24 ottobre 2020
Aggiornato 04:30
Il leader della Lega gela Tosi

Salvini: «Su Europa, euro ed Alfano un solo progetto, il mio»

Il leader del Carroccio commenta la discesa in campo del leghista sindaco di Verona Flavio Tosi in occasione delle primarie per la scelta del leader del centrodestra. Secondo Salvini ciò non provocherà spaccature interne al partito, anche per la diversa viosione politica dei due.

MILANO - Per il segretario federale della Lega Matteo Salvini la candidatura del sindaco di Verona Flavio Tosi alle eventuali primarie per la scelta del leader del centrodestra non provocherà una spaccatura all'interno della Lega né sarà un fattore che potrà indebolire la stessa candidatura del leader leghista. Salvini, che ha ribadito di essere favorevole alle primarie, interpellato da askanews sulla candidatura di Tosi, ha replicato: «Il bello della Lega è che mette a disposizione tante persone, tante idee. L'importante è che il centrodestra possa scegliere sia il progetto sia le persone. Ma prima delle persone viene il progetto. E come Lega noi ne portiamo uno di progetto, non diciotto. La posizione della Lega sull'Euro, l'Europa, Alfano, Passera, su tutto il vecchio, è chiara».

NESSUN PROGETTO COMUNE CON TOSI - Dopo le dichiarazioni di elogio di Silvio Berlusconi nei confronti di Matteo Salvini «andiamo avanti tranquillamente. Endorsment e complimenti fanno piacere ma non nascondono i problemi». Lo ha detto ad askanews il leader della Lega. Per il leader del Carroccio, nell'ambito del centrodestra, «bisogna concordare un progetto comune che ancora non c'è. Per esempio, proprio stamattina, sulla Commissione Ue Forza Italia ha votato col Pd contro la mozione di censura. E' chiaro - ha aggiunto - che se devi costruire qualcosa bisogna innanzitutto non votare con l'opposizione».