18 agosto 2019
Aggiornato 13:30
Movimento 5 stelle

Scintille in aula tra Boldrini e Di Battista

La presidente della Camera, sempre più ingombrante in Aula, ha tentato di zittire l'esponente del Movimento 5 stelle e lo ha anche ripreso per essersi rivolto alla Finocchiaro con il titolo di “ministro” e non di “ministra”

Duello sulla legge Cirinnà

Meloni sfida Renzi sull'utero in affitto

Il premier ribadisce il suo «no» alla pratica anche all'estero, ma la presidente di Fratelli d'Italia vuole che alle parole seguano i fatti: «Se fa sul serio renda perseguibile il reato anche commesso fuori dal nostro Paese»

Gli ultimi giorni del governo?

Renzi, nel bunker, attende lo scontro finale

Ormai è guerra aperta con tutti coloro che non la pensano come lui: i ribelli del Partito democratico, il presidente del Senato, forse persino il capo dello Stato. Così il premier si sta trasformando in un dittatorello da quattro soldi

Si riparte con gli annunci

Renzi-Berlusconi, ormai siamo al plagio

La promessa di Matteo di tagliare l'Imu è una perfetta fotocopia di quella del suo predecessore Silvio: ormai è così a corto di idee da dover rispolverare slogan di dieci anni fa. Un segno che il suo governo è finito e che il premier è già in campagna elettorale

Italicum 2.0 in aula dal 7 gennaio

Regge il nuovo patto Renzi - Forza Italia

Un escamotage procedurale deciso dai gruppi di maggioranza e Forza Italia, assecondati dal presidente Pietro Grasso consentirà all'Italicum di essere ora con certezza il primo punto all'ordine del giorno dell'assemblea del Senato, alla ripresa dei lavori.

Anna Finocchiaro studia da presidente della Repubblica

Finocchiaro: «Chiudiamo l'Italicum entro il 2014»

Anna Finocchiaro, presidente della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama, commenta le vicende relative alla legge elettorale e spinge affinché il Governo chiuda la faccenda entro la fine del 2014. La Finocchiaro sottolinea, poi, quale dovrebbe essere la tempistica per la seconda lettura dell'Italicum che inizierà a giorni.

Il blog del M5S da credito all'«indiscrezione» di Dagospia

Grillo lancia la Finocchiaro per il Colle

Il blog di Grillo denuncia gli accordi segreti (ma non tropo) tra il premier, Matteo Renzi, e l'ex Cavaliere, Silvio Berlusconi. Nel Patto del Nazareno non comparirebbero solo la Legge elettorale&co., ma anche l'elezione dell'erede di re Giorgio al Quirinale: si tratterebbe del Presidente della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama, Angela Finocchiaro.

Mafia e Quirinale

Riina: Sollevazione per l'accoppiata con Napolitano

La Procura di Palermo decide di ammettere la presenza del super boss di Cosa Nostra Totò Riina all'audizione del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. La politica reagisce alla decisione con una forte disapprovazione. Parole forte di dissenso sia dal Partito democratico che da Ncd.

Fumata nera per la Consulta

Franchi tiratori in azione: non passano Catricalà e Violante

«Abbiamo fatto una bella figura di m...», si sfoga amaro Berlusconi con tutti quanti gli vengono a tiro. Il suo candidato per la Consulta, Antonio Catricalà, è stato spazzato via dal voto di ieri. E pure quello di Renzi, cioè l’ex presidente della Camera Luciano Violante, non ha fatto una gran riuscita.

Riforme costituzionali

Primo via libera alla riforma Renzi

Ieri si è concluso l'esame degli articoli, in tutto 40, con poche modifiche. Ma il Movimento 5 stelle ha contestato duramente il Presidente del Senato Pietro Grasso accusato di essere «servile» nei confronti del governo e della maggioranza e di togliere loro il diritto di intervenire.

Riforme | Il voto al Senato

Via libera al Senato dei 100 non eletti

Matteo Renzi è ottimista: la prossima sarà la settimana conclusiva. L'obiettivo sembra davvero essere a portata di mano, con il superamento dei primi due articoli, quelli che sanciscono il superamento del bicameralismo perfetto e l'elezione di secondo grado del nuovo Senato che sarà composto da 95 membri eletti dai consigli regionali e 5 di nomina presidenziale, la riforma ha superato gli ostacoli

Dopo un lungo dibattito in Senato

Riforme: si cerca una mediazione, tra tempi e merito

Il senatore PD Vannino Chiti, capofila dei dissidenti, ha suggerito di posticipare a settembre le dichiarazioni di voto e il voto finale, e al tempo stesso di ridurre il numero degli emendamenti per concentrare la discussione su pochi punti qualificanti e cercare una mediazione anche sul merito.

Politica & Riforme

Renzi apre sull'Italicum

Ma le opposizioni non sembrano cogliere il messaggio distensivo del premier e restano sulle barricate. Per oggi il Senato si è preso una «pausa» dalla maratona costituzionale ma domani si riprende con le sedute a oltranza dalle 9,30 fino alle 24 e la prima insidia, il voto segreto sulla riduzione del numero dei parlamentari, non tarderà ad arrivare. Forza Italia intanto avverte: «No a modifiche».

Riforme Costituzionali

L'ostruzionismo rallenta l'iter delle riforme

Intanto il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, che oggi è tornata in Aula per la replica del governo, ha difeso con le unghie il suo ddl dalle contestazioni che le sono piovute addosso dagli scranni dei senatori di M5S e Sel che accusano il governo di varare una riforma autoritaria.

Palazzo Madama

Riforme: rush finale

E' iniziata la settimana decisiva per le riforme. Il premier si dice ottimista, ma oltre alla pioggia di emendamenti arriva anche l'altolà di Salvini: "Questa riforma non la votiamo".

Lunedì il voto?

Riforme, pioggia di emendamenti in Aula

Da Sel sono stati depositati quasi 6mila emendamenti, un altro migliaio dai dissidenti di Fi e Gal, nonostante il duro ultimatum lanciato oggi da Silvio Berlusconi nell'assemblea parlamentare. Numeri che potrebbero mettere davvero in difficoltà l'iter parlamentare della riforma. A questi si aggiungono i 200 emendamenti del M5S e un centinaio anche dalla Lega nonostante uno dei relatori della rifor

Riforme Costituzionali

Finocchiaro: «Al nostro paese servono Istituzioni efficaci»

E' questo l'obiettivo del ddl di riforma costituzionale che inizia oggi il suo iter in aula al Senato, ha sottolineato nel suo intervento introduttivo Anna Finocchiaro (Pd), presidente della commissione Affari costituzionali e relatrice del testo assieme al leghista Roberto Calderoli.

Riforme Costituzionali

Tiene il patto sulle riforme

Ieri il ddl Boschi ha ottenuto il primo via libera in commissione Affari costituzionali al Senato e da lunedì approderà in Aula anche se si entrerà nel vivo solo da martedì quando verranno presentati gli emendamenti, le votazioni inizieranno invece il giorno successivo. Giusto in tempo per dare a Matteo Renzi un argomento in più da portare al consiglio straordinario Ue del 16 luglio.

Via il bicameralismo perfetto

La riforma della Costituzione inizia a prendere forma

La commissione Affari costituzionali del Senato ha avviato oggi le votazioni sui testi predisposti dai relatori Anna Finocchiaro (Pd) e Roberto Calderoli (Lega) ed ha dato l'ok alle prime norme che dovrebbero disegnare l'architettura del nuovo Parlamento. Un avvio prudente, in attesa dei nuovi contatti fra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi

Riforme Costituzionali

Da lunedì si vota sul «nuovo» Senato

Resta da sciogliere il nodo sull'immunità dei nuovi senator, il governo ha sollevato dubbi sull'ipotesi che venga affidata alla Corte costituzionale il giudizio sulle autorizzazioni all'arresto dei parlamentari.

Riforme Costituzionali

Si allungano i tempi per le riforme

La data fissata il 3 luglio per portare il ddl costituzionale in aula al Senato potrebbe infatti essere solo indicativa. In molti infatti a Palazzo Madama sono convinti che occorrerà più tempo per chiudere l'intesa politica e anche per concludere l'esame in commissione, considerando che il termine per i subemendamenti è stato spostato dalle 12 alle 18 di domani quando l'ufficio di presidenza dovrà

Riforme

L'accordo sulle riforme è fatto, Boschi scarica i grillini

L'annuncio di Roberto Calderoli: «E' stata trovata la quadra. Sono stati depositati gli emendamenti a firma Calderoli e Finocchiaro alla riforma costituzionale che, quindi, è in grado di partire serenamente». Proprio l'intesa con il partito di Silvio Berlusconi è stata difesa oggi dalla Boschi in vista dell'incontro di mercoledì con la delegazione, rigorosamente parlamentare, del M5S.

Centrosinistra

Il PD chiude la vertenza dei senatori autosospesi

Il Partito Democratico ha ritrovato la sua compattezza a Palazzo Madama, ma la riforma costituzionale resta in stand by ancora per qualche giorno in attesa che Matteo Renzi, dopo gli incontri con il M5s e forse anche con Silvio Berlusconi, sciolga il nodo irrisolto della composizione del nuovo Senato.

In cerca del dialogo per le riforme

Renzi ai suoi: L'apertura di Grillo non è un bluff

Il Premier cerca di allargare il campo delle riforme e insegue il dialogo con M5s e Fi. La prossima settimana potrebbe essere fissato un incontro con Grillo, ma il vero nodo da sciogliere resta l'atteggiamento di Silvio Berlusconi

Politica & Riforme

Renzi stringe su Mineo e avvisa Forza Italia

Il Presidente del Consiglio non intende perdere altro tempo sulla riforma del Senato e manda segnali chiari in vista del colloquio che dovrebbe avere con Silvio Berlusconi la prossima settimana, il vero snodo della partita delle riforme.

La riforma della legge elettorale

Finocchiaro: «Cambiare anche il Porcellum subito è possibile»

La presidente della commissione Affari costituzionali, Anna Finocchiaro, al termine del voto sul suo emendamento al ddl che istituisce il Comitato dei 42, osserva: «Si può partire nelle commissioni senza aspettare il comitato»

Riforma della legge elettorale

Finocchiaro deposita ddl per mattarellum «corretto»

Le scelte di coalizione vengono favorite già in fase pre-elettorale perché «il premio viene attribuito a chi raggiunge il 40%, ma con un sistema che garantisce una tendenziale omogeneità di maggioranza in entrambe le Camere»

I partiti e la riforma della legge elettorale

Finocchiaro: Il nodo ora più che mai è la legge elettorale

La Presidente dei Senatori Democratici: «C'è chi vuole caos per bloccare il PD. Sono pronti a mettere in stallo Paese, giocano col fuoco». Fini: «Se non si passa a fatti antipolitica dilaga». Alfano: «Speriamo in conclusione in tempi rapidi»

Bindi: Non vogliamo Porcellum, mai votato

Finocchiaro a Gasparri: Legge elettorale? E' il Pdl che ha chiesto il rinvio

«Capisco che Gasparri cerchi di salvare il salvabile, ma è scorretto addebitare ad altri partiti proprie rersponsabilità. E' stato il PdL oggi a chiedere il rinvio in commissione Affari costituzionali sulla legge elettorale». Lo dichiara in una nota Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del PD

Il testo sulle riforme costituzionali

Senato, basteranno 35 anni per essere eletti

Passa l'articolo 3, voto a 18 anni per palazzo Madama. Finocchiaro (Pd): Non partecipiamo più a discussione indegna. Quagliariello (Pdl): Abbandono dell'Aula è atto eversivo. Gasparri (Pdl): Basta ostruzionismo, Senato deve votare

Riforme Costituzionali

Il Senato riduce i Deputati, ma non li dimezza

Se mai vedrà la luce, la nuova Camera sarà composta da 508 deputati (8 eletti all'estero), anziché 630, e i suoi membri potranno essere giovanissimi perché l'età minima per essere eletti si abbasserà da 25 a 21 anni. Schifani, criticato dal PD, rinvia il nodo semipresidenzialismo

La Corte Costituzionale respinge l'incostituzionalità

Aborto, la Consulta boccia il ricorso

Inammissibile la questione sollevata da un Giudice di Spoleto sulla legge 194. Mantovano: Decisione «pilatesca». Finocchiaro: La 194 è una buona legge, bisogna applicarla. Vendola: Fallito tentativo di affossare legge di civiltà. Livia Turco: La Legge 194 inattaccabile perché equilibrata

Domani il voto al Senato

Finocchiaro: Il PD dirà sì all'arresto di Lusi

La Presidente dei Senatori Democratici: Ci auguriamo che anche altri gruppi facciano altrettanto. Casini: Chi traffica su voto segreto vuole santificare Grillo. Crosetto: Se non sarà preso a calci, i calci li prendiamo noi

Tentativo di compromesso

Riforme Costituzionali, accordo a rischio

Si complica il cammino delle riforme costituzionali al Senato: la proposta del Pdl di inserire il semipresidenzialismo nel testo Vizzini, approvato a larga maggioranza dalla commissione, mette in grossa difficoltà sia il Pd che il partito guidato da Angelino Alfano