5 giugno 2020
Aggiornato 08:00
Il vino italiano viaggia verso Mosca

Il nettare degli dei per rabbonire Putin

Vinitaly International approda per l'undicesimo anno consecutivo a Mosca per l'edizione 2014 di Vinitaly Russia, che si tiene oggi a Mosca, e conferma la forte presenza italiana nel mercato vinicolo locale. Nonostante le tensioni politiche degli ultimi mesi e le misure commerciali adottate dalla Russia, l'Italia rimane al primo posto tra i Paesi esportatori.

VERONA - Vinitaly International approda per l'undicesimo anno consecutivo a Mosca per l'edizione 2014 di Vinitaly Russia, che si tiene oggi a Mosca, e conferma la forte presenza italiana nel mercato vinicolo locale. Nonostante le tensioni politiche degli ultimi mesi e le misure commerciali adottate dalla Russia, l'Italia rimane al primo posto tra i Paesi esportatori, con oltre 21 milioni di litri di vino in bottiglia venduti nei primi sei mesi di quest'anno e quasi 8 milioni di litri per le bollicine.

A MOSCA CON TOSI - Ad accompagnare la delegazione di Vinitaly e dei produttori, guidata dal Presidente di Veronafiere Ettore Riello, anche il sindaco di Verona Flavio Tosi. Proprio per affrontare con nuove proposte e azioni strategiche il complesso scenario russo, Vinitaly International ha scelto di aprire l'appuntamento moscovita con una tavola rotonda a cui parteciperanno istituzioni, esperti del mercato e alcuni tra i principali importatori locali, che forniranno ai produttori presenti un quadro completo della situazione attuale del mercato.

L'ITALIA CHE STRAVINCE - La tavola rotonda aprirà una giornata fitta di incontri, tra cui otto Masterclass tenute dai maggiori buyers russi, due Executive Seminars della Vinitaly International Academy, che per la prima volta approda a Mosca, e il tradizionale Walk Around Tasting che coinvolgerà 300 produttori italiani e oltre 1700 etichette provenienti da tutta Italia.

VERSO L'AMBASCIATA DEL VINO ITALIANO - Gli appuntamenti saranno non solo un'occasione di networking per i produttori italiani presenti e gli importatori, che quest'anno saranno ancora più numerosi rispetto alla scorsa edizione, ma anche un momento importante dedicato ai buyers per conoscere le origini e apprezzare alcuni dei vini italiani più famosi al mondo. Con Vinitaly Russia si chiude anche la fertile stagione 2014 di Vinitaly International Academy, che si appresta nel 2015 a lanciare un ambizioso programma di corsi di certificazione per creare dei veri e propri Ambasciatori del vino italiano nel mondo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal