> <
RSS

Schettino rischia 20 anni

E' la convinzione di Procuratore e PM impegnati nel rush finale al Teatro Moderno di Grosseto. «Secondo noi l'ex comandante merita più di 20 anni, 22», ha precisato il Procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio. Schettino: «Una stupidata, colpa del mutismo in plancia».

Le grandi navi minacciano l'intero ecosistema marino

A ricordarlo è la Goletta Verde Straordinaria di Legambiente, che nel suo terzo giorno di navigazione al seguito della Concordia diretta a Genova, oggi farà tappa a Porto Venere alle Cinque Terre, vicino a La Spezia, per incontrare Vittorio Alessandro, presidente del Parco Nazionale della Cinque Terre e parlare del traffico crocieristico.

Concordia, Regione Toscana e CNR al lavoro per due anni

Il servizio meteo del «Lamma» è proseguito ancora negli ultimi giorni, quando la nave ha lasciato il Giglio per mettersi in viaggio verso Genova, comunicando in tempo praticamente reale ogni possibile mutamento di vento ed onde, grazie anche ai sensori presenti sul mezzo della capitaneria di porto di Livorno che scorta il convoglio.

Concordia, una rottamazione virtuosa e innovativa

Così afferma in una nota Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente a bordo della Goletta Verde Straordinaria. L'arrivo oggi della Concordia a Genova, «dopo un viaggio difficile e delicato che ha attraversato il Santuario dei Cetacei e che abbiamo seguito con la nostra Goletta, rappresenta il primo passo importante per dar avvio ad una filiera europea virtuosa sullo smantellamento d

Concordia, tutelare l'ambiente

Gli ambientalisti - con una nota congiunta Legambiente, Greenpeace, Wwf Italia - criticano l'ipotesi che per lo smantellamento della nave Concordia, naufragata al Giglio, sia scelto un porto turco. Il Ministro dell'Ambiente: «Su questa vicenda sono molto determinato, la Concordia deve essere smantellata in Italia»

«Ferrarini mentì su morti e feriti»

Il capo dell'unità di crisi di Costa Crociere, la notte del naufragio della Concordia, secondo la Procura di Grosseto ebbe la colpa di «ridurre al minimo le conseguenze dell'incidente», e, fino all'ultimo, negò di essere a conoscenza di morti e feriti a bordo della nave

Costa Concordia, indagini concluse

Il numero degli indagati per il naufragio della Costa Concordia, avvenuto il 13 gennaio, davanti all'isola del Giglio, è sceso da undici a otto. «A tre degli indagati non abbiamo inviato la notifica di chiusura indagini, perché per loro chiederemo l'archiviazione», ha detto il procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio

Schettino «mentiva» e Ferrarini lo sapeva

Ventidue minuti dopo l'urto con gli scogli del Giglio, Roberto Ferrarini, per Costa Crociere, era «a conoscenza che l'Autorità Marittima» non aveva ricevuto dal comandante della Concordia Francesco Schettino «le informazioni complete sulla reale situazione a bordo della nave»

> <