9 dicembre 2019
Aggiornato 13:30
L’esposizione internazionale del ciclo

Verona Fiere sale in sella con EICA

Sinergia sempre più stretta tra Veronafiere, Comune di Verona e ANCMA- Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori che organizza dal 15 al 17 settembre prossimi EICA, Esposizione Internazionale del Ciclo, presentata oggi nella Sala Vivaldi del Centro Congressi di Veronafiere

VERONA - Verona sale in sella al mondo della bici: è il messaggio che arriva dalla conferenza di presentazione che si è tenuta questa mattina presso la Sala Vivaldi del Centro Congressi di Veronafiere di EICA, Esposizione Internazionale del Ciclo alla quale erano presenti l’Assessore allo Sport del Comune di Verona Federico Sboarina, il Presidente di Veronafiere Ettore Riello, il Direttore Generale di Veronafiere Giovanni Mantovani, il Presidente di Confindustria ANCMA-Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori Corrado Capelli, il Direttore Generale di Confindustria ANCMA Pier Francesco Caliari, il Direttore del settore Ciclo di Confindustria ANCMA Piero Nigrelli.

La fiera, l’unica organizzata dall’associazione di categoria ANCMA-Associazione nazionale ciclo, motociclo e accessori aderente a Confindustria, si terrà a Veronafiere dal 15 al 17 settembre prossimi (www.eica.it).

«Un corteggiamento lungo tra Ancma e il Comune di Verona che è sfociato in amore, per usare una metafora- ha dichiarato Federico Sboarina, Assessore allo Sport del Comune di Verona-. Quest’anno la partenza del Giro d’Italia ed EICA a Verona rappresentano la prima tappa di un percorso di crescita che porta la nostra città ad essere definita capitale della bicicletta».

Dal 10 marzo, infatti, il Comune di Verona ha inaugurato il servizio di bike sharing, un sistema automatico di distribuzione di biciclette nei principali punti strategici cittadini.

L’incontro di oggi è stato caratterizzato da diversi momenti emozionali, dal filmato di presentazione dell’iniziativa che ha sottolineato il legame tra Verona e il mondo della bici alla consegna da parte del giornalista sportivo Marino Bartoletti delle bici «blu», versione ecologica delle auto blu  per il Sindaco Flavio Tosi e l’Assessore allo sport Federico Sboarina, e due biciclette per il Presidente di Veronafiere Ettore Riello e il Direttore Generale della Fiera di Verona Giovanni Mantovani.

«La bicicletta è il fiore all’occhiello di ANCMA, eccellenza della mobilità compatibile. Questa fiera è una vetrina del lavoro che ANCMA fa per promuovere l’uso della bici e per avere il supporto delle istituzioni» ha confermato Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA. - Presenti in sala alcuni dei più importanti campioni di questo sport, tutti veneti, tra cui Alessandra Cappellotto, la prima italiana a diventare campionessa del mondo su strada, Paola Pezzo, campionessa olimpica di cross country e Eros Poli, ex ciclista su strada e dirigente sportivo italiano.

«Questa fiera, new entry nel portfolio del 2012 di Veronafiere, rappresenta uno di quegli strumenti vecchi che hanno saputo con il tempo rinnovarsi, soddisfacendo una molteplicità di esigenze- ha affermato Ettore Riello, Presidente di Veronafiere-. EICA è organizzata da ANCMA con la quale Veronafiere ha stretto un importante accordo in quanto è l’unica fiera organizzata da un’associazione di categoria che in quanto tale porta in giro per il mondo la tecnologia del nostro Paese».

I dati confermano l’interesse del territorio nei confronti di questo mezzo di trasporto: il Veneto, assieme a Trentino Alto-Adige ed Emilia-Romagna, è leader per le infrastrutture e le strutture ciclabili; il 41% di vendite di bici e accessori avviene nei negozi del Nord Est.

«Con la prossima edizione di EICA si apre un nuovo ciclo: abbiamo scisso il mondo della moto da quello della bicicletta perché la bici oggi sta sperimentando nuovi territori e questa fiera vuole essere rappresentativa del nuovo cambiamento» ha asserito Pier Francesco Caliari, Direttore Generale di Confindustria ANCMA. - Questo evento ha il merito di andare oltre lo spirito agonistico che è da sempre associato alla bicicletta per favorire lo sviluppo dell’uso urbano di questo mezzo di trasporto sano a tutti i livelli, dal punto di vista della salute umana, da quello ambientale e da quello economico, visti gli ultimi rincari sul petrolio.

«Si sono sposate tre culture con questa rassegna: quella dell’associazione di categoria, quella di Veronafiere e il Comune di Verona. EICA da manifestazione diventa evento, andando oltre il quartiere fieristico- ha sostenuto Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere. Questa strategia è già consolidata a Veronafiere che con Fieracavalli e Motorbike ha saputo coniugare lo spirito tecnico della fiera con quello più spettacolare».

Due padiglioni della Fiera, il 6 e l’8, saranno occupati dagli espositori che presenteranno le anteprime assolute dei modelli, degli accessori e dei componenti dei marchi più affermati del mondo della bicicletta.

«Verona non è una fiera, ma un evento. A Verona ci sarà la possibilità di provare al di fuori delle mura del quartiere fieristico le biciclette delle migliori marche su un test ride sul quale si sono cimentati i grandi campioni durante i mondiali di ciclismo del 2004- ha concluso Piero Nigrelli,  Direttore settore Ciclo di Confindustria ANCMA. E’ la prima fiera al mondo che ha in dote una domenica ecologica organizzata dal comune di Verona. EICA cade in concomitanza con la settimana ciclistica veronese che si apre con una cronoscalata notturna prevista per il 14 settembre».