17 dicembre 2018
Aggiornato 18:00

Mondiali 2018: e le stelle stanno a guardare

Oltre agli azzurri, eliminati dalla Svezia nei playoff, saranno tanti i campioni costretti a guardare Russia 2018 dalla tv: Icardi e Nainngolan, ma anche Suso, Callejon, Morata, Alex Sandro fino al match winner dei mondiali 2014: il tedesco Goetze.

Messi, Ronaldo, Bonucci a caccia del pass per Russia 2018

Tanti scontri tra rossoneri nelle varie sfide in programma nel weekend per le qualificazioni al mondiale di Russia 2018: Andrè Silva contro Ricardo Rodriguez, Zapata contro Gustavo Gomez, ma a tenere banco soprattutto il doppio impegno dell’Italia contro Macedonia e Albania alla caccia del punto decisivo per conquistare i playoff.

Biglia ai saluti con la Lazio: già stasera la partenza per Milano

Aggiornamenti importanti da Auronzo di Cadore, sede del ritiro della Lazio. Secondo le indiscrezioni raccolte dal Diariodelweb.it, Lucas Biglia sarebbe attualmente a cena con tutta la squadra riunita ma al termine della serata saluterà il gruppo e partirà per Milano dove domani si unirà alla sua nuova squadra, il Milan di Montella.

Video

Maradona a Pelé: «Messi? Non ha personalità»

Il campione argentino lo ha confidato al brasiliano Pelé nel corso di un match di beneficenza organizzato a Parigi dagli orologi Hublot. E le due leggende del calcio hanno concluso confrontando l'epoca moderna a sfavore di quella odierna...

Eder attacca Mancini, il dibattito sugli oriundi è aperto

L’attaccante brasiliano della Sampdoria, fresco di convocazione nella nazionale italiana, risponde per le rime a Mancini che si era dichiarato contrario al fenomeno oriundi: «Tutte stupidaggini». Ma le ragioni del tecnico interista sono validissime e vale la pena spiegare perché ha ragione lui.

Milan, idea Sabella per la panchina

Arriva dall’Argentina l’ultima suggestione tecnica. Si tratta di Alejandro Sabella, ex ct dell’albiceleste, capace di portare la nazionale di Messi e Aguero in finale nel recente mondiale. Nel suo curriculum un’esperienza da primo allenatore con l’Estudiantes e una vita da secondo. Decisivo lo sponsor Adidas.

Real Madrid miglior club al mondo

La squadra allenata da Carlo Ancelotti, vincitrice della decima Champions League, ha collezionato 381 punti precedendo i tedeschi del Bayern Monaco (276), gli spagnoli dell'Atletico Madrid (267). Sesta la Juventus. Intanto Messi torna sulle polemiche che lo riguardano: «Su di me tante bugie».

Conte dovrà fare a meno di Dybala

L'attaccante del Palermo ha infatti ringraziato il ct ma il suo sogno è quello di giocare nella nazionale albiceleste. «Non è facile decidere. L'Italia ha una grande tradizione ma io mi sento argentino».

L'amore di Leo Messi per la Pro Recco

L'attaccante del Barcellona e della nazionale Argentina è infatti diventato ufficialmente un sostenitore del club ligure grazie all'amicizia con il patron Gabriele Volpi. Lo ha annunciato con una nota la società presieduta da Angiolino Barreca.

Ranking Fifa: Colombia 3a, Italia 13a

Campioni del mondo ancora al comando davanti all'Argentina, mentre la Colombia scalza l'Olanda e sale sul podio. La nazionale di Conte scala invece una posizione ed è tredicesima.

Per l'Argentina un'accoglienza da eroi

L'aereo che ha riportato a casa la nazionale argentina ha fatto due giri sull'aeroporto di Baires per mostrare ai giocatori quanti tifosi erano in attesa della Seleccion di ritorno dalla finale del mondiale brasiliano.

Maradona duro con Messi: «Premio ingiusto»

El Pibe de Oro, affranto dopo la sconfitta della Seleccion nei tempi supplementari contro la Germania, ha manifestato tutta la sua amarezza e quella di un’intera nazione: «L’Argentina meritava almeno i rigori, il gol di Goetze ha ferito la mia anima».

Bravo Rizzoli, anche l'Italia è Mondiale

Complimenti anche dagli sconfitti, Mascherano: «Non ha sbagliato nulla». Prestazione superba dell’arbitro azzurro, perfettamente coadiuvato dai suoi assistenti Faverani e Stefani: «Grande emozione per me. Il momento più difficile è stato dopo il gol annullato a Higuain».

Maradona: «Il premio a Leo Messi frutto del marketing»

Germania mai superiore. Ha vinto il Mondiale solo a causa di una disattenzione difensiva dell'Argentina. A sostenerlo è stato Diego Armando Maradona nell'ultima apparizione televisiva del programma «De Zurda» in onda su Canal Sur per tutti i mondiali.

L'uomo del destino si chiama Mario Goetze

Nato il 3 giugno 1992 a Memmingen, Baviera del sud, a pochi chilometri dal confine austriaco, è il simbolo della nuova Germania multiculturale, multirazziale, nata dalla programmazione. E' lui che al 113' della finale Germania-Argentina mette il sigillo sulla quarta coppa del mondo tedesca.

Germania-Argentina 1-0 dts. (E alla fine ride sempre la Merkel)

L’Argentina ricorderà a lungo le occasione capitate sui piedi di Higuain (cornuto e mazziato), Messi (il Miglior giocatore del torneo più triste della storia), Palacio (quanti rimpianti per Tevez), e l’opportunità sprecata di alzare la Coppa del Mondo al Maracanà, in faccia ai brasiliani. Onore alla Germania dei fenomeni e di Joachim Loew, il Buster Keaton della panchina.

Loew: «Servirà avere fiducia»

Il tecnico della Germania alla vigilia della finale: «Con l'Argentina sarà una vera battaglia». Schweinsteiger: «Ho un buon feeling. Sono convinto che daremo il massimo».

Mascherano: «Voglio solo vincere»

Punto di riferimento per i compagni. Mascherano ha parlato della vigilia del mondiale al quotidiano «Olé»: L'obiettivo è uno. «Non mi importa di come giochiamo. Io voglio vincere la coppa del mondo. Non ho sognato di alzarla. A quello ci penserà Leo Messi».

Olanda-Argentina 2-4 d.c.r. (Tutto il resto è noia)

La seconda semifinale del mondiale brasiliano è stata dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità, per le sue indiscutibili virtù terautiche contro l’insonnia. Vista a piccole dosi, prima o dopo i pasti, Olanda-Argentina si è rivelata un rimedio infallibile per combattere i disturbi del sonno.

L'Argentina festeggia con Higuain

A Brasilia passano i sudamericani, diavoli rossi sotto tono. E se Neymar, acclamato da tutti durante il match dell'albiceleste contro il Belgio, darà forfait per semifinale ed eventuale finale, anche Di Maria tiene in apprensione i tifosi dell'Argentina. Dopo mezzora, infatti, il fantasista argentino è fermato da una contrattura.