Italia | Movimento 5 Stelle

Paragone (M5s): «Sarò uomo del dialogo con la Lega, con Salvini mi sento»

L'ex direttore della Padania: «Il Carroccio ha sbagliato ad allearsi con Berlusconi, avrebbe potuto correre da sola. Parlarsi sarebbe stato più facile»

ROMA - Nel caso il Movimento 5 stelle punti a parlare con la Lega di Matteo Salvini potrà contare su Gianluigi Paragone, nel caso verrà eletto per il M5s a Varese, dove sfiderà il fondatore del Carroccio, Umberto Bossi. L'ex direttore de La padania ha detto a Radio Cusano Campus: «Penso proprio che potrei essere l’uomo del dialogo post voto tra Movimento Cinque Stelle e Lega. Sui temi macroeconomici e sulla sicurezza penso che ci possa essere un dialogo aperto. Ma farò campagna elettorale contro il centrodestra e contro Bossi».

La Lega ha sbagliato ad allearsi con il centrodestra
Il giornalista ha aggiunto: «Ho detto no a una coalizione di centrodestra che, per quel che mi riguarda, non ha più nulla da dire: si sta consumando e si consumerà. Questo non significa che la Lega abbia esaurito la sua spinta, perché Salvini ha iniziato un nuovo percorso, però Forza Italia ha completamente perso lo smalto. Gli resta questo carisma residuale di un leader, che però ha 80 anni e come vero interesse quello di salvaguardare Mediaset. La Lega – continua – ha sbagliato ad allearsi con Berlusconi, Salvini avrebbe potuto correre da solo, ora invece dovrà rispondere di alcune incongruenze. Sicuramente i candidati Borghi e Bagnai hanno una sensibilità culturale vicina alla mia e a un certo modo di pensare del M5S».  Paragone ha poi parlato dei sui rapporti con Salvini: «Non mi ha chiamato, ma ci siamo scambiati messaggi, ci parleremo».