> <
RSS

FdI: «Caso Marò? Un fallimento tutto italiano»

Sarebbe bastato fare ciò che chiedeva il ministro Giulio Terzi e trattenere i due fucilieri di Marina in Italia, oppure ricorrere immediatamente all'arbitrato internazionale, «prima di innescare un tira e molla informale che ha nei fatti diminuito il potere contrattuale italiano, accettando che Girone e Latorre permanessero in India fino a sentenza», afferma il capogruppo di FdI Rampelli

«I marò restano in Italia»

E' la svolta annunciata ieri dalla Farnesina con un comunicato secondo cui il Governo italiano ha reso noto al governo indiano che, «stante la formale instaurazione di una controversia internazionale tra i due Stati, i fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non faranno rientro in India alla scadenza del permesso loro concesso»

Terzi a Londra alla riunione degli «Amici dello Yemen»

Era stata proprio l'Italia a proporre nel gennaio di tre anni fa, di dare vita ad un Gruppo che, riunendo attorno allo stesso tavolo gli attori internazionali più impegnati nel promuovere la stabilizzazione dello Yemen, si incaricasse sia di definire le necessarie iniziative di sostegno politico, che di coordinare i programmi di aiuto bilaterali e multilaterali

Il Ministro Terzi riceve John Kerry

La crisi siriana, la sicurezza internazionale, l'accordo sul libero scambio tra Unione europea e Stati Uniti: sono questi i temi di cui discuteranno questa sera il ministro degli Esteri, Giulio Terzi e il segretario di Stato Usa John Kerry, giunto oggi in visita ufficiale in Italia

L'Italia impegnata per la sicurezza in Libia

Alla Conferenza di Parigi, il ministro libico degli Affari Esteri Mohamed Abdelaziz è arrivato con le idee piuttosto chiare e un obiettivo irrinunciabile: ottenere «il sostegno tecnico» degli Stati amici della Libia per rilanciare le sorti del suo paese. Il Ministro Terzi: «80 progetti, impegnati soprattutto su controllo confini»

Farnesina chiede prudenza agli italiani di Asmara

Ancora questa notte la capitale appariva parzialmente paralizzata; la zona dell'aeroporto non è soggetta a ostacoli mentre è bloccata l'area dove si trova il ministero dell'Informazione, dove le trasmissioni della tv pubblica sono state interrotte. La Farnesina ha emesso un avviso in merito sul sito viaggiaresicuri.it

La pena di morte va abolita

Con Svizzera, Francia, Liechtenstein, Austria e Germania. L'idea che si possa uccidere in nome della giustizia si scontra, dicono i firmatari, con i valori difesi dai nostri Paesi. La pena capitale non è compatibile con il rispetto dei diritti dell'uomo, svilisce anche la disgnità umana e il diritto di non essere sottoposti a tortura

Terzi: Cresce l'export anche nel «grande mediterraneo»

«L'internazionalizzazione sarà sempre più la carta vincente per gli imprenditori italiani, per i nostri servizi e le nostre società» per uscire dalla crisi. Il ministro degli Affari esteri, Giulio Terzi, ha un «cauto ottimismo» per la ripresa italiana, visti i dati incoraggianti che arrivano dall'export anche verso i paesi del Golfo

Terzi: In Siria siamo ad un punto di svolta

«Il senso di urgenza, la necessità di accelerare i tempi per fermare il conflitto» e consentire al Paese di «voltare pagina». Lo ha sottolineato oggi il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi, in un lungo intervento su Repubblica intitolato «Preparare un futuro senza Assad»

Terzi: Ripensare l'interesse «nazionale» europeo

«Con Guido Westerwelle, Laurent Fabius, Josè Margallo e altri colleghi», ha aggiunto il titolare della Farnesina, condividiamo l'urgenza di una politica estera dell'Unione europea che integri nella proiezione esterna dei Ventisette le questioni della difesa, dell'energia, delle migrazioni, dei valori dell'uomo»

Terzi: Più pressioni perchè Assad lasci

Oggi a Bruxelles i capi delle diplomazie europee affronteranno questioni fondamentali per la stabilità del vicinato europeo e temi caldi sullo scacchiere internazionale, a partire dalla drammatica evoluzione dello scenario siriano, passando per il processo di transizione democratica in Libia e gli equilibri in Africa

> <