17 giugno 2019
Aggiornato 17:30
La nuova rassegna in programma da giovedì 19 a domenica 22 aprile

Verona capitale internazionale della musica classica

Katia Ricciarelli madrina di Classical Music World. In un territorio ricco di storia legata al mondo della musica classica nasce una rassegna internazionale dedicata alle sette note

VERONA - A consacrarla capitale della musica classica mancava un ultimo fondamentale tassello: Classical Music World, salone internazionale in programma a Veronafiere da giovedì 19 a domenica 22 aprile (www.classicalmusicworld.it), rappresenta un’anteprima di una fiera che con un format diretto e non convenzionale si rivolge ai giovani, aggiungendosi ad un ricco programma che vede Verona come capofila italiana nel mondo delle sette note con la stagione lirica areniana, i teatri, le accademie, le scuole di musica e i conservatori.

Alla conferenza stampa di presentazione svoltasi questa mattina in Fiera, sono intervenuti Ettore Riello Presidente di Veronafiere, Giovanni Sacripante Direttore Commerciale di Veronafiere, Katia Ricciarelli madrina della manifestazione, Angela Racanicchi Presidente della «Fondazione Katia Ricciarelli per la vita onlus» e i rappresentanti delle realtà più significative del territorio nell’ambito della promozione e diffusione della musica classica quali Patrizia Sughi Direttore Comunicazione e Archivi della Fondazione Arena di Verona, il Maestro Giorgio Brunello Direttore di Verona Accademia per l’Opera Italiana, Luca Fiorio Vice Presidente dell’ASAC-Associazione per lo sviluppo delle attività corali, il Maestro Federico Gianello Direttore Artistico di Steinway Society Area Interregionale del Garda, Silvia Franceschini Responsabile comunicazione ed eventi del megastore Feltrinelli di Verona.

Classical Music World, patrocinata dalla Provincia di Verona e dal Comune di Verona-Assessorato all’Istruzione, new entry nel portafoglio di Veronafiere, si colloca tra quelle iniziative a sostegno della cultura che individuano un nuovo settore e creano interazione tra i diversi soggetti che compongono l’universo culturale.

«Con il progetto di Classical Music World, Veronafiere dedica alla città una nuova rassegna che promuove a livello internazionale il made in Italy, rappresentato nel nostro Paese anche dalla musica classica e dall’opera lirica. - ha dichiarato Ettore Riello, Presidente di Veronafiere.- Saranno presenti alla manifestazione anche delegazioni provenienti da Paesi esteri, tra cui la Cina».

La manifestazione è tenuta a battesimo dal soprano Katia Ricciarelli, una delle personalità più significative in Italia nel mondo dell’opera lirica, Presidente e Socio Fondatore della «Fondazione Katia Ricciarelli per la vita onlus» che sostiene le madri in difficoltà: «Sono contenta che sia stata scelta Verona come sede di questa manifestazione in quanto città con una lunga tradizione alle spalle per la musica lirica che fa parte della musica classica». Il soprano terrà quattro giorni di master class, aperte al pubblico, ai suoi allievi, i giovani cantanti che in futuro potrebbero rappresentare le nuove proposte del mondo della musica.

Tre sezioni, expo, tutorial ed events che ospitano oltre cento tra esibizioni, concerti, seminari, convegni e un centinaio di artisti: questi i numeri dell’edizione zero di Classical Music World che punta a coinvolgere i giovani attraverso eventi e tutorial, ma anche attraverso un’immagine giovane, a partire dai canali di comunicazione che sono stati sfruttati per la promozione della rassegna, come è stato ribadito da Giovanni Sacripante, Direttore commerciale di Veronafiere: «La rassegna è stata comunicata anche attraverso i social network, strumento indispensabile per la promozione ai giovani. La pagina facebook di Classical Music World ha raggiunto 2.800 followers in poco più di un mese».

In questa fiera hanno creduto anche grandi aziende del mondo della cultura che sostengono, in qualità di sponsor, l’iniziativa: Sony Classical Italia, Grandi Stazioni e Librerie Feltrinelli.