15 novembre 2019
Aggiornato 22:30
Fusione Popolare di Vicenza e Veneto Banca

Veneto Banca, S&P declassa il rating dei subordinati

L'agenzia di rating americana ha abbassato il rating dei subordinati di Veneto Banca a causa della possibile ricapitalizzazione precauzionale e dell'elevata probabilità dell'intervento dello Stato nel capitale dell'istituto

Dai sub prime alla deflazione, passando per lo spread e la guerra

Il «secolo perduto» iniziava dieci anni fa. La grande crisi è divenuta normalità

Le prime fessure nel sistema giungono nel febbraio del 2007, mentre l'Italia discute sulla condanna della Franzoni e un giovane candidato di colore tenta la scalata alla Casa Bianca. Nessuno capì cosa stava per accadere. E nessuno sa ancora come uscirne

Italia declassata, ma cambia poco

«No riforme, no party»

Condannate negli Stati Uniti a pagare cospicui risarcimenti, le agenzie imperversano sui mercati finanziari con i loro giudizi finanziari

Il «conto di Renzi»

Il «conto» (salato) di Renzi per l'economia italiana

Il Fmi ha tagliato le stime sulla crescita del Pil del Belpaese per il 2017 e per il 2018. L'agenzia di rating canadese Dbrs ha declassato il debito pubblico italiano da A a BBB. E l'Unione europea ora presenta al governo Gentiloni il «conto di Renzi»

Moody's taglia l'outlook sulle banche italiane

Banche italiane, l'elenco delle più rischiose per investire

Moody's ha tagliato l'outlook sulle banche italiane portandolo da stabile a negativo. Cosa rischiano i risparmiatori italiani che vogliono investire in obbligazioni subordinate?

Pesa la crisi di Mps

Banche italiane, Moody's taglia l'outlook da stabile a negativo

Moody's ha tagliato l'outlook sulle banche italiane portandolo da stabile a negativo. Pesano sia l'incognita rappresentata dal Monte Paschi che l'effetto della bocciatura al referendum costituzionale

Esame superato

S&P conferma il rating in Fvg, la regione è best practice

Gli osservatori internazionali della Standard&Poor's hanno valutato positivamente il robusto sistema di relazioni politiche e istituzionali che il governo regionale ha costruito in questi anni

Pil fermo allo zero virgola

Renzi e la stangata di S&P che stronca la crescita italiana

Da Standard & Poor's arriva uno schiaffo morale per il governo Renzi. Solo pochi giorni fa il premier aveva esultato dopo la pubblicazione dei dati Istat relativi alla crescita del III trimestre 2016. Ma ora S&P stronca la crescita italiana

Crisi dell'UE

Non solo Mps e Deutsche Bank. Prossima fermata della crisi Lisbona

La crisi del Monte dei Paschi e quella di Deutsche Bank hanno monopolizzato le maggiori testate internazionali. Ma l'UE non deve preoccuparsi solo delle banche. I problemi dell'economia portoghese potrebbero esplodere da un momento all'altro

Anche sul referendum costituzionale gli Usa si fanno sentire

Un tempo la Cia, oggi le agenzie di rating: Italia sempre schiava degli Usa

A quanti padroni dobbiamo rispondere oggi? E perché il referendum costituzionale di Renzi fa gola a così tanti soggetti? L’Italia ha ancora dei mercati che sono blindati, perché direttamente gestiti dallo Stato.

debito pubblico verso il 250%

La nuova crisi finanziaria mondiale potrebbe arrivare dal Giappone

L'allarme lanciato da Shinzo Abe al G7 coincide con la tesi dell'ex capo economista del FMI. La crescita del debito nipponico è una spirale pericolosa per tutta l'economia mondiale e il Giappone è ancora nelle secche della stagnazione e della deflazione. L'Abenomics non sta funzionando

L'Italia vista dall'estero

Il debito sale, ma S&P conferma il rating dell'Italia (ed elogia Renzi)

L'aumento del debito pubblico non preoccupa S&P che ha confermato il rating a lungo termine a «Bbb-». L'outlook è stabile perché l'agenzia valuta come «ricca e diversificata» l'economia del paese e sottolinea il fatto che il governo «sta gradualmente implementando varie importanti riforme».

Dopo il boom degli anni passati

America Latina in crisi, le ricette di FMI e Banca Mondiale

Dopo dieci anni di forte crescita economica, i paesi dell'America Latina, e in particolare il Brasile, cominciano a perdere colpi, come tutti gli altri mercati emergenti del mondo di fronte al crollo dei prezzi delle merci

Descalzi: «Sono particolarmente soddisfatto»

Avvio di 2015 brusco per ENI

Il Cane a sei zampe ha chiuso il primo trimestre con l'utile netto a 700 milioni (-46%), quello operativo adjusted invece si è attestato a 1,57 miliardi (-55%). Ricavi in calo del 18,5% a 23,79 miliardi di euro, mentre è salito di quasi due miliardi l'indebitamento finanziario netto, passato dai 13,69 miliardi del 31 dicembre 2014 agli attuali 15,14 miliardi

Segnali economici infausti

Grecia, il default si avvicina?

Crollano i titoli di stato sull'ipotesi default, e lo spread decolla. Standard & Poor's taglia il rating, abbassandolo da B a CCC+, a causa dell'alto rischio di un ulteriore peggioramento della liquidità. Dall'FMI fanno sapere: «Stiamo lavorando sodo» per un ritorno alla crescita ellenica.

Parigi non vende una centrale dal 2007

Nessuno vuole più comprare il nucleare francese

Conti sempre più in rosso per la compagnia controllata per l'87% dal governo di Parigi. La società ha decuplicato le perdite, passando dal rosso di 500 milioni del 2013 ai 4,9 miliardi di euro odierni. Pesano i costi legati ai ritardi e alla svalutazioni per la realizzazione di alcuni impianti in Finlandia e la ristrutturazione di quelli in Patria

I 5 Paesi emergenti in difesa dei conti di Putin

Standard and Poor's boccia la Russia, i BRICS: facciamo da soli

A marzo si terrà un incontro fra un «gruppo di contatto di esperti» per la creazione di «un'agenzia di rating indipendente, all'interno del gruppo (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica,ndr)», ha detto l'ambasciatore brasiliano a Mosca, Antonio Jose Vallim Guerreiro. Non si verrebbe a creare qualcosa di nuovo, ma si darebbe sostanza alla Universal Credit Rating Group. Ma chi c'è dietro?

Nel Giorno della Memoria

Putin accusa l'Occidente: «complici dei nazisti» in Ucraina

Il presidente russo ha paragonato la situazione dei civili nelle repubbliche separatiste ucraine a quella degli ebrei sterminati ad Auschwitz. Il numero uno del Cremlino ha definito «inaccettabile qualsiasi tentativo di mettere a tacere gli eventi, distorcere, riscrivere la storia», come a suo dire sta facendo il governo ucraino spalleggiato dalle potenze della NATO

Per Pechino Mosca vale più degli USA

La Merkel boccia Putin, la Cina lo promuove

La leadership ha il suo prezzo. Frau Merkel ha subito un attacco informatico da parte di un'organizzazione ucraina filorussa (la CyberBerkut), rivolto contro il suo sito web ed altri portali tedeschi. La Cancelliera aveva espresso parere negativo sulla possibilità di sospendere le sanzioni contro Mosca, ma se l'Europa ha deciso la linea dura contro Putin, i cinesi non disdegnano di aiutarlo.

L'ex segretario USA rivela

Contro Berlusconi un complotto della Germania

Renato Brunetta, capogruppo di Fi alla Camera, scrive in un tweet del complotto che sarebbe stato ordito ai danni del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi dalla Germania. Brunetta si rifà alle ultimissime dichiarazioni, riportate sui giornali, dell'ex segretario USA Geithner secondo il quale l'Ue, su spinta tedesca, avrebbe lavorato per far cadere il governo guidato nel 2011 da Berlusconi.

Rinvio a giudizio dei giudici di Trani

S&P e Fitch hanno complottato contro Berlusconi

Forza Italia esprime «grande soddisfazione» per il rinvio a giudizio a Trani di sei tra manager ed analisti di Standard & Poor's e ad altri due dell'agenzia Fitch, accusati di manipolazione del mercato.

Nel Pd ostilità al South Stream

Mucchetti (Pd): il gasdotto che viene da Mosca non serve più

"Non c'e dipendenza dalla Russia, l'Italia ha molti altri fornitori. Questo fa bene a tutti perche' alla Russia toglie la tentazione di usare il gas come strumento di politica estera, riducendo il gas a quello che deve essere semplicemente, cioe' un affare economico": ne è convinto Massimo Mucchetti del Pd.

La crisi dei debiti sovrani

La Corte dei Conti chiede 234 miliardi a Standard&Poor's

Secondo i magistrati contabili nel 2011 le agenzie di rating declassarono pesantemente il giudizio dell'Italia. Ad essere state citate in giudizio sarebbero anche le altre due agenzie di rating Moody's e Fitch. Forza Italia: «Danno politico a Governo Berlusconi». Intanto il Codacons si dice pronto alla class action

Conti pubblici | Crisi del debito

L'Europa bocciata da S&P: meno affidabile. Rehn contesta il declassamento

L'Unione europea ha perso la prestigiosa tripla A, il livello più elevato, ed è stata declassata di un gradino a 'AA+. La decisione dell'agenzia ha rapidamente innescato reazioni da più parti, tanto più che il taglio è piombato in pieno vertice europeo

Stati Uniti

Obama fa causa a Standard and Poor's per i mutui subprime

A dare la conferma ufficiale è stato il ministro della Giustizia Eric Holder, che ha spiegato che la Giustizia americana punta ora a fare pagare a S&P danni per 5 miliardi di dollari, la cifra più alta mai chiesta per un procedimento legale di questo tipo collegato alla crisi finanziaria

Nuovo regolamento

Agenzie di rating, giro di vite dell'Europarlamento

Fra le novità più importanti, il regolamento impone dei limiti precisi per mettere sotto controllo i conflitti d'interessi che in passato hanno caratterizzato l'attività delle agenzie di rating: spesso loro clienti, o detentori di quote del loro capitale, sono infatti le stesse entità che sono sottoposte ai loro giu

La crisi dei debiti sovrani

La Spagna «scende» di due scalini a BBB-

Standard & Poor's boccia la Spagna. L'agenzia di rating americana ha abbassato il rating spagnolo di due scalini, da BBB+ a BBB-, uno scalino sopra la valutazione «junk», spazzatura. E ha mantenuto l'outlook negativo per Madrid

Inchiesta rating

Nel mirino della Procura di Trani S&P di New York

E' stato aperto un secondo fascicolo sulla sede di New York che segue la notifica dell'avviso di chiusura delle indagini avvenuto nei giorni scorsi. Cinque le persone indagate, tra cui l'ex presidente di S&P, Deven Sharma e l'a.d. per l'Italia di S&P, Maria Pierdicchi, indagata per favoreggiamento

S&P: Berlino manterrà la tripla A anche in caso recessione

L'Agenzia americana Egan-Jones abbassa il rating della Germania

L'agenzia statunitense ha abbassato il rating tedesco (da Aa a Aa-) con outlook negativo, a causa del fardello finanziario che Berlino dovrà addossarsi per il salvataggio dell'Eurozona. Juncker: L'Eurozona è «sull'orlo» della recessione. Fitch: Monti può dare fiducia ma c'è tanto da fare

La crisi del debito sovrano in Europa

S&P: Berlino manterrà la tripla A anche in caso recessione

Lo ha detto in un'intervista alla Bild Moritz Kraemer: Crediamo che la Germania si trovi in una posizione relativamente forte e che dovrebbe sopportare una evenutale recessione quest'anno senza perdere il suo rating

La crisi del debito in Europa

«C'è chi ha interesse a destabilizzare l'Euro»

Il commissario UE agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, intervenendo sul declassamento operato venerdì sera da Standard & Poor's su nove paesi dell'Eurozona, ha messo pesantemente in dubbio l'imparzialità e l'oggettività delle analisi delle agenzie di rating

Annullata la trilaterale di venerdì a Roma

Salta il vertice Monti-Merkozy, il Premier insiste: Berlino faccia di più

Il Professore soddisfatto per l'incontro con i Partiti: Lavoro proficuo. Quelle che non possono lasciare soddisfatto il premier sono invece le notizie dall'Europa: Standard & Poor's che declassa ad AA+ l'Efsf, Sarkozy che fa slittare il vertice

La visita a Roma del Presidente del Consiglio UE

Monti-Van Rompuy: S&P? Colpa di una carenza di Governance. Ora la crescita

Roma sulla via giusta, ma il «cresci-Italia» cruciale per i mercati. Casini: Ci sarà una mozione Pd-Pdl-Terzo Polo a sostegno di Monti. Alfano: Mozione con firma Segretari? Lo vedremo. Storace: Buona notizia se Merkel e Sarkozy non vengono a Roma