> <
RSS

Posta consegnata a singhiozzo? L'Ue non è d'accordo

L'ultima riunione dell'Agcom dello scorso venerdì ha visto una prima approvazione della riforma del sistema postale. L'ad Francesco Caio nel riordino previsto per riportare in pari i conti di Poste italiane, propone la consegna della corrispondenza non più quotidiana, ma ogni due giorni. La Direttiva dell'Ue sui servizi postali lo contraddice: «Servizio tutti i giorni».

Tancredi: sulla Tv nessuna vendetta contro Berlusconi

Un emendamento dell'esecutivo rischia di alimentare l'attrito già esistente tra maggioranza e Forza Italia. Il Milleproroghe scatena una polemica nel centrodestra in merito all'emendamento del governo presentato alla Camera sulle frequenze tv che sottrarrebbe a Rai e Mediaset circa cinquanta milioni di euro. Per Forza Italia è il prezzo della rottura del Nazareno.

La Fieg dichiara guerra a Google

Oggi davanti al Tar un altro appuntamento della disputa tra Google e l'Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni. L'ente chiede che il colosso dell’informatica americano sia obbligato a rendere pubblici i dati sul fatturato pubblicitario nel nostro Paese.

Agcom chiede più trasparenza a Tim e Vodafone

Nel mirino dell'Autorità delle telecomunicazioni le modifiche introdotte dai due operatori mobile per i servizi informativi di chiamata. L'authority ha avviato una verifica per assicurare che l'introduzione di un pagamento per i servizi informativi di chiamata «LoSai» e «ChiamaOra» e «Chiamami» e «Recall», «avvenga senza arrecare pregiudizio agli utenti»

Agcom: Italia debole sulle reti digitali di ultima generazione

Il presidente dell'Autorità di garanzia nella comunicazioni, Angelo Marcello Cardani: «Sebbene nell'ultimo anno si sia parzialmente ridotto il divario digitale dell'Italia rispetto alla media europea (scoreboard dell'Agenda digitale europea), molti sforzi restano da compiere e in questo comune obiettivo l'Autorità continua a fare la sua parte». Boldrini: digital divide nuova diseguaglianza

> <