> <
RSS

Milan: Yonghong Li e Fassone, giù la maschera

Si fa sempre più incandescente il fronte societario per la nuova proprietà cinese del Milan. Da una parte l’Uefa e il supplemento di indagini per verificare la solidità patrimoniale di Yonghong Li, dall’altra il possibile passo indietro di Highbridge riguardo il rifinanziamento del debito con Elliott. È il momento di capire chi c’è dietro il misterioso patron rossonero.

Ansia Milan: Yonghong Li inguaia i piani europei del club

Emergono inquietanti retroscena sul possibile futuro del club di via Aldo Rossi in Europa la prossima stagione: l’Uefa, in relazione soprattutto alla misteriosa situazione patrimoniale del proprietario Yonghong Li, avrebbe chiesto al Milan un supplemento di indagine prima di accettare la richiesta di voluntary agreement. Dalla Spagna si parla addirittura di esclusione dalle coppe.

Milan: da New York pesanti accuse a Yonghong Li

Mentre l’ad rossonero Marco Fassone cerca di rifinanziare il debito contratto qualche mese fa con il fondo Elliott, emergono nuovi scenari tutt’altro che rassicuranti sul proprietario del Milan. Secondo il New York Times, Yonghong Li non sarebbe il proprietario delle miniere che rappresenterebbero la quasi totalità delle sue risorse economiche.

Milan: un "Alto ponte" verso il futuro

Spiragli di luce in Casa Milan sul fronte societario. L’advisor finanziario Bgb Weston e l’avvocato Riccardo Agostinelli avrebbero individuato nel fondo Highbridge il nuovo partner per liberare il club rossonero dal giogo di Elliott. Entro due mesi tutto sarà definito e Fassone potrà gestire un debito più ampio ma spalmato su 5 anni.

Milan, svelate del cifre del nuovo accordo con la Puma

opo le tante supposizione sull’entità dell’accordo tra l’azienda tedesca il club di via Aldo Rossi, in essere dal prossimo 1 luglio per 5 anni, ecco venire fuori le cifre: si passerà dai quasi 20 milioni di parte fissa che garantiva Adidas ai circa 12 milioni che fornirà Puma, ma migliorerà sensibilmente la parte variabile legata agli obiettivi.

Milan: settimana decisiva per il futuro societario

I giorni da segnare con il circoletto rossonero sul calendario sono due: giovedì 9 e lunedì 13 novembre. Si tratta di due appuntamenti fondamentali per il futuro societario del Milan. Giovedì appuntamento a Nyon, dove Fassone consegnerà all’Uefa il piano per il voluntary agreement, lunedì assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio.

Milan: la rivincita della vecchia guardia

La vittoria ottenuta sul campo di Reggio Emilia, utilissima per consolidare la posizione di Montella sulla panchina rossonera ma anche per restituire all’ambiente Milan un pizzico di serenità, ha messo in evidenza un aspetto da non trascurare: il rilancio della vecchia guardia, a dispetto di un mercato faraonico.

Sky: Milan-Conte, contatto

A poche ore dal match che i rossoneri disputeranno contro il Sassuolo e che potrebbe decidere il futuro di Montella sulla panchina del Milan, Peppe Di Stefano ha raccontanto che Fassone e Mirabelli hanno già avviato i contatti con l’entourage di Conte per portarlo a Milanello. Adesso o a giugno, l’importante è che il matrimonio si faccia.

> <