16 gennaio 2021
Aggiornato 04:00
Riforme Costituzionali

Finocchiaro: «Al nostro paese servono Istituzioni efficaci»

E' questo l'obiettivo del ddl di riforma costituzionale che inizia oggi il suo iter in aula al Senato, ha sottolineato nel suo intervento introduttivo Anna Finocchiaro (Pd), presidente della commissione Affari costituzionali e relatrice del testo assieme al leghista Roberto Calderoli.

ROMA - Innovare le istituzioni perchè le decisioni politiche siano più efficaci, nel rispetto della Costituzione, «sperimentare il 'dovere costituzionale' di innovare quando ciò sia indispensabile per dare forza ed efficacia alle istituzioni e al Paese». E' questo l'obiettivo del ddl di riforma costituzionale che inizia oggi il suo iter in aula al Senato, ha sottolineato nel suo intervento introduttivo Anna Finocchiaro (Pd), presidente della commissione Affari costituzionali e relatrice del testo assieme al leghista Roberto Calderoli.

«Non sfugge a nessuno di noi - ha detto Finocchiaro - il rilievo e la portata modificativa di questa riforma. Senza dubbio la più significativa dall'inizio della storia repubblicana per quello che riguarda il Parlamento. A nessuno di noi sfugge la responsabilità che stiamo assumendo nel ridefinire, così profondamente, l'assetto costituzionale».

«Molte volte - ha proseguito - mi sono interrogata su quale fosse lo spirito giusto per affrontare quest'opera e per compiere il dovere di collocare coerentemente e pienamente nella tradizione costituzionale repubblicana e, al contempo, introdurre innovazione positiva, utile a ridare slancio all'agire dell'istituzione parlamentare. Partivamo dall'esigenza di puntare sulla efficacia e prontezza della decisione politica, e sulla differenziazione dei compiti delle due Camere per adeguarli ai bisogni di un Paese molto cambiato: in ragione dell'appartenenza all'Unione e del conseguente rilievo assunto, per l'ordinamento italiano, dalla normazione comunitaria nelle sue diverse fonti; per il ruolo, anche legislativo, assunto dalle Regioni; per il peso istituzionale e politico dei Comuni. Coglievamo la necessità di rispondere alla domanda di strumenti di democrazia diretta che così significativamente sale dal Paese, ed anche alla positiva domanda di controllo e verifica dell'agire dei poteri, a cominciare da quello del Governo. Sapevamo di dover mantenere integro il sistema di garanzie che è proprio della nostra tradizione costituzionale, anche a fronte della concorrente necessità di assicurare all'Italia governi stabili e duraturi».

«Grande conforto - ha continuato la senatrice del Pd - mi è personalmente venuto dalla rilettura degli atti della Costituente. Vi ho trovato gli stessi affanni, talvolta gli stessi conflitti che attraversano la nostra discussione, identiche suggestioni e la consapevolezza di molti (che pure votarono affermativamente) che il sistema bicamerale perfetto fosse - nelle condizioni date - una transazione. Adopero il termine non a caso. Ho ritrovato in un intervento dell'on. Perassi la citazione di Carlo Cattaneo che definisce appunto la legge 'una transazione'. Laddove ciò significhi non tradimento della ragione di una delle parti, ma componimento di essa con le altre».

«Alla fine del lavoro di Commissione ed alla vigilia di quello d'Aula, rispondo come so - ha detto ancora Finocchiaro - alla domanda iniziale: quale sia lo spirito giusto per affrontare la riforma. Ora credo di conoscerlo perché ha vissuto nell'impegno con cui tutti i colleghi hanno lavorato. E' quello di sperimentare il 'dovere costituzionale' di innovare quando ciò sia indispensabile per dare forza ed efficacia alle istituzioni e al Paese. quello di non considerare il nuovo ciò che resta da un'opera di ritaglio dell'esistente, che quindi riduce, sminuisce, impoverisce, ma, al contrario, un'innovazione che precisa funzioni inedite e nuovi poteri, riconosce nuove garanzie, sovviene a malfunzionamenti, è attento a sempre ricercare un nuovo, avanzato, equilibrio del sistema».

«In questo senso, il progetto di nuova fisionomia del Senato della Repubblica e il modello con cui superiamo il bicameralismo perfetto che oggi proponiamo all'Aula è frutto di un lavoro di arricchimento, precisazione e definizione del testo base. Un risultato - ha concluso Finocchiaro - che si coglie immediatamente leggendo il testo della Commissione: un testo figlio della forza e della responsabilità del parlamentarismo».