20 marzo 2019
Aggiornato 15:00
Per l'anniversario strage di Bologna

Di Battista: la giustizia non è tra le priorità di Renzi

In occasione dell'anniversario della strage di Bologna, Alessandro Di Battista sottolinea come il governo Renzi, a parte leggi bavaglio e false leggi anticorruzione, non abbia tra le sue priorità luna legge contro il reato di depistaggio, e men che meno la giustizia

I colpevoli di ieri, oggi verranno assolti

Per il falso in bilancio non è "la volta buona"

Nella nuova formulazione del reato di falso in bilancio, sono stati eliminati tutti i riferimenti alle voci oggetto di valutazione. E questa scelta del legislatore rischia di creare non pochi problemi nella lotta alla corruzione...

Corruzione

Cantone: Le fondazioni hanno una regolamentazione inadeguata

Il presidente dell'Anac commenta le ultime vicende di cronaca giudiziaria che hanno coinvolto le fondazioni. Fondazioni che, per Cantone, sono ormai divenute l'equivalente delle vecchie correnti politiche, e che necessitano di una regolamentazione adeguata e fondata sulla trasparenza.

Legacoop annuncia che denuncerà il vicecapogruppo M5s alla Camera

Di Maio: ci vuole un tribunale nazionale per la corruzione

Il M5s ha presentato in procura un esposto in cui ha ricostruito i rapporti tra coop, politica e criminalità sull'ultima inchiesta sulla metanizzazione di Ischia. E ha chiesto che una procura nazionale si occupi esclusivamente dei fenomeni di corruzione che stanno letteralmente sconquassando il nostro Paese, mettendo queste vicende sotto l'occhio dei riflettori.

Per il M5S Renzi bluffa un'altra volta

Ddl anticorruzione: oggi Grillo consulta il popolo del web

Ha preso il via oggi la consultazione online degli iscritti M5S sulla legge anticorruzione, all'esame dell'aula del Senato. Gli iscritti sono stati chiamati dalle 10 alle 19 a votare per indicare come dovranno comportarsi domani i parlamentari grillini.

Ln: per battere la corruzione bisogna battere la burocrazia

Stefani: «Con l'inasprimento delle pene non risolviamo nulla»

Sull'anticorruzione si si sarebbe potuto fare di più. Questa settimana, in Senato, è iniziato l'esame del testo del disegno di legge per il contrasto alla corruzione, a prima firma di Pietro Grasso. Il testo arriva in Aula con due anni di ritardo, indice, questo, secondo la senatrice della Lega nord Erika Stefani del classico incedere all'italiana, lento e farraginoso.

il senatore M5s: si doveva fare di più

Cappelletti: Renzi sbandiera il ddl Grasso, ma quel che resta è il minimo sindacale

Questa settimana l'Aula del Senato ha dato il via all'esame del disegno di legge anticorruzione Grasso. Respinte da tutti i gruppi le pregiudiziali di costituzionalità presentate da Forza Italia al ddl. Per il senatore del Movimento 5 Stelle, il ddl ha impiegato due anni per arrivare in Aula perché «è stato demolito dell'80%».

M5S giudica tardivo il decalogo anticorruzione di Padoan

Cappelletti: «Il ministro arriva quando i buoi sono scappati»

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, e il presidente dell'Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone, presentano la normativa per contrastare la corruzione nelle società pubbliche, controllate e partecipate dal MEF. Per il senatore del Movimento 5 Stelle, Enrico Cappelletti, si tratta di una iniziativa utile, ma per ora resta solo una dichiarazione.

M5S boccia gli emendamenti del governo sull'anticorruzione

Cappelletti: «Le capovolte del governo per evitare il falso in bilancio»

Oggi la maggioranza sarà impegnata ad esaminare in Aula al Senato il disegno di legge anticorruzione firmato Pietro Grasso. Dopo due anni, il ddl approda a Palazzo Madama, dove si darà il via alla discussione generale e l'analisi degli emendamenti del ddl. Per Enrico Cappelletti, il governo starebbe rispondendo alla richiesta di trasparenza avanzata dagli italiani, ma non è stato fatto abbastanza.

M5S commenta il documento firmato da Padoan e Cantone

Businarolo: Cantone, il nuovo Di Pietro di questa nuova Tangentopoli?

Il documento firmato da Raffaele Cantone e Pier Carlo Padoan fissa una strategia anti-corruzione da far osservare alle aziende. Tra i punti, dirigenti a rotazione. Ma per Francesca Businarolo, bisognerà impegnarsi soprattutto a far rispettare le norme, a promuovere la trasparenza nelle nomine e a tutelare le gole profonde. Nella speranza che Cantone metta in campo una vasta opera di monitoraggio.

M5S propone che i ministri delle Infrastrutture rispondano in soldoni dei loro errori

Cappelletti: «Pedemontana, l'apoteosi degli arresti domiciliari»

Le dimissioni dell'ormai ex ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi hanno spaccato l'opinione pubblica e quella politica. Per il senatore del Movimento 5 Stelle la questione non si riduce al Rolex regalato al figlio di Lupi, ma investe l'intero dicastero del ministro, secondo Cappelletti, cosparso di irregolarità pesanti e personaggi ambigui.

Nella vicenda Lupi l'esaltazione della somma ignoranza della politica

L'incompetenza fa più danni della corruzione

I nostri padri una volta ci insegnavano che l'unico modo per reagire ad un evento negativo è trattarlo come una esperienza dalla quale trarre un insegnamento affinchè non si debba ripetere. Sulla vicenda Lupi ora è tutto un rincorrersi di proposte e suggerimenti su come intervenire sul sistema degli appalti, ma non è niente di nuovo nella nostra storia nazionale.

Per la Lega l'inasprimento delle pene non frena la corruzione

Borghi: contro il malaffare usare aziende locali

Secondo Raffaele Cantone, non basta una legge anticorruzione: serve un provvedimento ad hoc per gli appalti. Al DiariodelWeb.it, Claudio Borghi spiega la sua ricetta per combattere il malaffare: più attenzione alla prossimità delle imprese che partecipano ai lavori, e abolire il reato di concussione. Perché non ci siano attenuanti né per chi paga, né per chi incassa.

Il M5S si scaglia contro il governo Renzi

Di Maio contro il clientelismo

Il vicepresidente della Camera definisce Serracchiani «una comparsa della politica» e accusa il Governo Renzi di essere «sottoposto a ricatti» da parte delle lobby.

Cambiano i musicanti, ma la musica è sempre la stessa

La triste monotonia della corruzione

Tutte le situazioni in cui emerge l’onestà in Italia sono diverse l’una dall’altra: dal tassista che restituisce la borsa dimenticata dalla cliente, alla cassiera che ti insegue perché hai dimenticato il resto. Tutte le situazioni in cui emerge la disonestà sono invece perfettamente eguali l’una all’altra.

Sel e M5s chiedono le dimissioni del ministro

Lupi sulla graticola, il governo non lo difende

Sel e M5s chiedono le dimissioni del Ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, la cui credibilità è minata dall'inchiesta sul sistema corruttivo legato agli appalti pubblici. Nel frattempo, il Pd annuncia un'accelerazione sulla Legge anti-corruzione, ma poi frena.

Il senatore M5s: dal governo serve più coraggio

Cappelletti: Sul falso in bilancio pochi sforzi del governo

il tanto atteso testo del falso in bilancio è finalmente arrivato in Aula a Palazzo Madama. Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, con un tweet annuncia che i corrotti verranno puniti con pene maggiori rispetto al disegno di legge Grasso. A contraddirlo è il senatore pentastellato Enrico Cappelletti: «Sono state ridotte del 40% rispetto all'ipotesi voluta dal disegno di legge Grasso».

Il M5S denuncia le manovre in Parlamento per proteggere i disonesti

Cappelletti: Fi boicotta l'anticorruzione apertamente. Il Pd dietro le quinte

Enrico Cappelletti, intervistato al DiariodelWeb, spiega i tanti ostacoli che ancora incontra il ddl anticorruzione. Dal tenace ostruzionismo di Forza Italia - che si dimostra contraria a qualsiasi tentativo di rendere più severe le norme sulla corruzione -, all'indecisione del governo, che continua a presentare emendamenti attenuativi per superare l'opposizione del partito dell'ex Cav

Il senatore M5s: da Pd a Fi, la maggioranza vota contro la trasparenza

Cappelletti: Renzi contro la corruzione, ma la bozza resta nei cassetti del Senato

Slitta ancora l'esame in Aula al Senato del disegno di legge anticorruzione. Respinta la proposta del Moviemnto 5 Stelle sull'introduzione del Daspo per i corrotti nella pubblica amministrazione. La proposta era stata sorretta anche dal premier, Matteo Renzi, all'indomani dello scandalo Expo 2015, ma a bocciare l'iniziativa, oltre a Forza Italia, anche il Pd.

Il M5S denuncia i mille trabocchetti contro l'anticorruzione

Businarolo: stanno trasformando Cantone in uomo di facciata

Siamo il Paese di Mafia Capitale, ma sull'anticorruzione la strada non è per nulla spianata. Al DiariodelWeb.it, Francesca Businarolo racconta di come un progetto di legge sulla prescrizione sia fermo in Commissione, un emendamento sul tema sia stato bocciato, e il solo aumento delle pene, svincolato da una riforma seria della prescrizione, si riduca a uno specchietto per le allodole.

Approvato emendamento su aumento pena per pubblici ufficiali

M5s: «Abbiamo migliorato il ddl anticorruzione»

Nonostante l'ostruzionismo di Forza Italia, il Senato ha approvato l'emendamento presentato dal Movimento Cinque Stelle al disegno di legge anticorruzione che prevede che la pena massima prevista per il reato di corruzione per esercizio delle funzioni di pubblici ufficiali salga dai cinque ai sei anni.

Il M5S soddisfatto per la riforma ma teme il ritorno del «nazareno»

Buccarella: «E' sul falso in bilancio che si misurano i patti fra Pd e Fi»

In via Arenula hanno chiuso l'accordo sul falso in bilancio e sulla prescrizione. Spariscono le soglie di non punibilità per il primo, mentre le nuove regole in tema di prescrizione non si applicheranno ai processi in corso (e neanche alle cause in sospeso di Silvio Berlusconi). Ecco cosa ne pensa il M5S: il senatore grillino, Maurizio Buccarella, ha rilasciato un'intervista a DiariodelWeb.it.

La battaglia di MS5 per togliere il «premio» a corrotti e collusi

Nuti: «Basta con i vitalizi a chi ha avuto una condanna»

La grillina Laura Bottici, tra i Questori del Senato, invia una lettera al presidnete Pietro Grasso per sollecitarlo, ancora, a prendere in mano la situazione dei vitalizi ai senatori condannati per mafia e corruzione. A commentare la vicenda è il deputato M5s Riccardo Nuti: «Sui vitalizi noi stiamo conducendo due battaglie, una in Senato e una alla Camera».

Il M5S accusa il governo

Buccarella: «Il falso in bilancio continuerà a non essere punito. Il Patto del Nazareno è ancora in vita»

Il governo ha raggiunto a maggioranza un accordo sul dl anticorruzione, di cui però non si conosce ancora il contenuto. Il rischio è «gattopardiano», come sostengono i grillini del M5S, perché il falso in bilancio potrebbe continuare a restare impunito. A spiegarci il motivo è il senatore pentastellato, Maurizio Buccarella, che ha rilasciato un'intervista per DiariodelWeb.it.

Il Ministro della Giustizia risponde ai Magistrati

E' scontro con l'ANM sul falso in bilancio

Finalmente c'è intesa nella maggioranza sulle norme anticorruzione, dopo un vertice convocato dal ministro della Giustizia, Andrea Orlando, a Largo Arenula. Ma dall'Associazione Nazionale Magistrati nessun via libera sul falso in bilancio, e lo scontro è in agguato.

Il deputato della Lega respinge le accuse del M5S

Molteni: «Governo ipocrita sul ddl anticorruzione»

La situazione di stallo del ddl anticorruzione sembra volgere al termine. Il minstro della Giustizia Andrea Orlando risponde al presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Rafaele Cantone, che chiedeva una «corsia preferenziale per il ddl»: «Arriveremo presto ad un'approvazione definitiva del testo». A commentare i fatti, il deputato della Lega nord Nicola Molteni: «E' un governo ipocrita».

Il Senato respinge la richiesta del M5S

Cappelletti: il Governo boicotta il ddl anticorruzione perché troppo scomodo

Il Senato boccia la proposta avanzata dal Movimento 5 Stelle di inserire nel calendario dei lavori dell'Aula il pacchetto anticorruzione, che, secondo quanto sostenuto dai grillini, sarebbe fermo da giugno, ormai da nove mesi. Il senatore Enrico Cappelletti commenta: « tutti quei provvedimenti che in qualche maniera sono divisivi dei rapporti di maggioranza sono boicottati».

Lega e M5S all'attacco su reati minori e falso in bilancio

Sulla strada di Renzi e Mattarella il macigno giustizia

La riforma della giustizia è uno dei temi caldi su cui il nuovo Capo dello Stato è atteso al varco. Dopo la riforma del processo civile, è tempo di affrontare definitivamente molti nodi: amnistia, indulto, ma anche falso in bilancio, corruzione, autoriciclaggio e tempi della giustizia. In un Paese in cui circa 165.000 processi all'anno cadono inesorabilmente in prescrizione