21 novembre 2019
Aggiornato 12:30

Bottas piega Hamilton, terzo e quinto Vettel e Leclerc

A Baku vince ancora Bottas su Mercedes. Secondo Hamilton per un’altra doppietta d’argento: quarta in altrettante gare. Vettel terzo e sul podio con la Ferrari. Poi Verstappen e Leclerc

Bottas e Vettel festeggiano sul podio di Baku
Bottas e Vettel festeggiano sul podio di Baku ANSA

BAKU - Il finlandese della Mercedes Valtteri Bottas ha vinto il Gp di Azerbaigian, quarta prova del Mondiale di F1, disputatasi sul circuito cittadino di Baku. Bottas ha preceduto il compagno di squadra, l'inglese Lewis Hamilton e la Ferrari di Sebastian Vettel. Quinto posto per il monegasco Charles Leclerc che ha chiuso dietro l'olandese Max Verstappen e davanti il messicano Sergio Perez.

La gara

Ritmo infernale per il finlandese fin dall'inizio con Bottas che guadagna subito 3» su Hamilton. Ottimo passo gara anche per LeClerc che, partito dall'ottava posizione è quarto dopo dieci giri. Per il gioco dei pit stop il monegasco è addirittura in testa al giro numero 13. Strategia di gara Ferrari che prova a fare una sosta soltanto con LeClerc, nella speranza che gli altri siano costretti a alzare il ritmo verso fine gara a causa dell'usura dei pneumatici. Al 32esimo giro Bottas si prende la leadership del Gran Premio, mentre Vettel difende il suo terzo posto da Verstappen.

Giro veloce di Leclerc

Nel finale Vettel cerca di insediare la coppia di testa ma senza successo. LeClerc prova il giro veloce per la classifica e Bottas e Hamilton trionfano sul podio di Baku. La Mercedes fa segnare un record storico per la F1 andando a prendersi la quarta doppietta consecutiva in apertura di stagione.

Bottas: «Voglio proseguire così»

Arriva la quarta doppietta stagionale della Mercedes sul circuito di Baku, in Azerbaigian. «È stata una gara difficile anche se è successo poco, ma Lewis mi ha messo pressione alla fine e io sono stato bravo a non fare errori e tenere la situazione sotto controllo - le parole del finlandese Valtteri Bottas a fine gara -. Sono stato felice di vedere la bandiera a scacchi , e ora vorrei proseguire con questo slancio anche adesso che arriveremo in Europa: sono contento per le prestazioni e l'incredibile livello raggiunto dal team, è un grande avio di stagione».

Hamilton: «Valtteri ha meritato»

Hamilton, secondo in gara e nel mondiale (a 1 solo punto) si congratula con il compagno di squadra. «Bottas ha fatto una gara fantastica, senza commettere errori e ha meritato la pole e la vittoria: è un grande risultato per il team che ha realizzato il miglior avvio di stagione mai avuto - dice Hamilton -. Questi risultati sono il frutto del lavoro di una squadra in cui tutti danno sempre il massimo e tornano sempre più affamati ogni anno: è questa la nostra forza, è questo il valore dei nostri ragazzi e dobbiamo tutto a loro».

Vettel: «C'è moltissimo da fare»

«È stata molto dura all'inizio, non avevo feeling con la gomma morbida, non ero mai in fiducia. Poi con la media è andata meglio, abbiano tenuto il passo delle Mercedes e messo anche su di loro un po' di pressione. Comunque c'è moltissimo da fare. Non è assolutamente la situazione che avremmo voluto a questo punto, ma per ora dobbiamo accontentarci. Così Sebastian Vettel dopo il terzo posto a Baku. Ora la Ferrari guarda alla prossima gara a Barcellona, ma Vettel è prudente. «Non penso che andremo lì da favoriti ma comunque porteremo un paio di aggiornamenti. Soprattutto - ha affermato il tedesco - speriamo di avere un fine settimana lineare, cosa che finora non abbiamo ancora avuto. Così potremo dare una svolta alla stagione».

Binotto: «Non abbiamo avuto mai ritmo»

Roma, 28 apr. - «Che la Mercedes fosse forte non è una sorpresa, lo sapevamo dai test di Barcellona. Ma oggi non abbiamo mai avuto ritmo. Un conto è partire dietro e un conto è partire davanti, la vettura poteva fare meglio in qualifica». Lo ha dichiarato Mattia Binotto, team principal della Ferrari, al termine del Gran Premio d'Azerbaijan, quarta tappa del Mondiale 2019 di Formula 1. Terzo e quinto posto per le due Rosse di Sebastian Vettel e Charles Leclerc a fronte della quarta doppietta della Mercedes: «Dobbiamo analizzare i dati, cercare di capire i nostri punti deboli e migliorare - ha sottolineato Binotto ai microfoni di Sky - Dobbiamo guardare le prestazioni di tutto il weekend, anche Leclerc che partiva dall'ottava posizione ha fatto una buona gara. Dobbiamo semplicemente migliorarci e cercare di andare oltre».

Crederci diventa un dovere

Poi sul discorso gomme: «Le soft si sono dimostrate molto fragili per usura. Abbiamo cercato di anticipare il pit-stop con Vettel per poi provare uno stint lungo. Ciò che è certo è che queste gomme non sono facilmente interpretabili, giocano un ruolo determinante in gara». Ma il team principal della Rossa sottolinea lo spirito positivo all'interno della scuderia: «Lo spirito in Ferrari è buono e positivo. Abbiamo voglia di far bene e vincere, si lavora in modo unito e questa è la ricetta giusta». Infine sulla lotta per il Mondiale: «Ci sentiamo ancora in lotta, abbiamo chiuso quattro gare ma ci sono altre 17 opportunità per dimostrare di essere bravi. Gara dopo gara cerchiamo di fare meglio per noi stessi e per i tifosi, crederci diventa un dovere» ha concluso Binotto.