19 agosto 2018
Aggiornato 23:00

Milan in missione per Morata, ma Higuain chiama

Fassone e Mirabelli sono volati a Londra per approfondire alcune questioni di mercato riguardanti Suso e Donnarumma, ma anche per decidere quale sarà il nuovo grande bomber rossonero
Il centravanti spagnolo del Chelsea Alvaro Morata
Il centravanti spagnolo del Chelsea Alvaro Morata (ANSA)

MILANO - Ancora una volta ci ritroviamo a commentare le vicende di casa Milan e ancora una volta i sussurri che arrivano da più parti ci indirizzano verso luoghi e ipotesi distanti. Una decina di giorni fa raccontavamo di come Yonghong Li, allora presidente del Milan giunto a un passo dal baratro, fosse per gli organi di informazione contemporaneamente a Londra, a New York e a Hong Kong. Questo a testimonianza della fittissima coltre di mistero sollevata attorno ad uno dei più imperscrutabili personaggi della storia del calcio.
Oggi però ci troviamo ad analizzare una situazione non dissimile. Esiste una certezza, ieri Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli sono partiti da Milano Linate destinazione Londra. Ed esistono almeno un paio di ipotesi contrastanti: la prima che i due dirigenti rossoneri siano volati in Inghilterra per scoprire dal nuovo proprietario Elliott quale sarà il loro destino al Milan; la seconda invece sussurra che il viaggio sia stato organizzato per pianificare l’acquisto di Alvaro Morata dal Chelsea.

Chiacchiere di mercato
La verità probabilmente sta nel messo, nel senso che ad e ds del Milan troveranno sicuramente tempo e modo per una chiacchierata, anche informale, con i manager di Paul Singer, ma la gita londinese è stata approntata soprattutto per approfondire alcune questioni di mercato, non necessariamente legate alla punta spagnola.
Sulla pista di decollo da Milanello infatti potrebbero essere anche Bonucci, Suso e Donnarumma, tutti e tre appetiti dal fior fiore dei club inglesi. Da qui l’esigenza di Fassone e Mirabelli di capire quali offerte siano concretamente sul piatto della bilancia rossonera.

Intreccio Chelsea
La cosa certa è che l’obiettivo di acquistare un grande bomber è sempre più concreto e proprio con il Chelsea potrebbe innescarsi un meccanismo di acquisti-cessioni a cascata che potrebbe riguardare più di un calciatore. Non è un mistero che i Blues siano interessati a Gonzalo Higuain e, nel caso riuscissero a prenderlo, la cessione di Morata sarebbe inevitabile, magari proprio al Milan. Ma il periodo ipotetico è d’obbligo perchè sul bomber argentino potrebbe alla fine lanciarsi anche Fassone e Mirabelli, a maggior ragione dopo le dichiarazioni di disponibilità dello juventino a trasferirsi in rossonero. Alla faccia di tutti coloro che continuano a sottovalutare l’appeal, il fascino e il blasone dell’ex club più titolato al mondo.

Prima cedere
Inutile dire che per portare a Milanello uno dei due grandi bomber sarà indispensabile fare cassa con la cessione di almeno due tra Kalinic, Bacca e Andrè Silva. Dopodichè si potrà pensare ad acquistare.
Con la dirigenza dei Blues però la collaborazione - o la sfida - potrebbe allargarsi anche al giro dei portieri. Il Chelsea sta per perdere Courtois, destinazione Madrid, e a quel punto sarà costretto ad acquistare un nuovo estremo difensore. In prima fila ci sono Alisson e Donnarumma, contesi entrambi anche dal Liverpool. Signori e signore mettetevi comodi, il mercato sta per entrare nel vivo.