27 maggio 2019
Aggiornato 07:30
Denuncia Confesercenti

«La crisi sulla pelle degli autonomi, perso mezzo milione di posti»

I dati riguardano gli anni della recessione, dal 2007 ad oggi: i lavoratori autonomi sono diminuiti di ben 552mila unità. L'associazione: «Raramente l'universo di imprese senza dipendenti, collaboratori familiari, ma anche professionisti e autonomi, viene considerato dalle politiche per il rilancio dell'occupazione».

Nè conservatori nè socialdemocratici avrebbero la maggioranza

Croazia al voto, duello destra-sinistra tra migranti e recessione

Gli elettori croati si recheranno domenica alle urne per eleggere il nuovo parlamento. A fare da sfondo alla campagna elettorale, che vede un testa a testa tra i conservatori e i socialdemocratici al potere, è la crisi migratoria che ha investito la Croazia

Un milione di persone in piazza per chiedere le sue dimissioni

Brasile, perché traballa il «trono» della Rousseff

Il crollo di popolarità è favorito da recessione, austerità e dagli scandali che hanno travolto il suo partito e la politica in generale

L'Italia è fuori dalla recessione

Padoan: «E' il momento della svolta: stiamo uscendo dalla crisi»

L'Italia è fuori dalla recessione. L'economia, secondo i dati Istat, torna a crescere con un Pil che, nei primi tre mesi del 2015, ha segnato un +0,3% rispetto al trimestre precedente. Si tratta dell'incremento più alto da ben quattro anni.

Dopo due trimestri consecutivi di contrazione

Di nuovo recessione tecnica in Grecia

La Grecia sempre con l'acqua alla gola. Con due trimestri consecutivi di contrazione la Grecia quindi è ricaduta in quello che gli economisti definiscono recessione tecnica. Una dinamica che potrebbe mettere ulteriormente sotto pressione l'esecutivo di Alexis Tsipras.

Aumento del Pil sopra le attese

L'Italia è fuori dalla recessione

Nel primo trimestre del 2015 il Pil italiano ha segnato un +0,3% rispetto al trimestre precedente. Si tratta dell'incremento più alto dal primo trimestre del 2011 quando il Pil era salito dello 0,4%.

Previsioni

«Il Giubileo sarà proprio una benedizione per il nostro PIL»

«L'Anno Santo sarà proprio una benedizione per il nostro Pil che da quattro anni naviga nella recessione». Queste le parole che introducono l'editoriale di Luigi Santambrogio pubblicato oggi su La Nuova Bussola Quotidiana.

Il 2015 sarà l'anno della svolta.

Dopo la crisi, l'UE vira verso la crescita economica. L'Italia cammina, la Spagna corre

Finalmente, forse, la ripresa. Dopo l'annuncio del Centro studi Confindustria dei giorni scorsi, arrivano altri segnali incoraggianti per quanto riguarda la battaglia nazionale contro la recessione e la disoccupazione. Ma se l'Italia procede nella giusta direzione, a sorprendere sono ancor di più i cugini spagnoli: che corrono verso una crescita del 2,5% del Pil. Siamo davvero fuori dalla crisi?

Conti pubblici

Dall'UE maggiore flessibilità, ma rimane il vincolo del 3%

Gli Stati membri potranno operare «temporanee deviazioni» ai bilanci, a patto che si tratti di Paesi in recessione o comunque in difficoltà economiche e che la «sforatura» al Patto di Stabilità e Crescita riguardi piani di investimenti. Per l'Italia significa nessuna manovra aggiuntiva.

Tra rischi e opportunità

«E' ora di investire in Russia»

Il rublo debolissimo, la recessione incipiente, il barile sempre più scontato e il peso delle sanzioni aprono un anno difficilissimo per la Russia. Ne parliamo con il banchiere Vincenzo Trani.

Confindustria presenta il conto: in 8,6 milioni senza lavoro

Siamo tornati al 1997 con 3700 euro a testa in meno

L'economia italiana chiuderà il 2014 con un calo del Pil dello 0,5%. A stimarlo è il Centro Studi di Confindustria che, negli ultimi Scenari economici, ha lievemente rivisto al ribasso la stima per il 2014 diffusa lo scorso settembre (era -0,4%). L'uscita dalla recessione è dunque rimandata al 2015 con un Pil che salirà dello 0,5%. Diminuzione del reddito pro-capite: -3700 euro.

Il 10 e 11 dicembre vertice a Ginevra

«Ebola: prioritario ricostruire sistemi sanitari in Africa»

E' quanto ha detto oggi l'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms): «Sono stati sospesi programmi di vaccinazione». Intanto il vaccino testato a Ginevra è ben tollerato dai volontari. Banca Mondiale: «Ebola porterà Sierra Leone e Guinea in recessione».

L'export non basta al sistema Italia

Il Made in Italy in difficoltà e soffre anche la Germania

Manifatturiero dell'area euro in stagnazione a novembre, mentre in Italia questo comparto chiave dell'industria è ricaduto in area a rischio di recessione, secondo l'indagine tra i responsabili degli acquisti.

Per l'On. Sandra Zampa (Pd), ora si fa poco e male

Giornata dei diritti dell'infanzia, «Contro la povertà, unico centro decisionale»

Sono almeno un milione e mezzo, in Italia, i minori che vivono in condizioni di povertà. E la rapidità con cui il fenomeno cresce, soprattutto a fronte della recessione e della crisi economica, è a dir poco preoccupante. Per Sandra Zampa, fondamentale, dunque, un aumento delle risorse stanziate, e un totale ripensamento del modo di operare del Parlamento e delle Commissioni che prendono decisioni

Dal 2008 nel Lazio fallimenti a ripetizione

Lazio: in sei anni hanno chiuso 7100 aziende

Dall'inizio della recessione il Pil regionale è calato del 5,8%, e la disoccupazione, nell'ultimo quinquennio, è aumentata di 5 punti percentuali. Ma Zingaretti rassicura: «I tempi di pagamento alle imprese sono degni di una Regione europea. Il Lazio si sta rialzando»

Il paese nelle sabbie mobili dal 2011

Istat: conti italiani in picchiata

L'economia italiana è in recessione, con due trimestri consecutivi di crescita negativa. Ad aprile-giugno, afferma l'Istat, il Pil italiano è diminuito dello 0,3% rispetto allo stesso periodo del 2013 e dello 0,2% nel confronto con gennaio-marzo.

Pericolo recessione

FMI: La BCE deve fare di più. Basta strette in UE

Sorprese negative sulla crescita. Sorprese che quindi implicherebbero peggioramenti dei parametri sui conti pubblici. A mettere in guardia Paesi e autorità comunitarie da interventi correttivi è il Fondo monetario internazionale.

L'allarme della Confesercenti

«Niente ripresa nel 2014»

Secondo Confesercenti il Pil calerà, quest'anno, dello 0,2%. L'uscita dalla recessione è dunque spostata al 2015 con una crescita dello 0,9%. I disoccupati sono a quota 6 milioni. Consumi al lumicino (+0,2%)

MoVimento 5 Stelle

Di Maio: «Renzi ci ha portato in recessione»

Il vicepresidente della Camera: «Io non ci sto ad alimentare presunte polemiche di cui agli italiani non importa proprio nulla. La politica deve risolvere i problemi gravi di questo Paese con iniziative economiche d'impatto, che possano subito abbassare la pressione fiscale ai piccoli e medi imprenditori e istituire un reddito di cittadinanza (a tempo) per chi non ha nulla».

La crisi dei debiti sovrani

Piga: «Fermare l'austerità per aiutare l'Italia a guarire»

L'economista Gustato Piga, presidente del comitato promotore del Referendum Stop Austerità: «Chiedere in recessione piccoli sconti per fare manovre 'un po' più piccole', invece di fermare le manovre e pensare allo sviluppo non è errare: è diabolicamente perseverare».

Finanza & Mercati

«Effetto Obama» su Wall Street

Obama ha giurato nel gennaio 2009, circa sei settimane prima dei minimi registrati dagli indici nel pieno della Grande Recessione, la direzione che il mercato azionario poteva prendere era quasi unicamente verso l'alto. Ma quanto in alto? La risposta è del 140%.

La crisi italian

Il 60% delle imprese fa debiti per pagare le tasse

E' uno degli ultimi risvolti della crisi finanziaria internazionale e della recessione economica, a cui si è aggiunto, nel nostro Paese, un pesante inasprimento della pressione fiscale

La recessione è finita

Saccomanni: «Siamo a un punto di svolta»

La «stasi» dell'economia italiana è durata fino al maggio scorso, ma secondo il Ministro dell'Economia in generale si è «sottovalutato» l'effetto positivo delle misure messe in campo dal Governo

Bollettino di Banca d'Italia

«Resta incertezza sulla ripresa»

La recessione sta rallentando il passo, ma sulla ripresa resta incertezza e non si vedono segnali di svolta imminente. Lo afferma la Banca d'Italia nel bollettino economico, secondo cui «nel primo trimestre del 2013 il Pil potrebbe essersi ridotto, ma a ritmi meno accentuati, anche grazie al miglioramento dell'interscambio commerciale»

Incubo terza ricaduta in recessione

Crolla la produzione industriale inglese

Sconfessate le tesi sulla monetizzazione del debito e i tagli alla spesa pubblica. La Gran Bretagna, guidata dal Governo conservatore del Premier David Cameron, ha tagliato la spesa pubblica a colpi di scure e al tempo stesso ha sostenuto gli aggregati di domanda di titoli pubblici, grazie alla Bank of England che ha «stampato» montagne di sterline

Politica monetaria | Crisi del debito

Draghi «il morbido»: Linea accomodante fin quando sarà necessario

Il quadro nel quale l'istituzione monetaria si trova a ponderare le sue scelte resta impegnativo. Eurostat ha appena confermato l'aggravamento della recessione subito dall'area valutaria a fine 2012, con un meno 0,6 per cento del Pil nel quarto trimestre

La crisi economica nel vecchio continente

L'Europa e la ripresa che non c'è

La recessione dovrebbe finire in questi mesi nell'area euro, ma la ripresa che si profila sarà debole e molto graduale. Non è stata certo baldanzosa la presentazione che oggi il commissario europeo agli Affari economici, Olli Rehn ha potuto offrire delle previsioni invernali da parte dell'esecutivo comunitario

Lavoro resta in crisi

La crisi accentua l'andamento divergente tra le economie dell'area Euro

La Germania che ha imboccato la ripartenza mentre altri paesi, tra cui l'Italia e la Francia, che invece restano in recessione e con dinamiche che a volte risultano perfino peggiorate. Questo il quadro in chiaroscuro che emerge dai dati definitivi dell'indice tra i responsabili degli approvvigionamenti delle imprese per gennaio

Il pil torna a calare

Londra rischia la terza ricaduta in recessione

Il Pil del quarto trimestre ha segnato una contrazione dello 0,3 per cento rispetto ai tre mesi precedenti, secondo la stima preliminare diffusa dall'ufficio di statistica. Un dato peggiore delle attese degli analisti, che in media prevedevano un meno 0,1 per cento

La crisi dei debiti sovrani

Grilli: Un'altra manovra non serve. Ridurre le tasse dimininuendo la spesa pubblica

Il Ministro dell'Economia: «Non ci sarà alcuna manovra aggiuntiva perché l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013 è in termini strutturali e non nominali, quindi è aggiustato per il ciclo economico» ovvero corretto dagli effetti della recessione, che quest'anno potrebbe essere più grave di quanto inizialmente previsto

Studio della Coldiretti

Il 2013 sarà un anno di rinunce

Sul podio delle rinunce dettate dalla recessione nel 2013 salgono le spese per l'abbigliamento che quasi tre italiani su quattro sono disposti a tagliare (74%), i divertimenti al quali il 72% è pronto a dire addio e gli acquisti tecnologi che verranno ridotti da ben il 71% dei cittadini

L'allarme lanciato dal premier Antonis Samaras

Crisi: Grecia, noi come la Germania pre-nazismo

Il primo ministro alza i toni della retorica sugli appelli per ottenere la nuova tranche di aiuti europei. I lunghi anni di recessione economica, in cui il Paese ha portato avanti duri piani di risanamento dei conti ancora non completati, hanno finito per creare una situazione di tensione sociale analoga a quella della Germania con la Repubblica di Weimar

Riviste le stime dell'OCSE

PIL, Italia maglia nera del G7

Rivisto al ribasso le previsioni sulla crescita economica dell'Italia, stimando una recessione del 2,4 per cento sul Pil 2012 a fronte del meno 1,7 per cento previsto lo scorso maggio. L'unica performance in contrazione, assieme alla Gran Bretagna, tra i paesi del G7

Politica economica | Crisi del debito

Il «Paziente italiano» e le responsabilità di Monti

Un tricolore che penzola dal balcone di una casa in cortina: questa la foto scelta per corredare un pesante articolo di apertura del Financial Times Deutschland (Ftd) intitolato «Il paziente italiano», recessione in Europa del Sud

I dati dell'osservatorio della CGIL

La recessione fa esplodere la cassa integrazione a luglio

In questi sette mesi del 2012 il totale di ore di cassa richiesta è di 640 milioni per un +8,76% sullo stesso periodo dello scorso anno, mentre a zero ore ci sono oltre 525 mila lavoratori per un taglio del reddito di oltre 2,4 miliardi di euro, circa 4.700 euro per ogni singolo lavoratore

Politica economica | Crisi del debito

Bersani: Ad agosto balleremo, ma l'Euro va difeso

Il leader del PD: L'Euro è sotto attacco e i dati della recessione italiana sono preoccupanti. Legge elettorale? Per noi il porcellum non va, per altri non so. Alleanze? Vendola più vicino, Di Pietro ha preso altra strada. Monti ha ricordato alla Germania le sue responsabilità