Europa League: il Milan cala gli assi

Tutto pronto per l’esordio ufficiale del nuovo Milan cinese in Europa League, dopo 3 anni di lontananza dalle competizioni continentali. Per la prima contro l’Austria Vienna, mister Montella propende per il passaggio al 3-5-2 con l’utilizzo di Kalinic e Andrè Silva in avanti, supportati dal turco Calhanoglu. In difesa Zapata accanto a Bonucci e Romagnoli.

Milan, Montella e la carica degli ex

Da Giampaolo a Montella sono completamente cambiati gli orizzonti del mercato rossonero. In entrambi i casi abbiamo raccontato di un Galliani impegnato solo ad inseguire ex giocatori dei tecnici in questione. E, purtroppo per i tifosi milanisti, non proprio nomi di primissimo piano.

Milan: Brocchi, l’ultimo capriccio di Berlusconi

Non sembrano esserci più dubbi su quello che sarà il futuro tecnico del Milan. Berlusconi ha deciso, l’uomo giusto per la ricostruzione è Cristian Brocchi. Ma fin quando il presidente del Milan non capirà che l’allenatore rossonero - chiunque sia - deve essere difeso fino alla fine, e non delegittimato continuamente, non ci sarà mai luce a Milanello.

Milan, Berlusconi ha scelto Brocchi

Le dichiarazioni che hanno allontanato Conte e Di Francesco dalla panchina del Milan, pronunciate ieri del presidente Berlusconi, hanno svelato la vera intenzione del numero uno rossonero: promuovere Brocchi alla guida della prima squadra. Dopo Seedorf e Inzaghi, non c’è due senza tre.

Capello: «Investiamo sui giovani»

Il ct russo nonostante le difficoltà nelle qualificazioni a Euro 2016: «La strada è lunga ma stiamo inserendo dei giovani in rosa e sta cominciando a funzionare, dobbiamo insistere in questa direzione». Intanto l'Ufficio del lavoro intima alla Russia di pagare gli stipendi arretrati di Capello.

Algeria-Russia 1-1

L’Algeria passa agli ottavi e manda a casa l’ultimo ct azzurro, il Capello furioso, capace di prendersela con l’arbitro a fine partita per un laser puntato contro il proprio portiere in occasione del gol subito. Altro che laser, Akinfeev è semplicemente scarso. E pensare che lo voleva il Milan…

Belgio-Russia 1-0

Il Belgio, presentato con strombazzanti proclami come la rivelazione del Mondiale, conferma di essere una squadra terribilmente noiosa, ma insuperabile in difesa e con tale quantità di talento offensivo da poter risolvere ogni partita in qualsiasi momento. Per informazioni chiedere a Capello, costretto alla roulette russa dell’ultima partita del girone contro la sorprendente Algeria.

La Corea spaventa Capello

Pareggio alla fine giusto tra la Corea del Sud e la Russia di Fabio Capello, salvato in extremis da un gol di Kerzhakov, entrato da appena due minuti. Dopo la vittoria del Belgio sull'Algeria, nel gruppo H la corsa alla qualificazione è apertissima.