21 gennaio 2020
Aggiornato 21:30
F1 | GP del Messico

Binotto: «In Messico vogliamo pole e vittoria»

Il team manager della Ferrari: «Messa a punto molto difficile». Leclerc: «Muretti vicini, mi piace parecchio». Vettel: «Fiduciosi di potercela giocare»

F1 | GP Azerbaigian

Bottas piega Hamilton, terzo e quinto Vettel e Leclerc

A Baku vince ancora Bottas su Mercedes. Secondo Hamilton per un’altra doppietta d’argento: quarta in altrettante gare. Vettel terzo e sul podio con la Ferrari. Poi Verstappen e Leclerc

Formula 1

Gp Bahrain: vince Hamilton, ma che beffa Leclerc

A Sakhir Leclerc (3º) domina, ma il motore tradisce la Ferrari: vittoria regalata a Hamilton. Vettel sbaglia e finisce 5º. Binotto: «Doppietta mancata, la F1 è anche questo»

Formula 1

Il 2018 della F1: cosa aspettarsi dal nuovo anno

Il duello atteso è sempre lo stesso: Mercedes contro Ferrari, che seguono strade tecniche diametralmente opposte. Ma gli outsider pronti a inserirsi non mancano

Formula 1

La Ferrari 2018 è già nata: ecco come sarà

La Rossa di Maranello ha giocato di anticipo su tutte le dirette rivali, superando i crash test ben due mesi prima della presentazione ufficiale della monoposto

Formula 1

«Non licenziate Arrivabene»: lo difende pure Vettel

Il team principal della Ferrari rischia di diventare il capro espiatorio per gli ultimi disastri e di essere sostituito dal direttore tecnico Mattia Binotto. Ma la squadra fa scudo al suo leader

Formula 1

Ferrari corre ai ripari: al controllo qualità arriva una donna

La striscia negativa di rotture di pezzi prodotti da fornitori esterni negli ultimi Gran Premi ha convinto Maranello a riorganizzare il reparto che si occupa delle verifiche. A dirigerlo, da oggi, sarà l'esperta spagnola Maria Mendoza, che già ha ricoperto lo stesso ruolo per i motori di serie del gruppo Fiat

Formula 1 | Gran Premio del Giappone

Ferrari, saltano le prime teste per il doppio guasto al motore

Gli errori costati una probabile vittoria in Malesia non resteranno impuniti: «Abbiamo pianificato una riorganizzazione del reparto qualità», rivela il direttore tecnico Binotto, spiegando che a causare il problema è stato proprio il controllo delle componenti. Ma nel mirino ci sarebbe pure Arrivabene...

Formula 1 | Gran Premio d'Italia

Marchionne furioso: «Imbarazzante, mi girano le balle»

La rabbia del presidente a ruota libera dopo la sconfitta subita dalla Mercedes nella sua gara di casa di Monza: «Questa non è la Ferrari, bisogna raddoppiare l'impegno. Evidentemente abbiamo sbagliato qualcosa in settimana. Dobbiamo togliere il sorriso dalla faccia di questi qui»

Formula 1

Ferrari o Mercedes, chi vincerà il Mondiale? La F1 si divide

Da una parte chi scommette sul grande lavoro svolto a Maranello e sulla forza mentale di Sebastian Vettel. Dall'altra chi crede nelle risorse di sviluppo tecnico delle Frecce d'argento. Una cosa è certa: la seconda metà della stagione si gioca sul filo, e i valori in campo cambieranno di GP in GP

Formula 1

Una lotta di potere minaccia la serenità in Ferrari: Arrivabene vs Binotto

Da un lato il direttore tecnico che ha realizzato il miracolo della SF70H e ora vorrebbe farlo pesare per conquistarsi il ruolo di capo della Scuderia. Dall'altro l'attuale team principal, che per conservare la sua ambita poltrona ha mosso nientemeno che il principale sponsor, la Philip Morris

Formula 1

Marchionne ha deciso: il nuovo motorista Ferrari sarà un ex Mercedes

Per sostituire il capo progettista dei propulsori Lorenzo Sassi, spostato ad un altro ruolo all'interno del gruppo Fiat Chrysler, sarebbe stato individuato un altro ingegnere specialista della tecnologia ibrida: Wolf Zimmermann, strappato da Maranello alla casa di Stoccarda già a fine 2014

Formula 1

Mistero in Ferrari: Marchionne caccia il papà dei motori

L'indiscrezione è filtrata da Maranello sulle pagine dei giornali: il presidente in persona avrebbe allontanato dal suo incarico Lorenzo Sassi, il progettista del super propulsore ibrido che è riuscito ad eguagliare la potenza dei mostri della Mercedes. Un licenziamento apparentemente senza motivo

Un weekend con i favori del pronostico

Ferrari: la macchina è una certezza (anche in Canada), il futuro dei piloti non ancora

La Rossa si presenta al via del GP di Montreal consapevole di essere anche in quest'occasione la squadra da battere, grazie ad una pista che si adatta perfettamente alle caratteristiche della vettura. Resta solamente l'incognita sul rinnovo dei contratti di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen

L'altra faccia della Rossa in Formula 1

Raikkonen, che ti è successo? «Ci sto mettendo troppo a risolvere i problemi»

Mentre il suo compagno di squadra Sebastian Vettel comanda il Mondiale, Kimi è apparso irriconoscibile nei primi tre GP, sempre fuori dal podio. C'è chi parla di una Ferrari poco adatta a lui, ma il diretto interessato smentisce: «Solo dettagli»

Quindici anni dopo un altro campione tedesco porta in alto la Rossa

La Ferrari di Vettel è forte come quella di Schumacher: ecco perché

Era dai tempi di Michael che il Cavallino rampante non cominciava così bene un Mondiale. Merito di una macchina gentile con le gomme, dei tecnici aggressivi al muretto e veloci nello sviluppo e di un pilota cattivo in pista e maturo fuori

L'aumento del budget è servito a migliorare le prestazioni

L'ex tecnico rivela: «Quanto ha speso la Ferrari per battere la Mercedes»

Centinaia di milioni di euro spesi dalla Scuderia per dotarsi di nuovi strumenti di sviluppo all'avanguardia e colmare il suo divario dalle Frecce d'argento. Lo svela Toni Cuquerella, fino allo scorso anno ingegnere capo di Maranello

Il numero uno della Rossa sprona i suoi anche in Formula 1

Sergio Marchionne non molla la Ferrari. E lei le promette un super-bonus

Ventotto milioni di euro in azioni se riuscirà a far meglio dei diretti concorrenti: questo potrebbe percepire il presidente e ad del Cavallino rampante da qui al 2021. Resterà dunque a Maranello anche dopo aver lasciato Fca

Le opinioni dell'attuale numero uno e dell'ex

In Ferrari parla solo Marchionne: «Gran passo avanti». Montezemolo, invece...

Il presidente, che ha ordinato ai suoi a Barcellona di non parlare, si sbilancia invece da Modena: «Le previsioni si sono avverate, la SF70H è più potente». Più cauto il suo predecessore: «Scelte rischiose, sarà un anno importante»

Il video-editoriale per il Diario Motori

Corgnati: Ferrari SF70H, ora facci innamorare di nuovo!

Il nostro direttore commenta la nuova monoposto rossa presentata ieri a Maranello: «Non possiamo ancora sapere se e quanto andrà forte, ma per il momento possiamo già dire che è una macchina che va controcorrente»