27 giugno 2017
Aggiornato 00:30
> <
RSS

Biotestamento al rush finale alla Camera

A sostenere la prima legge sul fine vita in Italia un fronte trasversale che comprende il Pd, i 5 stelle e tutta la componente di sinistra dell'emiciclo, da Articolo 1 a Sinistra italiana, contrari invece i centristi, anche quelli al governo come Ap, Forza Italia e le destre, Lega e Fratelli D'Italia.

Giulia Grillo: «Testamento biologico? Mai, con questa maggioranza»

In Friuli Venezia Giulia nasce il «Dat», il registro regionale per le «libere dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario». Il consiglio regionale approva la Legge sul Testamento biologico, mentre nel resto del Paese la soluzione non viene ancora presa in considerazione. Per Giulia Grillo, deputata del Movimento 5 Stelle, «questa maggioranza non voterà mai una legge simile».

FVG, il biotestamento ora è legge

Dal Consiglio regionale via libera all’attivazione di un registro delle dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario. E’ il primo caso in Italia. La norma divide i politici, che votano secondo coscienza. Nel testo inserite anche disposizioni per la donazione di organi e tessuti

Genitori cattolici: no allo shopping dei figli

Il Parlamento del Regno Unito ha dato il via libera ai bambini con tre genitori. Il Dna della madre verrà affiancato da quello di un'altra donna per prevenire una serie di malattie mitocondriali che possono avere effetti letali sul bambino. L'Associazione Genitori Cattolici si dice fortemente contraria: «è una minaccia alla libertà, dove si andrà a finire?».

Madrid, in piazza per l'«aborto libero»

La legge in vigore autorizza l'aborto fino alla 14esima settimana di gravidanza, per tutte le donne che lo desiderino, e fino a 22 settimane in caso di malformazione del feto o grave pericolo per la salute psichica o fisica della gestante. Adottato a fine dicembre dal governo conservatore di Mariano Rajoy, il nuovo progetto di legge sopprimerebbe in toto l'attuale legge

Obama difende il diritto ad abortire

«Il governo non si deve immischiare negli argomenti che toccano l'intimità familiare», ha spiegato l'inquilino della Casa Bianca. Diverse organizzazioni hanno lanciato un appello a manifestare domani davanti alla Corte Suprema a Washington per riaffermare il loro sostegno alla legislazione in vigore

> <