l'immigrazione

La Commissione Ue ha presentato oggi a Bruxelles la sua attesa e controversa Agenda europea sulla nuova politica di immigrazione e asilo, in cui delinea le misure previste a breve termine per rispondere alla crisi nel Mediterraneo e le iniziative da varare negli anni a venire per gestire meglio la migrazione in ogni suo aspetto, secondo un approccio globale.

Il ministro dell'Interno sull'emergenza sbarchi

Alfano: oggi giorno decisivo per le quote migranti

«Oggi è il giorno della verità, oggi potrebbe cadere il muro di Dublino, la direttiva cioè che impone ai migranti di restare nel Paese del primo ingresso». Lo ha detto, intervistato a Voci del Mattino, Radio1 Rai, il ministro dell'interno Angelino Alfano.

Il presidente del Senato sull'emergenza sbarchi

Grasso: è necessario ampliare il mandato e l'intensità di Triton

«A proposito del problema più urgente, la sorveglianza e il soccorso in mare, credo che sia evidente che il mandato e l'intensità della missione Triton devono essere ampliati». Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, parlando all'assemblea parlamentare dell'Unione per il Mediterraneo .

Emergenza sbarchi

Zaia: «Il "no" del Veneto è realista, non razzista»

"Di fronte all'invasione che continua e ai continui diktat con i quali Governo e Prefetture scavalcano senza batter ciglio le Autonomie locali e le sempre più diffuse preoccupazioni della gente, c'è da restare sbigottiti": le parole sono quelle di Luca Zaia.

Frontex ha gestito oltre 13.000 rimpatri tra il 2006 e il 2015

Frontex bacchettata sui diritti dei migranti espulsi

Frontex deve "fare di più" per garantire "maggiore rispetto dei diritti fondamentali dei migranti" espulsi dell'Unione europea. E' quanto ha dichiarato la Mediatrice europea Emily O'Reilly, presentando le conclusioni di un'indagine avviata nell'ottobre del 2014.

No al modello migratorio australiano

L'Europa continuerà a non respingere

La Portavoce della Commissione europea ha oggi dichiarato che l'Europa non ha intenzione di cambiare la sua politica dell'immigrazione, prendendo esempio dall'Australia che attua molti respingimenti in mare. Intanto, due navi della marina da guerra tedesca stanno muovendo da Creta per partecipare al soccorso dei migranti nel Mediterraneo.

Più di 5.800 persone tratte in salvo la scorsa settimana

Frontex annuncia: intensificate le operazioni nel Mediterraneo

Frontex ha dichiarato oggi di aver intensificato le operazioni nel Mediterraneo, dove più di 5.800 persone sono state tratte in salvo lo scorso fine settimana. Il portavoce sottolinea che una decina di navi sono al momento impegnate nella missione Triton, i cui fondi sono stati triplicati dall'Ue.

Aiuti alla Siria e una nave a Triton

La Norvegia manda aiuti ai siriani, ma non li accoglie

La Norvegia ha annunciato oggi un aumento degli aiuti per i profughi siriani, fino a quasi 120 milioni di euro, e l'invio di un'altra nave per le operazioni di soccorso ai migranti nel Mediterraneo. Il premier però ha respinto la richiesta di accogliere 10.000 profughi nei prossimi due anni.

Al prezzo di 3.850 dollari

Un trafficante ci spiega come dall'Etiopia si arriva in Italia

Un viaggio da Addis Abeba all'Italia costa «circa 3.850 dollari» e «se vuoi un viaggio veloce, il nostro sistema è il migliore e il più comodo». E' quanto ha detto ad Al Jazeera un noto trafficante di esseri umani, conosciuto come Ahmed, a cui si sono rivolti molti etiopi per raggiungere l'Europa.

Parlamento Donna

Mare Nostrum contrastava i trafficanti? Fuori i numeri

La deputata della Lega Nord Barbara Saltamartini chiede che siano portate alla luce del sole le cifre che riguardano il contrasto che l'operazione Mare Nostrum fece al business dei trafficanti, di cui poco si sa. Per essere più consapevoli, prima di attuare una nuova strategia d'emergenza.

Vie legali di immigrazione e un sistema di quote

Juncker vuole rivoluzionare le politiche di immigrazione UE

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha chiesto oggi ai Paesi dell'Unione di facilitare l'immigrazione legale, per evitare nuove tragedie nel Mediterraneo, e di istituire un sistema di quote per l'accoglienza dei rifugiati. Richieste che hanno sollevato l'opposizione del Partito popolare, la propria famiglia politica, e dei partiti eulroscettici.

Onu: vertice Ue sull'immigrazione passo avanti, ma bisogna fare ancora molto

Ban Ki-Moon vs. Ue: «Colpire i barconi non è la strada giusta»

Secondo il segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon, l'Europa, sull'immigrazione, ha ancora tanta strada da fare. E colpire i barconi per fermare i trafficanti non sarebbe una buona idea, perché si rischierebbe di colpire ingiustamente le flotte e le barche utilizzate per la pesca dei Paesi d'origine dei migranti.

Di fronte al dramma migranti

Nato: stabilizzeremo la regione di origine dei flussi migratori

Il dramma dei migranti nel mar Mediterraneo richiede una «risposta complessiva», alla quale anche la Nato potrebbe dare un contributo tentando di stabilizzare i paesi della regione. Lo ha affermato oggi il segretario generale dell'Alleanza atlantica Jens Stoltenberg.

Più 43% nei primi mesi del 2015

In Italia 170mila sbarchi

Nel corso del 2014 sono sbarcati sulle coste dell'Italia meridionale 170.000 persone. Nei primi due mesi del 2015 il ritmo degli sbarchi si è ulteriormente intensificato: è il 43% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E' quanto risulta dal dossier immigrazione redatto dal servizio studi del Senato, pubblicato ad aprile.

Emergenza immigrazione

Amnesty: Ue sceglie un'operazione per salvare la faccia, non le vite

«Ieri a Bruxelles è stata decisa un'operazione per salvare la faccia, non le vite umane». Questa l'analisi di Amnesty International, che in una nota sostiene che i leader europei «stanno affrontando il problema a metà». Bisogna aumentare il raggio d'azione di Triton se si vuole rendere l'operazione efficace.

Emergenza sbarchi

Pittella: passi in avanti, ma troppo egoismo sulla condivisione dei flussi

«Non nascondere il nostro disappunto rispetto al persistente e limitato egoismo politico sulla questione della condivisione dei flussi e dell'assistenza dei migranti». Così Gianni Pittella, presidente del gruppo Socialisti e Democratici al Parlamento europeo commenta il vertice straordinario dell'Unione europea sull'emergenza immigrazione tenutosi ieri a Bruxelles.

Il ministro dell'Interno su Consiglio Ue

Alfano: bene vertice Ue, ma occorre un sistema di asilo europeo

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha affermato che con il vertice europeo sul tema dell'immigrazione «si apre un varco all'accoglienza diffusa. Finchè sarò Ministro dell"Interno mi batterò per creare un sistema di asilo europeo». Intanto dall'Europa, l'Italia ha ottenuto il «triplo delle risorse per Triton» per affrontare l'emergenza sbarchi dal Mediterraneo.

Dopo il Consiglio europeo straordinario sull'immigrazione

L'Europa combatte i trafficanti, pattuglia il mare, ma non accoglie

Lotta ai trafficanti, anche con chirurgici interventi militari; fondi triplicati a Triton, novella Mare Nostrum europea, il cui compito ufficiale rimane, però, il controllo delle frontiere e non il salvataggio dei migranti; cancellato l'impegno ad accogliere 5000 rifugiati: ecco che cosa ha deciso il Consiglio europeo straordinario in materia immigrazione.

La testimonianza dei sopravvissuti

Naufraghi: tanti uccisi a bastonate prima di partire

Dalle dichiarazioni emerge il clima di sopraffazione e violenza che ha preceduto l'imbarco. I migranti furono inizialmente concentrati in una fattoria nei pressi di Tripoli, e furono poi portati con furgoni fino alla costa e qui trasbordati con un gommone di grosse dimensioni sul peschereccio.

L'Ong fortemente critica sui 10 punti europei

Amnesty accusa: con le proposte Ue, torniamo al pre-Mare Nostrum

La proposta di dichiarazione finale del vertice straordinario dell'Unione europea, in programma oggi pomeriggio a Bruxelles, secondo Amnesty International, è del tutto inadeguata a porre fine alla crisi umanitaria nel Mediterraneo e a fermare l'aumento del numero dei morti in mare: quanto si legge in un comunicato diffuso dalla stessa organizzazione umanitaria.

Ppe su emergenza sbarchi

Weber: l'Europa agisca tutta, problema non solo italiano

Il capogruppo del Ppe in Parlamento europeo Manfred Weber, a margine della riunione dell'Ufficio di presidenza dei popolari europei in corso a Milano ha affermato che er affrontare l'emergenza sbarchi di immigrati dopo «lo shock dell'ultimo week end» è necessario che «l'Europa agisca nel suo insieme» perché «il problema non è solo italiano».

Centro Astalli su Emergenza sbarchi

Gesuiti: la vera arma contro i trafficanti sono i canali umanitari

In occasione della presentazione del rapporto 2015 della branca italiana del Jesuit Refugee Service, il presidente del centro Astalli per i rifugiati, padre Camillo Ripamonti, esprime forti dubbi sulla prospettiva di un «blocco navale» in Nord Africa che l'Unione europea potrebbe adottare al vertice odierno sull'emergenza immigrazione.

L'ex premier sull'emergenza sbarchi

Enrico Letta: l'Italia deve agire anche a prescindere da Ue

L'ex presidente del Consiglio, Enrico Letta, commenta la drammatica situazione dell'emergenza sbarchi e afferma che una soluzione potrebbe essere quella di «Ripristinare Mare Nostrum sotto responsabilità europea». «Senza una capacità attiva dell'Italia di fare la sua parte difficilmente si può immaginare che quei drammi vadano a trovare soluzioni», spiega Letta.

Il ministro degli esteri sull'emergenza sbarchi

Gentiloni: «Colpire i barconi dei trafficanti è necessario»

E' «fondamentale» colpire i barconi dei trafficanti di esseri che lucrano sui migranti in partenza dalla Libia per l'Europa. Così il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un'intervista alla trasmissione della Bbc sottolinea come l'intervento, «azioni singole e mirate», siano possibili nell'immediato.

Rafforzata Triton, progetto pilota per accoglienza in vari Paesi

Vertice Ue, ecco i 10 punti di cui si discuterà oggi

Ecco i dieci punti che saranno oggi sul tavolo del Consiglio europeo straordinario convocato per affrontare la questione del traffico di migranti e il suo sempre più lungo strascico di tragedie umane nel Mediterraneo. Le misure sono state presentate dalla Commissione europea e avallate dai ministri degli Esteri e dell'Interno al Consiglio congiunto di lunedì scorso a Lussemburgo.

Pd su Emergenza sbarchi

Pd: serve la solidarietà di tutta l'Europa, oggi solo 5 Paesi coinvolti

«Il blocco navale non si può fare. Serve solidarietà nell'accoglienza tra tutti i 28 paesi». Vincenzo Amendola, responsabile Esteri del Pd, si dice convinto che non si può pensare di fermare l'emergenza in atto solo in 5: tutta l'Ue deve collaborare ed essere solidale nell'accoglienza. «Bisogna potenziare la presenza dell'Europa sulle rotte che vengono da Niger e Sudan», spiega Amendola.

Rafforzamento di Triton e lotta ai trafficanti

Oggi l'Europa a Bruxelles parlerà di migranti

Si riunirà oggi il vertice Ue straordinario a Bruxelles, e avrà sul tavolo le 10 proposte che la Commissione europea aveva già presentato lunedì scorso. Tra i punti in discussione, un rafforzamento di Triton e Poseidon, una loro estensione in termini di search and rescue e chirurgiche operazioni dirette contro i trafficanti.

Il ministro dell'Interno su emergenza sbarchi

Alfano: contro gli scafisti una operazione di polizia internazionale

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, al question time alla Camera, afferma che «Bisogna fare di più contro gli scafisti che sono i nuovi schiavisti ed ecco l'idea di un'operazione di polizia internazionale». Sul tema della accoglienza dei migranti, aggiunge Alfano, «il nostro governo ha deciso una ripartizione equa tra tutte le Regioni italiane.

Il premier al quotidiano USA

Renzi al Nyt: «La risposta della comunità internazionale è stata insufficiente»

Anche dalla pagina degli editoriali del Nyt, Renzi ribadisce le sue richieste. In primo luogo all'Europa, che deve almeno "raddoppiare" il suo impegno anche finanziario su Triton, ma anche agli altri alleati internazionali e alle istituzioni mondiali: «La risposta della comunità internazionale è stata insufficiente».

Emergenza sbarchi

Martella: con larga approvazione del Parlamento, al Consiglio con forte mandato

Il vice presidente del gruppo del Pd alla Camera, Andrea Martella, commenta il via libera alla risoluzione che impegna il Governo a negoziare, in sede di Consiglio europeo, l'adozione di adeguate e urgenti misure volte a fronteggiare efficacemente l'emergenza migratoria nel Mediterraneo: «il governo si presenta al Consiglio straordinario europeo di domani con un forte mandato».

Vicepresidente Camera su emergenza sbarchi

Sereni: alcuni politici non hanno rinunciato alla propaganda

La vice presidente della Camera, Marina Sereni, dopo il dibattito a Montecitorio seguito alle dichiarazioni del presidente del Consiglio in vista del Consiglio Ue di domani, afferma che è molto importante che in sede europea venga approvata la strategia disegnata dal governo poiché «non ha alternative credibili».

Lega nord su emergenza sbarchi

Grimoldi: «Renzi finanzia il Pd attraverso gli sbarchi clandestini»

Il deputato della Lega Paolo Grimoldi, in aula alla Camera, nel corso della dichiarazione di voto sulle risoluzioni presentate dopo le comunicazioni del premier Matteo Renzi, punta il dito contro il governo Renzi: «Siete un governo di assassini». La Lega accusa il governo di portare avanti una politica che incentiva le partenze: «Siete colpevoli e collaborazionisti degli scafisti».

Soccorsi stamani altri 446 migranti

Le vittime del Mediterraneo sono aumentate di 30 volte

Per l'Organizzazione internazionale delle Migrazioni, il bilancio dei migranti morti nel Mediterraneo nel 2015 è già 30 volte superiore a quello dello stesso periodo dello scorso anno. Più di 1.750 migranti sono morti nel Mediterraneo dall'inizio del 2015. All'alba di oggi, soccorsi 446 migranti a sud est delle coste calabresi.

Forza Italia sull'emergenza sbarchi

Gasparri: è necessario il blocco navale e i campi in Africa

«Procedere poi con distruzione scafi e pene contro trafficanti». Così il senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, punta il dito contro l'incapacità del governo di gestire la situazione di emergenza attuale e indica le possibili soluzioni al problema, che passano per blocco navale, la distruzione degli scafi e «una totale severità contro i trafficanti da trattare come i terroristi».