19 ottobre 2019
Aggiornato 08:30
Lavoro

Articolo 18 «resuscitato» nel Fiorentino

Cancellato dal Jobs Act del Governo Renzi, grazie ad un accordo sindacale torna la tutela antilicenziamento in una partecipata dei comuni di Sesto, Campi e Signa.

Fratelli d'Italia

Meloni: «La sentenza della Consulta serve a impedire di tornare al voto»

«È una ragione in più per scendere in piazza il prossimo 28 gennaio a Roma: perché, alla fine, la cosa più inammissibile di tutte è l'aver votato il 4 dicembre contro il Governo Renzi ed essersi ritrovati il governo dei prestanome di Renzi», ha detto la presidente Fdi commentando a Montecitorio la decisione della Corte Costituzionale sui referendum Cgil

La sentenza della Corte Costituzionale

Jobs Act, la Consulta dice no al referendum sull'articolo 18

La Corte Costituzionale ha bocciato il quesito proposto dalla Cgil ammettendo invece gli altri due, sulla cancellazione dei voucher e sulla reintroduzione della piena responsabilità solidale della società appaltante nei confronti di quella sub appaltatrice

Movimento 5 stelle

Di Battista: «Renzi è più pericoloso di Berlusconi»

Il deputato del Movimento 5 stelle a Matrix su Canale 5 ha ricordato che l'abolizione dell'articolo 18 e il job act sono frutto di questo governo di centrosinistra che ha «distrutto l’Italia molto più del berlusconismo»

Jobs Act bis

Lavoro, come sarà alla fine il Jobs Act

Il decreto di correzione del Jobs Act è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri e contiene delle importanti novità sul fronte lavoro: dalla stretta sull'uso irregolare dei voucher all'aumento delle risorse per gli ammortizzatori sociali

I dati dell'INPS

Lavoro, nel 2016 le assunzioni stabili crollano e i voucher decollano

Il boom dei voucher non si ferma, a fronte del crollo delle assunzioni a tempo indeterminato. I contratti a tempo determinato invece sono in linea con il 2015, ma il saldo annualizzato tra assunzioni e cessazioni è inferiore all'anno scorso.

i dati istat sul lavoro

Jobs Act, Renzi: «Ha aumentato l'occupazione. I gufi mentono»

Il premier ha commentato via Facebook i dati Istat sul lavoro e ha sottolinea che con l'accordo Almaviva sono stati salvati circa 3mila contratti. "Abbiamo smentito i gufi", ha scritto Renzi sul suo profilo social: il dato migliore sull'occupazione è quello di maggio 2016

Siglato l'accordo

Enoteca regionale, Usb: Salvi i lavoratori e l'articolo 18

E' stato firmato l'accordo che sancisce il passaggio della totalità dei lavoratori dell'Enoteca Regionale Lazio dall'Arsial alla Retail Food. L'accordo prevede la riassunzione a tempo indeterminato a parità di salario e mansioni

La contro-riforma silenziosa dell'art 18

A Bologna e a Roma vincono i lavoratori, non il Jobs Act

Qualcuno si è ribellato e ha scelto deliberatamente – in piena contrapposizione alla nuova normativa nazionale – di resuscitare l’art.18. E di esempi virtuosi in Italia ce n'é più d'uno

I dati diffusi a giugno raccontano una verità parziale

Lavoro, quello che l'Istat e Renzi non ci hanno detto

L'occupazione sta salendo. Vero. Ma c'é qualcosa che non torna, e i politici che siedono in Parlamento si sono ben guardarti dal diffondere un altro genere di dati: quelli che riguardano, per esempio, la produttività nazionale. Ecco cosa vale la pena sapere.

La risposta dei lavoratori alla riforma del lavoro del governo Renzi

Dopo il Jobs Act, ecco il Workers Act

La disoccupazione giovanile in Italia ha raggiunto cifre da capogiro, e in Europa solo la Grecia fa peggio di noi. Ecco la ricetta di "chi lavora e vorrebbe continuare a lavorare" per cambiare le cose e uscire dalla crisi economica.

Parla il ministro del Lavoro

Poletti: «Il governo vincerà la sfida del Job Act»

"Una sfida al di sopra delle nostre forze". E' questo quello che per il ministro Giuliano Poletti ha rappresentato la riforma del lavoro, ormai nota a tutti con il nome di Jobs act, lo scorso anno quando a governo appena insediato Matteo Renzi l'ha scelta come prima riforma da compiere. Ma è sicuro di vincerla.

Riforme

Il Jobs act arriva in Parlamento, ma con un «problema» per il 2017

Dopo tanta attesa sono arrivati alle Commissioni Lavoro di Camera e Senato i primi due decreti attuativi della riforma del mercato del lavoro. Per la nuova prestazione di assicurazione sociale per l'impiego però, sono stati trovati i fondi solo per i primi due anni, poi si vedrà. Parola del ministro del Lavoro Giuliano Poletti

Lavoro

Caos Jobs act

Mancano i decreti attuativi. Quello sui nuovi ammortizzatori è bloccato perché la Ragioneria dello Stato, che deve «bollinarlo», ha chiesto chiarimenti al governo sulle risorse stanziate. Non è comparso sulla Gazzetta Ufficiale nemmeno il tanto atteso contratto a tutele crescenti. Altri 3 sono ancora da scrivere

Il capogruppo alla Camera della Lega Nord al Diariodelweb

Fedriga: «La disoccupazione ha un solo nome: Fornero»

Il capogruppo alla Camera, Massimiliano Fedriga, ha rilasciato un'intervista a DiariodelWeb.it per spiegare come la Riforma Fornero sia la prima causa dell'incremento della disoccupazione giovanile, molto più della crisi economica esplosa nel 2008.

Mercato del lavoro

Jobs act al traguardo, addio articolo 18

L'Aula di palazzo Madama ha acceso il semaforo verde sul provvedimento con 166 voti favorevoli, 112 contrari e un astenuto, con la minoranza Pd che vota per «senso di responsabilità». L'ok finale al testo è arrivato in tempo per consentire l'entrata in vigore delle nuove regole già a gennaio dopo il varo dei primi decreti delegati.

Renzi ha vinto la sua prima battaglia

Il Jobs Act è legge

Con 166 sì, 112 no e un astenuto, l'Aula del Senato ha votato la fiducia al governo sul Jobs act, approvando definitivamente in terza lettura la delega per la riforma del mercato del lavoro nella stessa versione licenziata dalla Camera.

Industriali cauti sul Jobs Act

Squinzi: «Aspettiamo a vedere il testo dell'art.18»

"Presto per dare giudizi sul Jobs act, aspettiamo di vedere il provvedimento finale, in particolare nei suoi dettagli": così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, a margine del convegno "Le regole fiscali europee: opportunità e limiti di una applicazione flessibile".

L'intervista

«Renzi non vuole cambiare il sindacato, lo vuole eliminare»

Prima donna in Italia a ricoprire il ruolo di segretario generale di una confederazione sindacale e la prima a diventare governatore della Regione Lazio. Renata Polverini, 30 anni passati nelle file dell’Ugl, attualmente membro di Forza Italia e Vicepresidente della Commissione Lavoro della Camera dei deputati, accetta di rispondere alle domande di DiariodelWeb.it.

Jobs Act

Camusso: «Contano i decreti delegati»

La Cgil sta valutando l'ipotesi di ricorrere alla Corte di Giustizia europea contro il Jobs act, forte anche della sentenza europea sui precari della scuola. Landini: «Non ha consenso maggioranza lavoratori»

Fassina per le barricate contro il Jobs act

«Grazie Renzi, ora licenziamento libero»

Il deputato della minoranza del Partito democratico, Stefano Fassina, attacca il Governo Renzi per l'insoddisfacente soluzione adottata in merito alla questione delicata del Jobs act. Per Fassina la questione dei licenziamenti è stata affrontata nel modo sbagliato, mettendo così il datore di lavoro nella posizione di avere «libertà di licenziare». Presto un coordinamento con le minoranze.

Jobs act, atto finale

Fi, Lega, M5S, Sel pronti all'ostruzionismo

Sel, Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia dicono no all'anticipazione dell'esame della delega sul lavoro da parte della Camera e al voto finale sul Jobs act il 26 novembre. Per Sel si tratterebbe di un'urgenza propria del premier di fare lo «scalpo» all'articolo 18; per il M5S Renzi dovrebbe pensare al Paese che annega, piuttosto che al Jobs act.

NCD in fibrillazione per l'articolo 18

Sacconi: «Se Renzi bara lo molliamo»

Il Nuovo Centrodestra sottolinea la scorrettezza del Governo nel proporre quell'emendamento sull'articolo 18, diverso da quello concordato. Maurizio Sacconi, capogruppo al Senato di Ncd, minaccia di lasciare la commissione qualora il testo del Jobs act fosse diverso da quello sul quale ci si era accordati: «Si aprirebbe un bel contenzioso nella maggioranza».

La Fiom boccia il compromesso sul jobs act

Landini: «La sinistra Pd pensa solo alle poltrone»

Il leader della Fiom, Maurizio Landini, ha dichiarato che l'accordo sul testo del Jobs act approvato ieri tra il governo e la minoranza democratica «è una presa in giro». Landini sta prendendo parte al corteo organizzato dal sindacato dei metalmeccanici in occasione dello sciopero di otto ore proclamato per tutto il Nord Italia: «I parlamentari Pd si curano solo dei loro diritti».

Compromesso con le minoranze PD

Renzi accontenta Fassina su articolo 18

E' stata raggiunta un'intesa nel Partito democratico in commissione al Jobs act sulla base dell'ordine del giorno approvato a fine settembre dalla direzione del partito che prevede il reintegro di in alcuni casi di licenziamenti disciplinari illegittimi, il cui elenco arriverà con i decreti delegati.

NCD minaccia di far saltare il tavolo

Alfano: «Non accettiamo sconti alla sinistra sul Jobs act»

Dalle file del Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano si alzano le voci di critica alla notizia dell'accordo nel Pd sul Jobs act. Sacconi critica le modifiche apportate al testo della riforma del Lavoro e redarguisce il presidente del Consiglio, Matteo Renzi: «Si era detto niente maggioranze spurie».

Per il premier vohgliono spaccare il paese

Renzi: la Cgil sfrutta il dolore

E' in atto un "disegno" per "spaccare il Paese" tra imprenditori e lavoratori, con l'obiettivo tutto politico di mettere in difficoltà il governo "sfruttando il dolore di disoccupati, cassintegrati e precari". E' l'accusa di Matteo Renzi, che alza ancora il livello dello scontro con il sindacato e la Cgil in particolare.

Il premier torna ad attaccare i sindacati

Con gli industriali di Brescia, Renzi fa il Berlusconi

Il premier è arrivato a Brescia, per partecipare all'assemblea annuale degli industriali bresciani. Al suo arrivo nei pressi della fabbrica, Renzi è stato accolto dalle poteste dei circa 200 lavoratori, guidati dalla Fiom-Cgli, che hanno formato un presidio-assemblea. Applausi all'interno della fabbrica dagli industriali.​ Intanto, il premier cita Berlusconi: «Non cerco un consenso facile».

Intervista al segretario della CGIL

Camusso: «Renzi è stato messo lì dai poteri forti»

Il segretario generale della CGIL, Susanna Camusso, ha rilasciato un'intervista al quotidiano la Repubblica. Parla della manifestazione di sabato, degli obiettivi del sindacato, dello sciopero generale che sarà deciso a metà novembre; ma anche dei «poteri forti» che avrebbero messo Matteo Renzi a capo del Belpaese.

L'ex presidente del Consiglio attacca il premier

D'Alema: Renzi spacca l'Italia

L' ex presidente del Consiglio Massimo D'Alema ha rilasciato un'intervista al Sole 24 Ore, e accusa il premier Matteo Renzi di spaccare in due il paese, oltre che il Pd.

Il premier a chi lo accusa di arroganza verso i sindacati

Renzi: «Vogliamo tenerle aperle le fabbriche, non occuparle»

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, risponde alle critiche mossegli dalla leader di Cgil, Susanna Camusso, rispetto all'incontro - a suo dire - «surreale» tra Governo e parti sociali. Per Renzi surreale è che i sindacati pretendano di trattare con il Governo e non con gli imprenditori per salvare posti di lavoro.

Dopo il vertice a Palazzo Chigi

Uil e Camusso: «Con il Governo un discorso tra sordi»

Il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, e quello della Cgil, Susanna Camusso commentano l'incontro appena conclusosi a Palazzo Chigi, tra Governo e sindacati. Secondo i rappresentanti dei lavoratori, non ci sarebbe stato alcun tipo di confronto, poiché i «Ministri non avevano mandato a discutere su nulla».

la risposta del governo ai sindacati

Poletti: «Non è vero, abbiamo ascoltato e ora valuteremo»

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, a conclusione dell'incontro con Cgil, Cisl, Uil e Ugl, ha affermato che il Governo è pronto a valutare le proposte e le indicazioni dei sindacati. Al contrario, i sindacati denunciano una chiusura totale da parte del governo sulla possibilità di rivedere la riforma del lavoro.

Susanna Camusso prima dell'incontro con Renzi

«Il Premier non sa di che cosa parla»

La leader di Cgil risponde alle parole del presidente del Consiglio e segretario del Pd, Matteo Renzi, che, in occasione della kermesse fiorentina della Leopolda ha attaccato la «vecchia guardia» dei sindacati e la loro ostinazione nel voler tenere in vita un articolo 18 ormai "anacronistico". La Camusso replica aspramente che il premier «non sa di cosa parla».

Il leader FIOM smentisce il cambio di ruolo

Landini: «Faccio il sindacalista, non il politico»

Il segretario della Fiom si difende dalle voci che lo vedrebbero alla leader di un nuovo partito di sinistra e afferma che è e sarà il segretario dei metalmeccanici. Continua l'attacco al Governo Renzi e alla riforma del lavoro che prevede l'abolizione dell'articolo 18 e il leader del sindacato dei metalmeccanici avverte: «Se Renzi non cambia politica, siamo pronti ad occupare le fabbriche».

Alla vigilia di San Giovanni

Landini: «Non scherzavo, occuperemo le fabbriche»

Il leader della Fiom, Maurizio Landini, parla a Repubblica tv in merito alle vicende interne alla Cgil a toglie ogni dubbio sui problemi con la numero uno di Cgil: "Siamo in una situazione di crisi di rappresentanza". In relazione alla manifestazione indetta dalla Cgil per domani, afferma che sarà grandissima e arriveranno migliaia di persone da tutta Italia.