10 luglio 2020
Aggiornato 07:30
il monito di renzo rossellini

«Renzi ha un progetto autoritario e pericoloso. Gli italiani si preparino a combattere»

Renzo Rossellini (produttore, figlio del regista Roberto) a Radio Cusano Campus: "Il Pd ha paura della democrazia e questo è un atteggiamento fascista"

ROMA - Renzo Rossellini, produttore cinematografico, figlio del celebre regista Roberto Rossellini, è intervenuto ai microfoni della trasmissione «Ho scelto Cusano» condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Rossellini: Il Pd è fascista
Riguardo la scelta del Pd di far dimettere i suoi consiglieri per far decadere la giunta Marino, Rossellini ha affermato: «Hanno trovato l’unica soluzione per non passare attraverso la via democratica di far parlare Marino davanti al Consiglio Comunale. E’ come se la caduta di un governo non avvenisse tramite la sfiducia in Parlamento. Si sono inventati la soluzione di far dimettere 25 consiglieri per far cadere tutta la giunta e mettere dei commissari per gestire Roma in un periodo critico come questo. Hanno paura della democrazia e questo significa essere un po’ fascisti", dichiara il figlio del regista.

Vorrei organizzare una manifestazione contro Matteo Renzi
«Dobbiamo aver paura noi di persone così. Il luogo deputato per chiedere la fiducia o essere sfiduciato è il consiglio comunale. Hanno fatto dimettere Marino per poche centinaia di euro di scontrini che sono nulla rispetto alle centinaia di milioni di euro che Marino ha fatto scoprire. Quando Marino ha scoperto che all’interno del suo comune c’erano persone come Luca Odevaine, Alfredo Ferrari e il capogruppo del Pd D’Ausilio che erano coinvolti in gravissime situazione, ha fatto accendere anche i riflettori della stampa su Mafia capitale. E allora il Pd si è inventato il caso Marino per coprire Mafia capitale e far dimenticare il fatto che esponenti del Pd erano coinvolti», ha proseguito Rossellini, che di recente ha strappato la sua tessera del Pd: «L’ho tagliata e adesso la guardo, perché sono contento di aver fatto questo gesto. Quello che è successo con Marino è il primo passo verso un progetto autoritario portato avanti dal premier Renzi. Dico agli italiani che hanno a cuore la democrazia di prepararsi a lottare. Renzi ha cancellato l’articolo 18 per i lavoratori, ha voluto togliere i poteri al Senato. Sono cose molto pericolose che dimostrano il suo progetto autoritario. Io vorrei organizzare una manifestazione a Piazza del Nazareno, sotto la sede del Pd, gridando: «Democrazia!» per ore, sotto le loro finestre», ha concluso.