19 settembre 2019
Aggiornato 11:00

Lega, Bossi condannato: contro di me processo politico, come sotto il fascismo

E' un Umberto Bossi amareggiato, quello che affida i suoi pensieri al Corriere della Sera all'indomani della condanna a 2 anni e 3 mesi per aver sottratto fondi alla Lega Nord

Il fondatore della Lega Umberto Bossi
Il fondatore della Lega Umberto Bossi ANSA

ROMA - E' un Umberto Bossi amareggiato, quello che affida i suoi pensieri al Corriere della Sera all'indomani della condanna a 2 anni e 3 mesi per aver sottratto fondi alla Lega Nord. «È stato un processo politico. Come sotto il fascismo» afferma amaramente il fondatore della Lega Nord, dopo la condanna a 2 anni e 3 mesi, in una intervista al 'Corriere della Sera'. Bossi spiega che si aspettava la condanna «dopo tutto quello che mi hanno fatto in questi anni, dopo tutto quello che hanno tirato fuori. Dopo avermi trascinato in tribunale lei pensa che potessero dire di essersi sbagliati? Macché... Piuttosto che ammetterlo, a un certo punto, hanno anche mandato via il pubblico ministero che aveva iniziato il processo. Si voleva distruggere la Lega. Ed è normale che uno Stato che non frequenta troppo la democrazia utilizzi tutti i mezzi».

L'obiettivo era la mia poltrona
«Sono riusciti a farmi saltare da segretario della Lega. Questo era l'obiettivo - accusa -. Se ne sono sentite di ogni colore, per mesi tutti i giorni sui giornali e in televisione a dire che io avevo preso i soldi. Io non ho preso un ca.... Mi dispiace soltanto perché non era quello che serviva al Nord».

Bossi contro i colonialisti
Bossi se la prende con «i colonialisti», quelli che vogliono «mantenere un sistema in cui si ammazzano le imprese di tasse e poi di queste tasse ritorna poco o niente. Un residuo fiscale come quello della Lombardia o del Veneto, non può durare. Non può più. Loro sapevano che senza trascinarmi in tribunale non potevano avere la meglio». E «il colonialista è quello che mangia mentre gli altri lavorano. E così, il loro problema è sempre lo stesso: quello di andare avanti così. Non hanno nessuna voglia di cambiare». E a Salvini che dice che Bossi appartiene a un'altra era, l'ex leader del Carroccio replica: «il Nord era schiavo prima ed è schiavo oggi». Adesso, conclude Bossi, «combatto. Andrò avanti, fino in Cassazione».