26 giugno 2017
Aggiornato 17:30
> <
RSS

La nuova frontiera del vino italiano

Al forum erano presenti, fra gli altri, il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina, il presidente della regione Veneto Luca Zaia, il presidente della Federvini Sandro Boscaini e, tra i produttori, Bruno Vespa e Massimo D'Alema, la cui azienda umbra partecipa alle sperimentazioni di WRT.

«Il vino è simbolo del made in Italy»

Tutto pronto per le celebrazioni dei 50 anni di Vinitaly a Verona. Il Direttore Generale di Veronafiere: «Ci aspettiamo una grande presenza di buyers nazionali ed internazionali: il vino italiano è cresciuto tra il 2014 ed il 2015 del 5,4%, ma ha ancora delle potenzialità»

A rischio la produzione di energia da biomasse solide

La causa è il nuovo sistema di tariffe incentivanti che sostituirà i Certificati verdi a partire dal 1 gennaio 2016. Pensata anni fa come clausola di salvaguardia quando il prezzo dell'energia era previsto in crescita costante, ora la misura, contenuta nel decreto ministeriale Fer, potrebbe affossare tutta la filiera, che è interamente italiana.

Luci e ombre nell'uso della chimica in agricoltura

In Italia l'uso della chimica in agricoltura è sempre elevato (siamo i primi consumatori europei di fitofarmaci e molecole chimiche per l'agricoltura secondo l'ultimo rapporto Eurostat) ma va rilevato il costante aumento della superficie coltivata con metodo biologico (+23,1% dal 2010 al 2013) e la sempre maggiore diffusione di pratiche agricole alternative e sostenibili.

Fava: «La liberalizzazione? Peggio di adessso non può andare»

Dopo oltre 30 anni di applicazione, il 31 marzo 2015 termina il regime delle quote latte e il settore sarà liberalizzato. In arrivo, però, nuove multe per l'Italia dove l'andamento del mercato «è drogato da comportamenti scorretti che sottopagano il prodotto finito». Ne abbiamo parlato con Giovanni Fava, esponente della Lega Nord e assessore regionale per l'agricoltura della regione Lombardia.

Coldiretti: «No agli OGM, sì alla biodiversità»

Il semestre italiano si è concluso e Renzi ha portato a casa molti nulla di fatto, ma anche due importanti successi. Il primo sulla norma del riciclaggio comunitario, e il secondo con la riforma della normativa sugli OGM. Il Responsabile Ambiente della Coldiretti ha rilasciato un'intervista per DiariodelWeb.it, spiegando perché si tratta di una conquista per il Belpaese.

> <