31 gennaio 2023
Aggiornato 17:30
Calciomercato | Milan

Attacco a Galliani: poche idee ma ben confuse

È l'alba di una nuova stagione e sebbene questo sia stato l’anno del rilancio economico (già quasi 85 milioni spesi sul mercato), il centrocampo del Milan continua a mostrare falle paurose. Dei tanti nomi fatti nelle ultime settimane nessuno sembra fare realmente al caso rossonero. E i tifosi iniziano a mugugnare.

Sostenibilità energetica

Il Teatro alla Scala si fa green

La Fondazione che gestisce gli edifici del palcoscenico fra i più famosi d'Italia ha siglato un accordo da 3 milioni di euro con Cofely Italia per l'efficientamento dei suoi 73mila metri quadrati sparsi in diversi edifici. Fra le altre cose dei Led sostituiranno le lampadine a incandescenza, si ridurranno gli sprechi d'acqua e saranno installati impianti fotovoltaici, termici e a cogenerazione

Ddl ratifica in Consiglio dei Ministri

Fisco, avanti su accordo Italia-Svizzera

Il protocollo d'intesa di fatto prevede lo scambio di informazioni ai fini fiscali fra Italia e Svizzera, ponendo fine al segreto bancario. Sul tavolo del Cdm anche i ddl di ratifica degli accordi con il Principato di Monaco, con la Santa Sede e il Liechtenstein.

Aveva predetto la crisi cinese

Rogoff: «Non ci sarà la catastrofe, almeno per ora»

Per il Professore di economia di Harvard il motivo è il debito del paese che ha raggiunto il 282% del Pil passando da 7.000 miliardi del 2007 a 28.000 miliardi del 2014. Una condizione alla quale si aggiunge una economia che procede molto lentamente e che potrebbe contagiare tutto il mondo.

Legge di stabilità

Governo che va obiettivo che resta

La passione della politica per le tasse sulla prima casa non si placa e l'esecutivo Renzi conferma l'intenzione di eliminare la Tasi e l'Imu per tutti, con l'obiettivo di far tornare la prima abitazione libera da tassazione per i 25 milioni di italiani proprietari, così come avvenuto tra il 2008 e il 2011 e nel 2013.

Calciomercato | Milan

Milan, è Moutinho il nome nuovo per il centrocampo

Il suo club, il Monaco, è stato appena eliminato nei playoff di Champions League e questo potrebbe agevolare la trattativa. Ma il ragazzo è attualmente infortunato e sarà fuori almeno fino alla fine di settembre. L’alternativa, sfumato Illaramendi ormai del Real Sociedad, è sempre Witsel, anche se c’è da sconfiggere la concorrenza della Juve. Soriano è l’ultima opzione.

Il vicepresidente del Senato risponde al premier

«Renzi, ride bene chi ride ultimo»

«Spiace che il premier, al posto che considerare le volontà del Parlamento, la butti su una risata»: il vicepresidente del Senato, il leghista Roberto Calderoli, replica alle parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi, cheieri ha detto che «una risata seppellira» chi ha presentato vagoni di emendamenti sulle riforme costituzionali

La stretta finanziaria sarà posticipata

Fed, in arrivo un QE4?

A lanciare l'ipotesi (forse per primi) sono Lawrence Summers, ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti e professore ad Harvard, e Ray Dalio, il più grande hedge fund manager al mondo.

A chiederlo è Enzo Fasano di Forza Italia

Perché Esposito parla per conto dell'intelligence?

«Assurto a portavoce servizi segreti, assicura la sicurezza dei cieli», ma è soltanto un membro del Copasir. Così Enzo Fasano, senatore di Forza Italia, punta il dito contro il senatore Giuseppe Esposito che nelle ore scorse ha assicurato che il volo dell'elicotterista sul funerale dei Casamonica fosse sicuro

Previsto per giovedì 27

In Cdm arriva la relazione del Viminale su Mafia Capitale

Sul tavolo di Renzi e dei ministri finiranno almeno due dossier relativi alla capitale, primo fra tutti quello che riguarda il punto sulla spinosissima questione legata alle inchieste note come Mafia Capitale e quindi delle infiltrazioni criminali nell'amministrazione capitolina dopo la relazione del Prefetto di Roma, Franco Gabrielli giunta nei mesi scorsi al Viminale

Parla Fabio Rampelli, capogruppo di FdI-An

FdI: «Caso Marò? Un fallimento tutto italiano»

Sarebbe bastato fare ciò che chiedeva il ministro Giulio Terzi e trattenere i due fucilieri di Marina in Italia, oppure ricorrere immediatamente all'arbitrato internazionale, «prima di innescare un tira e molla informale che ha nei fatti diminuito il potere contrattuale italiano, accettando che Girone e Latorre permanessero in India fino a sentenza», afferma il capogruppo di FdI Rampelli