23 ottobre 2019
Aggiornato 14:00
Politiche 2018 | Lega

Salvini: «Il mio modello in UE è Orban»

Il leader del Carroccio: «Il premier ungherese difende i confini, le banche, la moneta e blocca l'immigrazione. Bossi? Sarà candidato a Varese»

Referendum per l'autonomia di Lombardia e Veneto

Bossi: «Il 22 ottobre finisce lo Stato centralista»

L'ex leader leghista in un'intervista a Radio Radicale: «Bene Maroni e Zaia, andranno a votare milioni di persone». De Poli: «Udc voterà sì a referendum per l'autonomia».

Lega Nord

Bossi: «Contro di me sentenza senza prove» e su Salvini...

Il presidente della Lega nord in un comizio alla festa del Carroccio a Pontida «C’ero io segretario e hanno inventato che avrei rubato soldi alla Lega. Figuriamoci. si fanno processi politici come ai tempi del fascismo»

Padania ancora al centro

«Grande Nord», parte davvero da qui la reconquista di Bossi?

Dopo tanto chiacchiericcio alla fine il Senatur ha partecipato a Milano alla prima uscita del movimento secessionista, la creatura dell'imprenditore alberghiero Roberto Bernardelli, che da mesi incalza l'anziano leader offrendo a questo un bacino e un network con cui riprendere in mano la battaglia contro 'Roma ladrona'

La nuova Lega di Salvini

Fischi per Bossi al congresso della Lega, il senatur abbandona il palco

Le critiche del fondatore del Carroccio alla nuova linea impressa dal segretario Martteo Salvini non sono piaciute al popolo leghista che lo ha contestato duramente. Lui taglia corto: «Me ne vado, inutile aizzare gli animi», e conclude il suo intervento con «Padania libera!»

Congresso Lega Nord

Bossi contestato al Congresso della Lega. Salvini: «Serve aria nuova»

Momenti di tensione quando il Senatùr ha criticato la trasformazione del partito da nordista a sovranista: «Me ne vado, inutile aizzare gli animi». Il leader leghista: «Siamo al 13 per cento, possiamo raddoppiare. Berlusconi sappia che non ragioneremo mai col PD»

Lega Nord

Salvini: «Accetto gli insulti di Bossi ma chi lo imita è fuori»

Il leader leghista al Congresso in corso a Parma: «Per loro la porta è aperta: pazienti sì, fessi no». Maroni: La Lega è una sola, Salvini è il segretario. Saremo leali, quella che tu dirai è la linea, chi non la seguirà «fora di ball».