21 ottobre 2019
Aggiornato 12:30
Telefonia

Rimborso per fatturazione 28 giorni: con i servizi alternativi si guadagna

Le compagnie telefoniche hanno iniziato a proporre ai loro clienti differenti tipologie di rimborso che possono sostituire l’indennizzo in denaro, imposto dall’AGCOM.

Rimborso per fatturazione 28 giorni
Rimborso per fatturazione 28 giorni Pixabay

In queste ultime settimane, le compagnie telefoniche hanno iniziato a proporre ai loro clienti delle forme alternative di ristoro che possono sostituire l’indennizzo in denaro, imposto dall’AGCOM, legato all’introduzione del sistema di fatturazione a 28 giorni che, un paio d’anni fa, ha comportato un ingiustificato incremento tariffario con l’aggiunta di una tredicesima mensilità per gli utenti.

Il prossimo 4 luglio il Consiglio di Stato stabilirà se i rimborsi spettanti agli utenti dovranno essere automatici o meno. Nel frattempo, i provider interessati dal provvedimento hanno iniziato a proporre delle formule alternative ai loro clienti che, rinunciando all’indennizzo in denaro, possono avere accesso a sconti, tariffe speciali ed altri bonus disponibili in modo completamente gratuito.

Il nuovo osservatorio di SosTariffe.it ha analizzato le «contro-offerte» dei provider di telefonia con l’obiettivo di valutarne il reale valore economico in rapporto a quelli che sono i possibili indennizzi che gli operatori dovranno riconoscere agli utenti. Questo sistema di rimborsi alternativi creato ad hoc dai provider prevede, per gli utenti, la possibilità di ottenere bonus considerevoli rinunciando al diritto di richiedere l’indennizzo per la fatturazione 28 giorni.

Analizzando i servizi alternativi proposti dalle compagnie telefoniche, SosTariffe.it ha riscontrato un valore medio di 52 Euro per i rimborsi alternativi. Si tratta di un dato decisamente superiore rispetto all’indennizzo monetario che gli operatori dovranno corrispondere agli utenti. In media, infatti, il valore di tale indennizzo è di 18 Euro. I rimborsi alternativi, quindi, hanno un valore superiore del 65% rispetto all’indennizzo.

Non sempre, in ogni caso, il rimborso alternativo comporta un effettivo vantaggio. Le proposte dei provider, infatti, oscillano da un valore minimo di 28 Euro ad un massimo di 61 Euro. Il rimborso monetario, invece, è compreso tra 13 e 31 Euro, a seconda dei casi. La differenza minima di valore tra il servizio alternativo scelto e il rimborso richiedibile in denaro oscilla tra -9,68% a +369%.

Di conseguenza, l’effettiva convenienza del ristoro alternativo concesso agli utenti va valutata caso per caso. Per alcuni clienti, infatti, le proposte dei provider potrebbero rivelarsi dei veri e propri affari grazie alla possibilità di poter sfruttare dei bonus di valore decisamente superiore all’indennizzo monetaraio. In altri casi, invece, scegliere il rimborso alternativo potrebbe essere la scelta sbagliata, almeno dal punto di vista economico.

Fatturazione 28 giorni, al via i ristori alternativi
Fatturazione 28 giorni, al via i ristori alternativi (SosTariffe.it)

Ricompense alternative: ecco le proposte dei provider

Le compagnie telefoniche hanno proposto, come rilevato da SosTariffe.it nel corso dell’analisi eseguita a giugno (nelle prossime settimane le condizioni potrebbero cambiare ed esserci ulteriori novità a riguardo), diverse tipologie di rimborso. I clienti, a seconda dei casi, possono accedere gratuitamente a diverse opzioni tariffarie come chiamate illimitate, pacchetti di GB aggiuntivi per navigare in mobilità, voucher e buoni sconto di vario tipo.

In media, il valore di sconti e buoni regalo proposti dagli operatori è di circa 60 Euro. Per i clienti c’è la possibilità di acquistare smartphone a prezzo scontato oppure di risparmiare su servizi specifici o sugli acquisti effettuati presso e-commerce partner dei provider. Le opzioni sono davvero numerose.

Per quanto riguarda i servizi offerti, invece, si registra un valore medio di 33 Euro. Una terza opzione è rappresentata dalla possibilità per gli utenti di richiedere tariffe gratis, come ad esempio GB aggiuntivi o chiamate illimitate. In questo caso, il valore dei rimborsi alternativi è di 31 Euro.