29 giugno 2017
Aggiornato 04:00
> <
RSS

Tosi: storia di una ribellione in solitaria

Quando Tosi è stato accompagnato alla porta da Salvini e si è girato per avere il sostegno dei «suoi» dieci parlamentari, dietro di lui ne ha trovati soltanto tre o al massimo quattro: le senatrici Emanuela Munerato e Patrizia Bisinella, sua compagna anche nella vita privata, l’amico di sempre Matteo Bragantini.

Moretti spera in Tosi l'«eretico»

Standing ovation e tripudio di gerbere gialle per Flavio Tosi che ha annunciato ufficialmente la sua discesa in campo dal palco della convention della sua fondazione «Ricostruiamo il Paese» nell'auditorium gremito, centinaia di persone, della Fiera di Verona.

Toscani: «Anche Tosi di destra. Ma solo in gioventù»

Nessun accordo di pace, dal Consiglio federale di ieri: secondo Matteo Toscani, consigliere della Liga ora in «Impegno veneto», dopo il no di Tosi al commissariamento gli spazi per la riconciliazione sarebbero molto ridotti. E a chi accusa il sindaco, più aperto di Salvini al dialogo con il centro, di essere lui stesso vicino alla destra estrema, Toscani parla di semplice «errore di gioventù».

Aderisci alla Fondazione di Tosi? Sei fuori dalla Lega

Diffusa a tutte le segreterie regionali e provinciali del Carroccio una lettera che riporta il veto deciso nella riunione di ieri: o l'adesione alla Fondazione «Riscostruiamo il Paese» di Tosi, o l'appartenenza alla Lega Nord. E ciò vale non solo per Tosi, ma a tutti i soci ordinari militanti. La Fondazione, infatti, avrebbe natura politica incompatibile con quanto stabilito dallo Statuto.

Vince Salvini, ultimatum a Tosi

Dopo il Consiglio federale, non del tutto appianate sembrano le tensioni che hanno tenuto banco sui quotidiani per settimane. Tosi ha accettato la decisione dell'assemblea di puntare su Zaia, ma dovrà scegliere tra la Lega e la Fondazione Ricostruiamo il Paese, organismi definiti incompatibili. Intanto, Giampaolo Dozzo è stato nominato Commissario ad acta.

Salvini-Tosi alla resa dei conti

Flavio Tosi è intervenuto alla manifestazione di sabato, a testimonianza dell'esistenza di spazi di mediazione. Tuttavia, si è tenuto rigorosamente lontano dal palco - su cui, ha detto, non è stato invitato a salire -, e, ai vari microfoni, ha dimostrato di non aver cambiato la propria posizione. Oggi, il Consiglio federale tenterà di trovare la soluzione definitiva. Forse grazie a un Commissario.

Per il pontiere Pini c'è la volontà di ricucire

Dopo aver incontrato separatamente, nella giornata di ieri, Flavio Tosi e Matteo Salvini, Gianluca Pini spiega al DiariodelWeb.it lo stato dell'arte. Che, assicura, non è così disastroso come i media vogliono dipingere. Tosi e Salvini sarebbero entrambi disponibili a trovare una soluzione duratura, nonostante qualcuno abbia voluto «gettare benzina sul fuoco».

Sulla Lega pesa l'enigma Veneto

Matteo Salvini non piace proprio a tutti, anche nella Lega. In queste settimane, sembra non piacere almeno a Flavio Tosi, in rotta di collisione con il candidato alle Regionali venete Zaia. D'altronde, i motivi delle divisioni tra Tosi e Salvini sono numerosi: dalle alleanze, alla politica monetaria, fino ad arrivare alle olimpiadi e alle unioni gay. Oltre all'amicizia di Tosi con Corrado Passera.

Il nettare degli dei per rabbonire Putin

Vinitaly International approda per l'undicesimo anno consecutivo a Mosca per l'edizione 2014 di Vinitaly Russia, che si tiene oggi a Mosca, e conferma la forte presenza italiana nel mercato vinicolo locale. Nonostante le tensioni politiche degli ultimi mesi e le misure commerciali adottate dalla Russia, l'Italia rimane al primo posto tra i Paesi esportatori.

Zaia: «Non sto né con Salvini né con Tosi»

Il Governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, commenta le recenti vicissitudini che hanno segnato la Lega Nord e che hanno coinvolto il leader, Matteo Salvini, e il sindaco di Verona, Flavio Tosi, in vista delle prossime elezioni regionali. Il presidente della Regione Veneto si tira fuori dalle polemiche e sottolinea che il "Presidente lavora a tempo pieno e pancia a terra per i cittadini".

Sold out per Vinitaly 2014

Quartiere fieristico ampliato e superata l'asticella dei 100.000 metri quadrati netti venduti per la 48^ edizione di Vinitaly. Ulteriormente potenziato l'incoming di operatori business dai più interessanti mercati, in linea con le richieste degli espositori, grazie a investimenti mirati e alla promozione del marchio nel mondo con Vinitaly International

Marmomacc 2013, l'edizione dei record

I numeri confermano il ruolo della rassegna alla Fiera di Verona quale polo mondiale per il business legato alla filiera della pietra naturale, del design e delle tecnologie. Oltre alle aree geografiche rappresentate, cresce del 6% la quota generale degli operatori stranieri tra i padiglioni, pari al 55% dei 56mila visitatori totali

Katia Ricciarelli inaugura Classical Music World

Taglio del nastro questa mattina a Veronafiere per l’edizione numero zero della rassegna della musica classica. Numerose iniziative dedicate ai giovani, a partire dai più piccoli che sono stati invitati a seguire un percorso che indica il processo di realizzazione di un violino e un pianoforte

> <