> <
RSS

La grande verità che ci lascia Roma-Milan

Una rosa inadeguata, cambi non all’altezza dei titolari e l’impossibilità di far rifiatare giocatori che ne avrebbero bisogno. È questo il lascito di Roma-Milan, partita giocata con coraggio e sfrontatezza dai ragazzini di Montella, ma persa per un paio di episodi frutto della stanchezza di alcuni protagonisti.

Milan, il turnover minimalista di mister Montella

Contro il Genoa, per l’impegno infrasettimanale della giornata di campionato numero 10, il tecnico rossonero vara un mini turnover, potendo contare su un numero limitato di uomini e mezzi. Turno di riposo per Suso, sostituito da Honda, e da Abate, al cui posto giocherà il centrocampista Poli, adattato in difesa per la circostanza.

Milan, una rivincita attesa 5 anni

La superlativa vittoria dei rossoneri contro la Juventus rilancia le ambizioni del Milan in campionato, suggellando l’ottimo lavoro di Montella, dei suoi ragazzi e perfino di Galliani. E poi c’è quell’errore arbitrale sul gol di Pjanic che aumenta la goduria dei tifosi ancora feriti dalla drammatica notte del gol di Muntari.

Arbeloa & co, il Milan cinese è a parametro 0

Ormai la trattativa per la cessione dell’Ac Milan ai cinesi, più che una telenovela sembra diventata una barzelletta. I continui ritardi non fanno che esasperare la pazienza dei tifosi, ma i segnali che arrivano dal fronte asiatico sono tutt’altro che rassicuranti: solo 15 milioni per un mercato che sarà ancora tutto a base di prestiti e parametri 0.

Il Milan, Galliani e il mercato degli altri

Mentre Pjaca si accasa ufficialmente alla Juve e tutte le altri big della nostra serie A trattano i migliori giocatori in circolazione, Galliani è costretto ad imbastire trattative per calciatori di fascia media, senza nemmeno avere il potere contrattuale per chiuderle. È il segno dei tempi della crisi rossonera.

Milan: il mercato è fermo, Galliani no

Tanti i nomi sul taccuino dell’ad rossonero e tante le trattative abbozzate in attesa che venga definito il futuro societario per iniziare a muoversi. Tra i numerosi calciatori monitorati, soprattutto giovani e italiani, come vorrebbe Berlusconi: Immobile, Giaccherini, Lapadula e l’oriundo Vasquez.

Milan, la suggestione Sabatini prende forma

Dopo aver annunciato la sua separazione dalla Roma, è partita la caccia alla nuova destinazione per Walter Sabatini. L’opzione Milan sembra al momento quella più calda, soprattutto per l’indiscussa abilità dell’ex diesse giallorosso di scovare i talenti prima degli altri, che colmerebbe l’indiscusso limite di Adriano Galliani.

Berlusconi, Galliani e la grande illusione

Non è certo un momento fortunato questo per il Milan. Oltre agli infortuni e a tutti i problemi di formazione conseguenti, anche la fortuna sembra aver voltato le spalle ai rossoneri. Ma il vero problema, imputabile a Berlusconi e Galliani, è pensare di aver messo su una squadra da Champions, assoluta eresia calcistica.

> <