24 settembre 2020
Aggiornato 23:30
Formula 1

In Spagna domina ancora Hamilton. Settimo un eroico Vettel, ritiro per Leclerc

Il sei volte campione del mondo precede Verstappen e Bottas al termine di una gara in cui ha fatto gara in solitaria: «Ammirato da questa macchina». Vettel: «Settimi e a punti con un po' di fortuna»

In Spagna quarta vittoria stagionale per Lewis Hamilton
In Spagna quarta vittoria stagionale per Lewis Hamilton ANSA

Quarta vittoria stagionale per Lewis Hamilton che, dopo Stiria, Ungheria e Gran Bretagna mette in carniere anche il successo in Spagna, sul circuito di Barcellona. Il sei volte campione del mondo precede Verstappen e Bottas al termine di una gara in cui ha fatto gara in solitaria. Una vittoria senza alcun problemi con l'olandese della Red Bull infilatosi tra le due Mercedes. Il finlandese Bottas ha avuto una partenza negativa e ciò non gli ha permesso di regalare la doppietta alla Mercedes. Suo il punto addizionale per il giro più veloce della corsa.

Settimo un eroico Vettel

Giù dal podio le Racing Point di Lance Stroll e Sergio Perez. Buona sesta posizione per Carlos Sainz con la McLaren motorizzata Renault. Settimo Sebastian Vettel, eroico con una sola sosta, ritiro per problemi elettrici sulla SF1000 per Leclerc al 41° giro. Andato in testacoda al 37° giro per problemi sulla sua Ferrari il monegasco ha provato a ripartire, ma dopo pochi giri è tornato al box per ritirarsi definitivamente dalla gara. Il settimo posto di Vettel non è una vittoria per il tedesco, ma una grande risposta a un momento difficile. Il Mondiale torna tra due settimane a Spa per il GP del Belgio.

Hamilton: «Ammirato da questa macchina»

«Grandissima giornata oggi. Ero davvero ammirato da quello che riusciva a fare questa macchina, sensazioni stupende. È stato sorprendente, perché avevamo qualche problema con le gomme e la gestione è stata molto buona oggi. Abbiamo capito cosa è successo a Silverstone e ci ha permesso di fare questo risultato. Sono riuscito a spingere dall'inizio alla fine». Così Lewis Hamilton ha commentato il successo odierno in Catalogna, quarto stagionale per il sei volte campione del mondo.

Successivamente il fenomeno della Mercedes commenta la scelta degli pneumatici effettuata: «Ho studiato molto approfonditamente le gomme, come usarle e quali scegliere. Questo mi ha permesso di farle durare più degli altri. Potevamo anche fare una sosta sola, ma alla fine abbiamo fatto la strategia giusta. Non c'era la necessità di montare la soft alla fine, era più sicuro mettere la media».

Infine i ringraziamenti al team: «Ringrazio tutti i ragazzi della fabbrica, che stanno continuando a spingere e a lavorare. Speriamo che tutti rimangano al sicuro, continuando a usare le mascherine per proteggere sia sé stessi che gli altri».

Vettel: «Settimi e a punti con un po' di fortuna»

«Il mio dialogo con Adami via radio? Ho chiesto al team cosa avremmo potuto fare. Il messaggio è stato 'spingi forte' e poi mi è stato detto di fare il contrario. Quello è stato un momento un po' strano ma oggi la nostra posizione realisticamente era la decima e con un po' di fortuna siamo arrivati settimi prendendo buoni punti». Sebastian Vettel spiega così il momento di tensione con il muretto box durante il Gran Premio di Spagna, gara conclusa al settimo posto.

«Le abbiamo provate tutte e in quella fase ho pensato che avremmo potuto correre un rischio perché non avevamo nulla da perdere - ha aggiunto Vettel ai microfoni di Sky Sport F1 -. Oggi essere doppiati ci ha aiutati, la gara è stata più corta e questo ci ha permesso di salvare le gomme con un giro in meno. Ma in fin dei conti non penso nemmeno che abbia fatto differenza l'incomprensione via radio».

«Cosa dovremo fare per migliorarci? Il mio parere non è più importante, penso - scherza il tedesco -. Questa stagione è molto complicata, la macchina è quella che è ma tutti dobbiamo rimanere uniti per provare a fare il meglio. Non e' giusto catalogare questa stagione come negativa e stop, lo sappiamo tutti, dobbiamo cercare di cambiare le cose». E ancora: «Dobbiamo continuare a fare il nostro lavoro, le ultime settimane sono state dure e l'importante è rialzarsi. Ci sono stati troppi alti e bassi», ha chiosato Vettel.

Leclerc: «Si è spenta la macchina, un peccato»

«Si è spenta la macchina, non solo il motore, tutto. Ha bloccato le ruote posteriori, sono partito in testacoda. Ho tolto le cinture e dopo è tornata la macchina ma eravamo ultimi. E' un peccato ma è così. La stessa immagine degli ultimi weekend, non siamo abbastanza forti. Motori, aerodinamica e pacchetto generale, dobbiamo lavorare per diventare più forti». Così, a Sky Sport, Charles Leclerc ha raccontato dei problemi alla sua vettura che l'hanno costretto al ritiro.

Binotto: «Gran Premio compromesso in qualifica»

«La vettura potenzialmente era da quarto posto ma ci siamo complicati troppo la vita in qualifica partendo dalla nona e dall'undicesima posizione. Abbiamo compromesso la gara in qualifica perché qui superare è complicato». Così Mattia Binotto al termine di un Gran Premio di Spagna che ha regalato soltanto il settimo posto alla Ferrari di Sebastian Vettel mentre Charles Leclerc è stato costretto a chiudere anzitempo la gara a causa di un problema elettrico.

«Senza problemi di affidabilità Leclerc poteva arrivare quarto ma improvvisamente gli si è spento tutto, dobbiamo capire cosa è accaduto - ha aggiunto il team principal della Ferrari ai microfoni di Sky Sport F1 -. Vettel partiva un po' indietro, ha fatto un'unica sosta ed è riuscito ad arrivare settimo. Ma in generale dobbiamo riuscire a sfruttare al meglio la macchina e ogni qualvolta non ci riusciamo commettiamo un passo indietro».