28 giugno 2017
Aggiornato 14:00
> <
RSS

Busin (LN): la respirazione bocca a bocca non rianimerà un festival nato morto

1 milione di euro: questa, l'entità del finanziamento che il Ministro dei Beni culturali Franceschini, tramite l'Istituto Luce, ha per ora destinato alla rassegna cinematografica romana. Un provvedimento che non è piaciuto al Capogruppo veneto della Lega in Commissione Bilancio, Filippo Busin. Il quale ricorda che, di vera kermesse cinematografica, in Italia ce n'è una sola: la Mostra di Venezia

«La foresta di ghiaccio», una favola nera

Il film di Claudio Noce svela il mistero che si nasconde tra un paese alpino scuro e ghiacciato e la centrale elettrica che lo domina: in quest'angolo d'Italia si muovono uomini enigmatici, fra cui due fratelli serbi, interpretati da Emir Kusturica e Adriano Giannini, un giovane operaio di origine bosniaca (Domenico Diele) e un'investigatrice sotto mentite spoglie, interpretata da Rappoport.

Festival di Roma, vince «Tir» di Alberto Fasulo

La giuria presieduta da James Gray ha scelto di premiare il film costruito come un documentario che racconta la quotidianità di un camionista che viene dai Balcani a lavorare per una ditta italiana di trasporti e gira l'Europa sul suo automezzo. Migliori interpreti Scarlett Johansson e Matthew McConaughey

Festival di Roma, +20% la prenotazioni dei biglietti

In aumento anche gli accrediti per mercato Business Street. Sulla scelta di una commedia come «L'ultima ruota del carro» di Giovanni Veronesi come film d'apertura del festival, il direttore artistico Marco Muller ha detto: «E' un film italiano che secondo noi avrà la possibilità di viaggiare anche al di fuori del nostro Paese»

Marc'Aurelio d'oro a «Marfa Girl»

E' «Marfa Girl» del regista Usa Larry Clark il vincitore del Marc'Aurelio d'Oro per il miglior film di questa settima edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Due riconoscimenti al discusso «E la chiamano estate» di Paolo Franchi, miglior regia e miglior interprete femminile Isabella Ferrari, e uno ad «Alì ha gli occhi azzurri» di Claudio Giovannesi

RomaFilm, Gassman presenta «Razzabastarda»

Il rapporto intenso tra un padre e un figlio ma soprattutto una storia di immigrati ai margini della società, in una periferia degradata. Alessandro Gassman debutta come regista al cinema con «Razzabastarda», presentato nella sezione Prospettive Italia al Festival Internazionale del Film di Roma

RomaFilm, sabato la serata benefica in onore di Sean Penn

A organizzare l'evento, Désirée Colapietro Petrini, grazie all'impegno di Cinecittà Studios, al supporto di Giorgio Armani e alla partecipazione di amici e imprese che hanno contribuito come sponsor tecnici donando oggetti per l'asta o facendo pervenire una donazione alla J/P Haitian Relief Organization fondata dall'attore americano

> <