27 settembre 2020
Aggiornato 21:30
Formula 1 | GP del Belgio 2020

Spa 2020: pole di Hamilton. Disastro Ferrari

L’inglese della Mercedes scatenato in qualifica davanti a Bottas e al solito Verstappen. Ottimo Ricciardo, quarto con la Renault. Le rosse fuori dalla Q2. Binotto: «Lavoriamo per il futuro»

Lewis Hamilton su Mercedes
Lewis Hamilton su Mercedes ANSA

Pole position di Lewis Hamilton nel Gp del Belgio di Formula1, in programma domani sul circuito di Spa Francorchamps. Il britannico centra la pole e record della pista in 1:41.252. In prima fila l'altra Mercedes di Bottas. Seconda fila per Verstappen (Red Bull) e Ricciardo (Renault), terza per Albon (Red Bull) e Ocon (Renault); poi Sainz (McLaren) e Perez (Racing Point), Stroll (Racing Point) e Norris (McLaren) a chiudere la top ten.

Disastro Ferrari, le due SF1000 entrate per un soffio (87 millesimi di vantaggio su Raikkonen) nel Q2, non sono poi riuscite ad andare oltre il 13esimo ed il 14esimo tempo nel Q2 e prenderanno quindi domani il via del Gp del Belgio appaiati dalla settima fila dello schieramento di partenza. Un tracollo, pensando che un anno fa le Rosse avevano monopolizzato la prima fila.

Hamilton: «E' stata una qualifica incredibile»

«Qualifica incredibile, ogni giro sono andato sempre meglio. Non è semplice sfruttare al massimo la macchina su questa pista, qui è importante trovare l'equilibrio. Non ho commesso neanche un errore, il primo giro del Q3 è stato fantastico». Lo ha detto Lewis Hamilton al termine delle qualifiche del Gran Premio del Belgio in cui il pilota della Mercedes ha ottenuto la pole position facendo segnare il nuovo record della pista.

«Qui non è semplice, noi non siamo i piu' forti nel primo e terzo settore - ricorda il britannico al traguardo - ma siamo i piu' veloci in quello centrale. Per questo ho scelto un assetto che mi permettesse di guidare senza aver bisogno delle scie».

Leclerc: «Difficile trovare una spiegazione»

«A essere onesti è molto difficile trovare una spiegazione per essere in questa posizione. Si tratta di un grande passo indietro rispetto agli altri. Dobbiamo trovare il problema centrale e affrontarlo». Così il pilota della Ferrari Charles Leclerc dopo il 13° posto nelle qualifiche del Gp del Belgio.

«Non è stata una buona giornata, ma in questo momento va così e dobbiamo continuare a lavorare sodo -aggiunge il monegasco-. Credo che tutti in squadra debbano tenere la testa alta anche in momenti difficilissimi come questo. Posso capire la delusione dei tifosi a casa. Cercheremo di fare la miglior gara possibile anche se non possiamo aspettarci miracoli».

Vettel: «Più di così non si poteva fare»

«E' un quadro realistico, oggi la macchina può fare questo sul circuito. C'è stato qualcosa di sbagliato nell'assetto fin dal primo giorno. Questa è la macchina che abbiamo adesso e quello che possiamo fare oggi. E' il mio lavoro, mi piace. Chiaramente non è bello rischiare di uscire al Q1 e finire 14°. Stamattina pensavamo di non entrare nel Q2, è tutto quello che possiamo fare oggi. Vedremo cosa accadrà domani». Così Sebastian Vettel a Sky dopo la pessima qualifica delle Ferrari al gp del Belgio, entrambe fuori nella Q2.

Binotto: «Lavoriamo per il futuro»

«Situazione difficile, non siamo contenti. Non lo è nessuno, noi e i tifosi. Dobbiamo capire e guardare avanti. Abbiamo avuto difficoltà nelle libere, i piloti non sentivano la macchina. Weekend in salita. Abbiamo cambiato la vettura, anche nel giro di uscita, ma non siamo nel punto in cui volevamo. C'è qualcosa che ci sta sfuggendo in questo weekend, spero che i tecnici lo capiranno. Siamo a 2 decimi dal Q1, ma non è stato abbastanza». Così Mattia Binotto, team principal della Ferrari, dopo l'eliminazione delle Rosse dal Q3 del GP del Belgio.

«Questa macchina è la stessa delle ultime gare - ha aggiunto Binotto - il problema è circoscritto a questo weekend. Abbiamo fatto una scelta di carico più elevato pensando anche a una possibile gara bagnata per domani. E' importante il disappunto, ma dobbiamo capire cosa è successo. I piloti non avevano fiducia, la situazione di venerdì ha compromesso le qualifiche. Serve pazienza, stiamo costruendo per il futuro e concentrati sul 2021 e 2022, cercando di fare bene in questa stagione. Ci teniamo a fare bene, soprattutto in Italia. La gara è domani, non molliamo di un millimetro, si assegnano i punti. I piloti prendono confidenza girando, in gara andiamo meglio in qualifica. Credo che domani potremo combattere con chi ci sta davanti, si può superare. La gara è tutta da scrivere».