19 agosto 2019
Aggiornato 15:30

Qualificazioni mondiali: l'Argentina in Ecuador prova ad evitare il baratro

Dopo lo 0-0 contro il Peru, la nazionale di Sampaoli si gioca tutto a Quito fra complicati calcoli di classifica ed il pericolo altitudine

La nazionale argentina è impegnata in Ecuador e va alla ricerca della qualificazione a Russia 2018
La nazionale argentina è impegnata in Ecuador e va alla ricerca della qualificazione a Russia 2018 ANSA

QUITO - Dentro o fuori, stavolta non ci saranno altri appelli per l'Argentina di Jorge Sampaoli, chiamata a vincere in casa dell'Ecuador già tagliato fuori dalla corsa a Russia 2018 per non rimanere a casa e saltare i mondiali dopo quasi 50 anni. Lo 0-0 della scorsa settimana a Buenos Aires contro il Peru, infatti, non ha risolto i problemi di un'Argentina che con la guida di Sampaoli non è stata in grado di vincere nemmeno in casa del fanalino di coda Venezuela e che continua a rischiare una clamorosa estromissione dalla coppa del mondo. Il successo rocambolesco del Paraguay in Colombia, però, ha dato una mano a Messi e compagni che ora dipendono esclusivamente dal loro destino: se l'Argentina vincerà a Quito, infatti, avrà garantito come minimo lo spareggio contro la Nuova Zelanda, ma, grazie ad altre combinazioni favorevoli, potrebbe anche ritrovarsi direttamente ai mondiali. La chiave di tutto sarà con ogni probabilità la sfida di Lima fra Peru e Colombia, un dentro o fuori da brividi che rischia seriamente di lasciare a casa l'eventuale nazionale che uscisse sconfitta dal confronto; il Cile per qualificarsi deve far risultato in Brasile contro un avversario già qualificato e i coi tifosi carioca che invitano la formazione di Tite a lasciar passare i cileni per ostacolare la corsa degli odiati rivali argentini. Serve un punto solo all'Uruguay per assicurarsi almeno lo spareggio, ma la sensazione è che il successo a Montivideo contro la Bolivia sia alla portata di Cavani e Suarez, pronti a staccare già stanotte il biglietto per Mosca. Qualche speranza, infine, la coltiva anche il Paraguay che ospita il Venezuela e che vincendo potrebbe approfittare dello scontro diretto fra Peru e Colombia per agguantare almeno il quinto posto. I calcoli sono complicati, le combinazioni oltre 200, le certezze due: la prima è che l'Argentina si gioca faccia, reputazione ed un mucchio di soldi provenienti dagli sponsor; la seconda è che l'Italia, guardando verso Buenos Aires, può pensare che in fondo c'è qualcun altro nella stessa barca di incertezze, polemiche e tensioni. Mal comune...