19 ottobre 2019
Aggiornato 04:30
Dopo il riconoscimento del genocidio armeno di Putin

La Turchia rilancia: la Russia sa bene cos'è il genocidio

La Turchia «respinge e condanna» le dichiarazioni rese ad Erevan dal presidente russo Vladimir Putin, che ha definito genocidio il massacro degli armeni di cui ricorre il centenario. Non solo: Ankara rimbalza le accuse, e afferma che la Russia sia il Paese «nelle condizioni migliori per sapere che cosa sia un 'genocidio'»

Il leader del Carroccio interviene a Omnibus

Salvini: «Ap con Toti? Bene, spero capiscano che Alfano è il passato»

«Se c'è qualcuno che anche in Liguria si rende conto che Alfano è il passato e non il futuro ben venga. Chissà se non ci siano segni di vita. Vedremo». Matteo Salvini ha commentato così la notizia dell'accordo elettorale stretto dal candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Liguria, Giovanni Toti, e la formazione centrista di Area popolare.

Un centinaio di persone per ricordare i massacri

Istanbul, manifestanti ricordano il genocidio armeno

Un centinaio di persone si è riunito simbolicamente a Istanbul per commemorare i massacri di armeni avvenuti cent'anni fa ad opera dell'impero ottomano, che la Turchia rifiuta di riconoscere come genocidio. I manifestanti si sono trovati davanti all'ex prigione, oggi Museo della arti islamiche, dove furono detenuti i primi arrestati.

Durante le celebrazioni ad Erevan

Per Putin e Hollande, fu genocidio

Si è osservato un minuto di silenzio ad Erevan, durante le celebrazioni del centenario del genocidio armeno. Presenti, Vladimir Putin, che ha ribadito come qualsiasi genocidio di massa sia ingiustificabile, e Francois Hollande, che ha attaccato la Turchia per non aver pronunciato ancora parole importanti sulla questione.

Non parla di «genocidio»

Obama non delude Ankara

Ieri, Barack Obama, in occasione della ricorrenza del centenario, si è limitato a ricordare il «terribile massacro» degli armeni durante la Prima guerra mondiale, evitando di ricorrere al termine «genocidio», tanto inviso alla Turchia.

Sono capaci di mettere in discussione le relazioni internazionali

Quando la storia, e la memoria, ci fanno paura

Gli antichi dicevano che la storia è maestra di vita. Di certo, alcuni episodi recenti - la querelle sul genocidio armeno, il gelo tra Cina e Giappone per i fatti della II Guerra mondiale e il processo all'ex contabile di Auschwitz - ci hanno dimostrato in queste ore quanto essa possa arrivare a farci paura, e quanto la memoria sia spesso difficile, dolorosa, inaccettabile.

Nonostante la querelle con la Turchia

La Chiesa armena canonizza i martiri del genocidio

Altra puntata nella saga sul genocidio armeno. La Chiesa armena si prepara a canonizzare oggi 1,5 milioni di vittime del genocidio armeno perpetrato dai turchi ottomani, alla vigilia della commemorazione ufficiale del centenario dei massacri e nonostante le pesanti critiche della Turchia, che respinge l'uso del termine genocidio.

Dopo il riconoscimento del genocidio armeno da parte del Parlamento austriaco

«Cicatrici permanenti» tra Austria e Turchia

La Turchia ha annunciato di aver richiamato per consultazioni il suo ambasciatore in Austria, per protestare contro il riconoscimento simbolico da parte del parlamento viennese del genocidio armeno commesso dall'Impero ottomano durante la Prima guerra mondiale.

Una carneficina durata nove mesi, 100 anni fa

La Turchia commemora la Battaglia di Gallipoli

La Turchia da domani ospita vari leader mondiali per la commemorazione del centesimo anniversario dell'inizio della Battaglia di Gallipoli, nove mesi di carneficina che non portarono ad alcuni risultato sul terreno, ma che contribuirono a forgiare le identità nazionali di vari Stati.

Venerdì l'Armenia commemorerà i massacri

Si avvicina il centenario del discusso «genocidio»

Venerdì l'Armenia ricorderà gli eventi del 1915, in cui morirono centinaia di migliaia di armeni. Si avvicina così la data ufficiale di commemorazione del tanto discusso «genocidio», su cui si è montata una querelle internazionale a partire dalle parole del Papa. E a proposito del quale Ankara continua a rimanere salda sulla sua posizione.

Sulla querelle iniziata dal Papa

La prudenza di Berlino sul genocidio armeno

La Germania, diversamente da una ventina di Paesi, tra i quali la Francia e la Russia, non ha finora riconosciuto il genocidio armeno per non indispettire la Turchia, un partner importante. Nel paese centro-europeo, inoltre, vive un'imponente comunità turca, fatta da tre milioni di persone, particolarmente sensibile alla tematica.

Dopo la querelle sul genocidio armeno

Il consigliere del premier turco di origine armena dà le dimissioni

Il primo consigliere di origine armena del premier turco ha lasciato dopo aver definito un "genocidio" il massacro degli armeni a opera degli ottomani nel 1915. Ufficialmente, si sarebbe ritirato per motivi d'età; di fatto, però, Mahcupyan aveva già in passato fatto infuriare esponenti del partito parlando di «genocidio».

Dopo la risoluzione sul genocidio armeno

Per la Turchia, l'Ue è razzista

Il premier turco Ahmet Davutoglu ha condannato la risoluzione del Parlamento Europeo nella quale si chiede ad Ankara di riconoscere come genocidio il massacro degli armeni del 1915, definendola un segnale di un crescente razzismo in Europa.

Maratona televisiva di 4 ore

Putin a tutto campo

Vladimir Putin a tutto campo. Durante una maratona tv di 4 ore, il capo del Cremlino si è espresso su tutte le questioni più delicate ed attualità. Dalla situazioni in Medio Oriente al genocidio armeno, dall'economia alla crisi ucraina, fino alle relazioni con l'Iran e al caso Nemtsov.

Anche il leader del Fascismo denunciò il genocidio

Sugli Armeni, Mussolini come Francesco

In un articolo del 1902,il giovane Benito Mussolini espresse il suo lo sdegno per quello che definì un «popolo che cade»: si riferiva proprio agli armeni, il cui massacro passava sotto silenzio. Il massacro che anticipò il genocidio del 1915 che Papa Bergoglio qualche giorno fa ha ricordato, scatenando la furiosa reazione di Ankara.

Ankara respinge la risoluzione sulla commemorazione genocidio armeno

La Turchia contro l'UE

«Esempio senza precedenti di incoerenza in ogni suo aspetto»: queste, le parole del ministro degli Esteri turco a proposito della decisione del Parlamento europeo di approvare la risoluzione sulla commemorazione del genocidio armeno. Per Ankara, l'europarlamento avrebbe oltrepassato le sue competenze, ostacolando le relazioni Turchia-Europa.

Risoluzione sulla commemorazione del genocidio armento

L'UE è con il Papa

Approvata, nella serata di ieri, una risoluzione della "miniplenaria" sulla commemorazione del centenario del genocidio armeno, che condanna tentativi di negazionismo ed elogia le parole del Papa. Da parte sua, il Vaticano reputa interessante l'ipotesi, suggerita dalla Turchia, di aprire gli archivi e rimane fermo sulle sue posizioni.

Si infuoca la polemica sul genocidio armeno

La Turchia alza i toni: il Papa si è unito al fronte del male

La Turchia alza i toni. Rispondendo nuovamente alle parole del Pontefice, che ha parlato di genocidio armeno, il premier ha parlato di un «fronte del male» eretto contro il Paese. E ha ricordato che coloro che sono sfuggiti all'Inquisizione cattolica in Spagna hanno trovato la pace «nel nostro giusto ordine di Istanbul e Izmir».

L'ambasciatore turco a Roma rassicura sui rapporti con Vaticano

Erdogan: Voto UE su genocidio? Entrerà da un orecchio e uscirà dall'altro

Nel pomeriggio, il parlamento europeo dovrà pronunciarsi su una risoluzione che riguarda ila commemorazione del centenario del genocidio armeno. Erdogan mette le mani avanti, affermando che il risultato non avrà per lui alcuna importanza. Intanto, l'ambasciatore turco a Roma rassicura sui rapporti tra Turchia e Vaticano.

Il presidente turco sulla questione del genocidio

Querelle sugli armeni, Erdogan risponde a tono al Papa

Non accenna a placarsi il dibattito sul genocidio degli armeni. Il presidente turco annuncia di essere pronto a convocare una commissione storica congiunta. E afferma che quando politici o funzionari religiosi assumono i doveri degli storici, ne esce il delirio, non i fatti.

L'appello dei partiti per il genocidio armeno

Meloni: «Se la Turchia non riconosce i suoi crimini, non entri in UE»

«Chi non riconosce il genocidio armeno non può entrare in UE: indecenti le parole del Governo turco e vergognoso il silenzio di Renzi e Gentiloni»: è quanto scrive su twitter il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

Dissapori per parole Papa su «genocidio» armeni

La Turchia contro il Vaticano: in arrivo nuove misure

Ankara pensa ad altre misure nei confronti del Vaticano per reagire alle parole di Papa Francesco che ieri ha definito il passacro del armeni ad opera degli ottomani nel 1915 un «genocidio», dichiarazioni «senza fondamento» che «non valgono nulla per i turchi e la Turchia» secondo il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu.

Relazioni internazionali

Bimbo armeno chiamato «Sarkozy» dopo la legge francese sul genocidio

La famiglia: E' per onorare il coraggio del presidente francese. La legge francese che ora Sarkozy può promulgare entro due settimane prevede una pena sino a un anno di carcere e una multa di 45.000 euro per chi nega in pubblico un genocidio riconosciuto dalla legge francese

Stati Uniti-Turchia

Obama commemora i massacri armeni

«Una delle peggiori atrocità del XXesimo secolo». Ma il Presidente americano omette la parola «genocidio». Dura la reazione di Ankara

L'intesa era patrocinata da Stati Uniti, Russia, Francia, Svizzera

Turchia-Armenia, UE: passo verso pace sud Caucaso

L'accordo siglato ieri per normalizzare i rapporti dopo anni di gelo. Contrasti sulla formulazione delle dichiarazioni finali