31 ottobre 2020
Aggiornato 17:00
Congresso della Lega Nord

Il progetto di Matteo Salvini non si ferma

L'ex ministro dell'Interno si presenta all'appuntamento che completa la transizione al sovranismo con il presepe sottobraccio e annuncia: «Cambieremo la Costituzione per eliminare i senatori a vita»

Il leader della Lega al Congresso Federale della Lega
Il leader della Lega al Congresso Federale della Lega ANSA

MILANO (ASKANEWS) - Chi si aspettava un congresso-funerale che certificasse, nero su bianco, la morte della vecchia Lega sostituita dal già esistente movimento parallelo «Lega Salvini Premier» è rimasto probabilmente deluso. Il nuovo statuto approvato dai delegati non tocca infatti il riferimento alla «indipendenza della Padania», al simbolo con Alberto da Giussano, e a Umberto Bossi «presidente federale a vita». Eppure la svolta c'è tutta, è la presa d'atto di un cambiamento già avvenuto nei fatti e prepara lo svuotamento progressivo del Carroccio prima maniera, sul quale pende anche la condanna alla restituzione di 49 milioni di euro in 82 anni imposta dalla magistratura.

Quello che esce dal voto per alzata di mano dei 500 delegati, assente la minoranza di Gianni Fava e l'ex segretario Roberto Maroni, è un «movimento snello, orgoglioso delle proprie radici, ma che guarda avanti perché la sfida è globale contro la dittatura, di là non c'è democrazia», ha detto il segretario Matteo Salvini, arrivato al congresso con un presepe in mano, riferendosi alla Cina e all'integralismo islamico. Il punto chiave, come ha sottolineato dal palco lo stesso fondatore Bossi, è il via libera di fatto al doppio tesseramento: «È tutto lì, questo lo possiamo concedere, siamo noi che lo concediamo, Salvini non può imporre un cazzo», ha ruggito il vecchio leone. In pratica però la strada per i congressi locali nel 2020 della nuova Lega è spianata.

Salvini: «Sei anni entusiasmanti»

Eletto segretario con le primarie del dicembre 2013, Salvini ha parlato di «sei anni entusiasmanti», ma il successo, ha ammonito, non deve illudere e far sviluppare quella «pigrizia» e quei «personalismi» che oggi talvolta vede nel partito: «Di strada ne abbiamo fatta, ma il consenso popolare va rinnovato ogni giorno"ha continuato. La sua parola d'ordine è aprire: «Bisogna farlo con testa e intelligenza, ma bisogna aprire» perché la missione è alta e l'ambizione tanta: «Ogni gni tanto ho l'impressione che qualcuno non si renda conto che siamo in una guerra globale, siamo l'ultima ancora di salvezza per il popolo cristiano occidentale, l'ultimo baluardo».

Quanto ai problemi con la magistratura Salvini ha assicurato che non saranno un ostacolo: «Se qualcuno cerca di impaurirmi con la minaccia del carcere sbaglia, processateci tutti, è un processo al popolo italiano, alla sovranità nazionale» ha detto prima di invitare il congresso a una autodenuncia di massa: «Processare qualcuno che ha difeso i confini di un Paese è vergognoso, se vogliono processarmi facciano pure, porterò con me milioni di italiani in Tribunale».