18 novembre 2019
Aggiornato 01:30
Il rapimento di Paolo Bosusco e Claudio Colangelo

India, Terzi a Krishna: Assoluta priorità incolumità dei rapiti

Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri in una «lunga conversazione telefonica» con il collega indiano che assicura il «massimo impegno» sul caso

ROMA - Sul caso di Paolo Bosusco e Claudio Colangelo, i connazionali rapiti dai maoisti nello stato indiano dell'Orissa «ogni iniziativa assunta da parte indiana» deve avere come «obiettivo prioritario anzitutto la tutela della sicurezza e dell'incolumità dei due cittadini italiani». Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri Giulio Terzi in una «lunga conversazione telefonica» con il collega indiano S.M. Krishna, come fa sapere la Farnesina in una nota.

MASSIMO IMPEGNO INDIANO - Krishna ha aggiornato il capo della diplomazia italiana sugli ultimi sviluppi, confermando il «massimo impegno delle autorità indiane, a livello federale e statale, per una positiva soluzione del caso» si legge nel comunicato del ministero. E proprio a questo riguardo, Terzi ha sottolineato al collega di New Delhi l'«assoluta necessità che ogni iniziativa assunta da parte indiana abbia come obiettivo prioritario anzitutto la tutela della sicurezza e dell'incolumità dei due cittadini italiani». I due ministri hanno convenuto di mantenersi in stretto contatto.