15 novembre 2018
Aggiornato 00:30

Milan, Conti fuori dalla lista Uefa. L’agente: «Scelta condivisa»

Le scelte di Gattuso penalizzano il terzino rossonero, ma c’è serenità in vista di un imminente rientro.
Il terzino rossonero Andrea Conti
Il terzino rossonero Andrea Conti (ANSA)

MILANO - La lenta marcia di avvicinamento di Andrea Conti verso la perfetta e - si spera - definitiva guarigione continua. Allenamenti serrati per recuperare condizione e tono muscolare e una continua ricerca di miglioramenti, piccoli ma costanti, capaci di poter risollevare l’umore di un ragazzo promettentissimo, da troppo tempo lontano dai campi di calcio.
Il suo arrivo al Milan la scorsa estate era stato salutato come uno dei colpi più intriganti di tutto il sontuoso mercato rossonero targato Fassone e Mirabelli, ma la sfortuna aveva ben altri piani: una prima rottura del crociato del ginocchio sinistro il 15 settembre, a stagione appena iniziata; poi un paziente rientro, condizionato però da una ricaduta ad aprile, e seconda operazione allo stesso ginocchio malandato.

Scelta condivisa
Logico che adesso lo staff tecnico e sanitario di Milanello proceda con i piedi di piombo per evitare ulteriori e gravissimi passi falsi. Ecco perchè, come testimoniato dal suo agente Mario Giuffredi a calciomercato.com, non è il caso di affrettare i tempi: «Andrea viene da due infortuni molto pesanti, ha bisogno qualche settimana in più. Non vogliamo forzare i tempi, io credo che per metà ottobre o verso la fine possa tornare pienamente a disposizione».
È questa la ragione per cui Conti, insieme all’altro infortunato serio Strinic, è stato escluso dalla lista Uefa in vista dell’imminente inizio dell’Europa League. Una decisione accolta dall’entourage del calciatore con estrema serenità e senza alcuna nota polemica: «Ritengo che la decisione - le parole di Giuffredi - sia stata giusta e condivisa anche da noi».