20 settembre 2018
Aggiornato 20:00

Milan: addio a Matri, bomber da 1 gol per 11 milioni

Ufficializzata la cessione a titolo gratuito dell’attaccante al Sassuolo, proprio nel giorno in cui Galliani strappa Sosa al Besiktas per ben 7,5 milioni di euro. L’esempio lampante di una gestione del tutto fallimentare da parte dell’ad di Casa Milan.

Galliani e gli altri, promossi e bocciati alla fine del mercato

Un mercato invernale decisamente sotto tono, animato solo da Inter e Roma (grazie ai soldi freschi arrivati dalla Cina), e da Juventus e Napoli brave a lavorare per il futuro. Sul fronte Milan, la bocciatura per Galliani è inevitabile: gravissima la mancata cessione di Luiz Adriano che avrebbe garantito soldi freschi, ma altrettanto pericoloso non aver colmato la lacuna sulle fasce.

Mercato Milan: addio a De Jong e Nocerino

Arriva la comunicazione ufficiale della rescissione contrattuale tra il Milan e Nigel De Jong, che si trasferirà ai Los Angeles Galaxy. Anche Nocerino in rotta verso gli States, più precisamente agli Orlando di Kakà. Sembra invece destinato a restare Luiz Adriano e Galliani conferma: «Non abbiamo bisogno di altri giocatori».

Miha studia la formazione migliore, ma lascia a casa Bonaventura

L’allenatore rossonero evoca gli ultimi «miracoli» avvenuti nel 2000 e nel 2012 in Coppa di Francia per tenere alta la concentrazione dei suoi ed evitare cali di tensione: «Non vogliamo rendere ancor più straordinario il cammino dell’Alessandria. Se vinciamo domani abbiamo un piede in finale».

Mercato Milan, prossima uscita de Jong

L’immobilismo inquietante in cui sembra precipitato il Milan dopo l’inaspettato ritorno a casa di Luiz Adriano, potrebbe volgere al termine con la cessione di qualcuno dei tanti esuberi a Milanello. Il primo della lista è Nigel De Jong, destinazione Mls, ma non sono esclusi colpi di scena anche per l’attaccante brasiliano appena rientrato dalla Cina.

Milan: mercoledì nero e conti in rosso

Giornata pessima per il club di via Aldo Rossi: Mr. Bee torna a casa senza aver messo la parola fine ad una trattativa infinita, ma i guai veri arrivano dal mercato. Salta il trasferimento di Luiz Adriano ai cinesi del Jangsu ed evaporano 15 milioni indispensabili per la campagna acquisti. E c’è sempre il caso El Shaarawy.

Mercato Milan: «De Jong verso Los Angeles»

Importante indiscrezione di mercato proveniente dall’autorevole voce di Gianluca Di Marzio: Nigel De Jong sarebbe al centro di una trattativa ben avviata con il club californiano della Mls dove ritroverebbe l’ex compagno di squadra al City Lescott.

Milan, De Jong e Diego Lopez ai saluti finali

Finalmente qualcosa sembra iniziare a muoversi al Milan, soprattutto per quanto riguarda il mercato in uscita. Sirene inglesi (Leicester ed Everton) sembrano solleticare De Jong e Diego Lopez. Se Galliani riuscirà a piazzare entrambi i colpi poi si potrà pensare ad eventuali nuovi acquisti.

Mercato Milan, tutto su Banega

Il centrocampista argentino, in scadenza di contratto con il Siviglia, sembra essere diventato il primo obiettivo della dirigenza rossonera. Prima però c’è da sistemare De Jong: la Premier chiama, c’è Ranieri ad aspettarlo.

Milan, addio a De Jong e Lopez per tornare a investire

Sembrano ormai delineate le strategie della dirigenza rossonera in vista della prossima apertura del mercato invernale. Confermata l’assoluta mancanza di liquidità, Galliani sarà costretto a mettere sul mercato due big rossoneri, De Jong e Diego Lopez, ormai fuori dalle rotazioni di Mihajlovic. Addio anche a uno tra Zapata e Mexes.

De Jong e Diego Lopez, sacrifici necessari

È opinione diffusa che quello che sta per iniziare sarà un mercato tutt’altro che florido per il Milan. Galliani però potrebbe avere l’opportunità di contare su un bel gruzzoletto cedendo Diego Lopez e De Jong e risparmiando così oltre 25 milioni dai loro pesanti ingaggi.

Mihajlovic: «Solo i migliori per sfidare il passato»

Per affrontare al meglio il fondamentale impegno contro la Sampdoria, valevole per gli ottavi di finale di Coppa Italia, l’allenatore rossonero mette da parte il turn over e sceglie la migliore formazione possibile. Tra i convocati torna Antonelli, mentre Balotelli resta a casa per l’influenza.

Milan, gli errori arbitrali «salvano» Mihajlovic

Il Milan gioca l’ennesima partita deludente ma il tecnico serbo si scaglia contro l’arbitro Valeri per un paio di decisioni indubbiamente sfavorevoli ai rossoneri. Il punto è che una squadra che punta alla Champions dovrebbe comunque avere ragione dell’ultima in classifica. Malgrado presunti torti arbitrali.

Il Verona ferma il Milan

Bacca illude, ma De Jong si fa espellere e regala un rigore che Toni trasforma. Dopo lo 0-0 in casa del Carpi, i rossoneri frenano anche con l'ultima in classifica. E San Siro fischia. Bertolacci: «Troppo accanimento contro di noi»

Mihajlovic, il momento della resa dei conti

Dopo la brutta prestazione contro il Carpi, Mihajlovic sembra intenzionato a cambiare ancora il volto della squadra: fuori Cerci, dentro Luiz Adriano, la quattordicesima formazione diversa in 16 partite. I numeri però inchiodano il tecnico serbo alle sue responsabilità e la pazienza di Berlusconi sta per finire.

Milan, la stagione dei grandi ritorni

Praticamente tutto fatto per il ritorno di Boateng in rossonero a gennaio, ora però a tenere banco è il rientro di Balotelli in campo dopo l’operazione del 18 novembre. A preoccupare l’allenatore rossonero è l’improvviso forfait di Antonelli che salterà sicuramente la trasferta di Carpi.

È un Milan a crescita zero

Il livello di crescita dei singoli giocatori rossoneri rispetto alla scorsa stagione è allarmante, specie se messo a confronto con i dati relativi ad altre due squadre che hanno appena cambiato allenatore, Napoli e Fiorentina. Da Mihajlovic serve un segnale importante anche da questo punto di vista.

Milan, le suggestioni del calendario

Il leggero infortunio che ha costretto al riposo forzato Luiz Adriano potrebbe aver scombussolato i piani di rinnovamento di mister Mihajlovic. Contro la Sampdoria quindi ancora spazio al 4-3-3 ma la bella notizia è il pieno recupero di Andrea Bertolacci, oltre ad un calendario che potrebbe riservare per i colori rossoneri piacevolissime suggestioni.

Allarme Milan: Mihajlovic perde i pezzi

Il club di via Aldo Rossi ufficializza l’intervento chirurgico per Mario Balotelli, estremo tentativo per risolvere l’ormai annoso problema di pubaglia. Andrea Bertolacci, ancora alle prese con un problema muscolare, non sarà recuperato per la Juve, mentre ieri si è infortunato anche Nigel De Jong.

Porte aperte al Milan: chi parte e chi arriva a gennaio

Sono iniziate le grandi manovre in via Aldo Rossi per la consueta operazione di restyling della rosa nel mercato di gennaio. Diversi rossoneri in partenza (De Jong, Josè Mauri, Nocerino, Suso), ma anche tanti possibili nuovi arrivi, dal belga Witsel all’olandese Maher, da Boateng al Papu Gomez.

Mihajlovic e Galliani alla prova del fuoco

Con una squadra rimaneggiata da infortuni e squalifiche e un centrocampo in evidente deficit di qualità, il Milan potrebbe dare una svolta definitiva alla stagione: in caso di vittoria, modulo e schemi del tecnico serbo avrebbero la meglio anche sul valore dei singoli. In caso contrario, Galliani dovrà di nuovo rispondere di un mercato poco appropriato.

Galliani, il mercato e la coperta corta

Prime piccole rivincite per Adriano Galliani: i nuovi acquisti sono finalmente decisivi, ma resta il problema di un mercato lacunoso. Dietro i presunti titolari c’è ben poco e contro l’Atalanta, con Bertolacci e Bonaventura fuori e Montolivo a rischio, Mihajlovic sarà costretto a schierare una linea mediana composta da Kucka, Poli e De Jong.

Polveriera Milan: ormai è tutti contro tutti

La vittoria contro il Sassuolo non ha placato le polemiche generate dai numerosi scontri interni: Berlusconi contro Mihajlovic, i tifosi contro Galliani, diversi calciatori rossoneri contro il tecnico, un caos molto poco calmo che potrebbe vedere la fine solo grazie ad un sensibile cambio di rotta della squadra.

Milan, radiografia di un fallimento

Mentre l’ex rossonero Vierchowod assolve Mihajlovic («Nemmeno Mourinho potrebbe fare di più con questa rosa») e attacca pesantemente Galliani, emergono tutte le responsabilità dei due principali indiziati. Al Milan però a rischiare il posto sembra essere sempre e solo l’allenatore.

Trofeo Berlusconi, il Milan perde anche con i baby nerazzurri

Serata da dimenticare per i rossoneri che, al cospetto di Silvio Berlusconi, non hanno onorato al meglio il trofeo intitolato al papà del presidente onorario del Milan. Subito in gol i nerazzurri per una dormita di Mexes, Mihajlovic ha dovuto far fronte anche all’infortunio di Bertolacci. Secondo tempo più vivace ma Carrizo e Berni hanno detto no a tutti i tentativi milanisti.

Milan, segnali di risveglio

La vittoria per 3-0 nell’amichevole di Monza contro la compagine locale ha offerto indicazioni interessanti al tecnico rossonero Mihajlovic: innanzitutto l’ottima prova di Poli, inconsueto uomo assist, poi la ritrovata vena di Cerci e una discreta prestazione complessiva da parte dell’intera squadra.

Milan, è arrivato il momento di cambiare

Dopo un inizio di campionato balbettante, il tecnico Mihajlovic sembra intenzionato ad approfittare della sosta per le Nazionali per lavorare ad un cambio di modulo. Dal 4-3-1-2 si potrebbe passare ad un più rassicurante 4-4-2, ma anche per questo sistema di gioco mancano gli interpreti adatti.

Mihajlovic e Luiz Adriano sfidano la tradizione

Sia il tecnico rossonero, che non ha mai sconfitto il Napoli, sia l’attaccante brasiliano, chiamato a sfatare la leggenda del numero 9, domenica sera sfidano i fantasmi di un passato ingombrante. Ancora in dubbio Antonelli, per il resto definite le scelte di Mihajlovic: Bacca in avanti accanto a Luiz Adriano e Kucka al posto di De Jong.

Il Milan di Mihajlovic alla ricerca d’identità

Deludente inizio stagione del nuovo Milan disegnato dal tecnico serbo. Troppe le contraddizioni di una squadra che finora ha detto tutto e il contrario di tutto. E contro il Napoli già non c’è più spazio per ulteriori indecisioni e battute d’arresto.

Mihajlovic risolve il rebus attacco

Due chiavi di lettura e due possibili, ma verosimili, ipotesi per la gestione dei tre attaccanti rossoneri. Eventualità di affiancare a Luiz Adriano, bomber buono per qualunque circostanza, Carlos Bacca in casa e Balotelli in trasferta; oppure provare Supermario nell’inedito ruolo di trequartista, finora occupato immeritatamente dal giapponese Honda.

Mihajlovic, la parola alla difesa

Alla vigilia della trasferta di Genova che potrebbe rivelarsi decisiva per il futuro del Milan, il tecnico rossonero cerca risposte rassicuranti dal suo reparto arretrato. Le 8 reti subiti in 5 partite rappresentano un segnale preoccupante, specialmente in un campionato dove chi vince ha quasi sempre la miglior difesa.

Mihajlovic fa harakiri, il Milan rischia il tracollo

Un Milan schizofrenico domina l’Udinese nel primo tempo chiudendo con un vantaggio di tre reti. Nella ripresa, complice alcune scelte discutibili di Mihajlovic, i rossoneri crollano, i friulani segnano due gol e rientrano in partita. Ma l’assedio finale non produce risultati.

Milan, Mihajlovic svela l’enigma centrocampo

Nella conferenza stampa della vigilia di Milan-Palermo l’allenatore rossonero ha parlato del dualismo tra Montolivo e De Jong, vero tema caldo di questo inizio stagione milanista. Intanto per la partita contro i siciliani non sono previste grosse novità di formazione rispetto al derby, ma dalla lista dei convocati resta ancora fuori Mexes.

Mihajlovic non cambia: in Honda il Milan anti-Palermo

Le indicazioni della vigilia danno un Sinisa Mihajlovic intenzionato a riproporre il Milan del derby, compreso il trequartista giapponese, indicato da tutti come l’anello debole della catena rossonera. Confermato Montolivo in regia e Balotelli in panchina. Per il tridente ci sarà tempo.

Là dove Mihajlovic non può arrivare

Iniziano a prendere forma i timori dei tifosi rossoneri sull’allestimento di una squadra che, a meno di clamorosi stravolgimenti nel mercato di gennaio, difficilmente vedrà il Milan tornare a vincere qualcosa. E la ragione è semplice: per quanto Mihajlovic possa studiare la tattica giusta per questa squadra, sulla qualità dei singoli potrà fare ben poco.

Tutti i dubbi di Mihajlovic

È nella zona centrale del campo che si annidano tutte le perplessità del tecnico rossonero dopo le prime tre giornate di campionato. La bella prova di Montolivo nel derby potrebbe aver relegato definitivamente De Jong in panchina, ma resta il problema-Bertolacci, bloccato da un modulo non congeniale all’ex genoano, e il solito dilemma del trequartista.

Troppe voci stonate nel coro di Mihajlovic

L’elenco dei promossi e bocciati dopo il derby perso contro l’Inter è pieno di sorprese. Inattesa la bella prova di Kucka, così come il ritorno in grande stile di capitan Montolivo e di Mario Balotelli. Deludono ancora una volta Honda e De Sciglio, affiancati stavolta da Bacca, Luiz Adriano e Bonaventura.

Milan: KO nel derby e tutti felici

La sconfitta contro l’Inter pare non aver lasciato strascichi nell’ambiente rossonero. Mihajlovic si è detto soddisfatto della prestazione della squadra e anche i tifosi hanno applaudito il Milan. Eppure la vetta della classifica, occupata appunto dai nerazzurri, dista ormai 6 punti dopo appena 3 giornate di campionato.

Milan, pro e contro di un tridente che intriga

In casa Milan si fa sempre più strada l’affascinante ipotesi del tridente con Bacca, Luiz Adriano e Balotelli. Galliani l’ha chiesto espressamente a Mihajlovic, ma il tecnico serbo ci va cauto: «Magari quando ci sarà da recuperare». Alla vigilia del derby contro l’Inter di Mancini l’ago della bilancia è Bonaventura: sarà schierato da trequartista o da mezzala?

E' Balotelli l’arma segreta di Mihajlovic

A tre giorni dal derby iniziano a delinearsi le strategie del tecnico rossonero. Ancora qualche dubbio di formazione, sia in difesa che a centrocampo, ma è in attacco che Mihajlovic tiene in caldo il suo colpo a sorpresa: Mario Balotelli.

Tanta Italia nel Milan anti-Inter

Complice l’infortunio muscolare occorso ad Andrea Bertolacci con la Nazionale, inizia a prendere forma il Milan che Sinisa Mihajlovic ha in mente da schierare domenica, in occasione del terzo derby stagionale contro l’Inter. Tanti nazionali azzurri in campo passati, presenti e futuri.

Milan, il mistero Montolivo e un mercato di gennaio già disegnato

Tra i tanti calciatori rossoneri non ancora entrati a pieno negli schemi di Mihajlovic c’è anche capitan Montolivo, tenuto finora sempre in panchina dal nuovo tecnico. Stasera ritroverà la maglia da titolare in amichevole contro il Mantova e non è escluso che possa ripetersi nel derby. Ma la sua sua carriera al Milan potrebbe concludersi già a gennaio.

Milan, la rivoluzione tattica di Mihajlovic

La sosta per le nazionali arriva al momento giusto per consentire al nuovo tecnico rossonero gli accorgimenti tattici necessari per far rendere al meglio la squadra. De Jong e Bertolacci, tra i più deludenti in questo inizio, dovranno essere messi in condizione di giocare il loro calcio, magari grazie ad un cambio di modulo.