15 novembre 2019
Aggiornato 05:30
Intervista a Nicola Genga, tra i massimi esperti di Front National

Fillon, «la faccia triste ma competente della destra»

Le primarie, a destra, per il momento se le godono i cugini francesi. Con risultati, in termini di coinvolgimento popolare, molto incoraggianti e con sorprese politiche che hanno ribaltato – come ormai è letteratura – sondaggi, rilevazioni e «podi» annunciati

Affair Tapie

Perché Christine Lagarde è sotto processo e rischia la galera

Il numero uno del Fondo Monetario Internazionale in Francia è stata accusata di «negligenza» dalla Cour de justice de la Republique e rischia un anno di carcere e 15mila euro di multa per l'«affair Tapie»

Ce la farà a resistere?

Renzi, prove di ribellione: salvare l'Italia per salvare se stesso

Deficit oltre il 3% e fine dell’ingerenza del generale Haftar nella mezzaluna petrolifera della Siria. Questo sarebbe il motivo che avrebbe portato il presidente del Consiglio Matteo Renzi a manifestare dissenso, durante il vertice di Bratislava, nei confronti dell'asse franco-tedesco.

Il caso

Burkini, Governo francese sull'orlo di una crisi di nervi

Mentre il divieto del burkini è approdato al Consiglio di stato, giudice di ultima istanza per i ricorsi contro le decisioni di un'autorità pubblica, il ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve, cercando maldestramente di salvare capra e cavoli.

Dopo giorni di accuse sul lassismo del governo

Valls: «Scarcerare killer di Rouen è stato un fallimento»

La critica del Premier francese non tocca direttamente l'operato del governo, ma rappresenta un netto cambio di registro rispetto alla posizione ufficiale dopo il massacro di Nizza, che ha causato 84 morti, quando le forti critiche della destra si sono scontrate con il netto rifiuto ad ammettere la minima pecca nel dispositivo di sicurezza.

Merkel boccia la proposta italiana degli eurobond per l'immigrazione

Migranti, Berlino boccia l'Italia. Alla Merkel piace il Fiscal Compact, meno il Migration Compact

Sembrava aver riscosso successo la proposta italiana sulla gestione della crisi dei rifugiati nel Mediterraneo, ribattezzata «Migration Compact». Ma l'entusiasmo è durato poco. Perché da Berlino è tempestivamente giunto lo stop sull'idea centrale: quella di creare degli eurobond per finanziare la gestione dell'emergenza in modo condiviso

L'ammissione a Fox News

Obama: Il mio più grande errore? Intervenire in Libia senza un piano

Contraddicendo quanto detto appena un mese fa in un'altra intervista, il capo della Casa Bianca ha sottolineato di aver fatto la scelta giusta intervenendo in Libia, ma di aver sbagliato a non avere un piano preciso sul dopo

Il commento

Sarkozy contro Trump: «terribile» che il 30% degli americani lo voti

A Londra per promuovere il suo ultimo libro «La France pour la vie», la Francia per la vita, Nicolas Sarkozy non ha risparmiato strali contro il candidato repubblicano alla Casa Bianca denunciando quelli che ha definito il suo populismo e la sua volgarità.

Ieri segretario di Stato, oggi aspirante presidente

Gli errori della Clinton in Libia, e la storia che si ripete (5 anni dopo)

Cinque anni fa, era segretario di Stato; oggi, è aspirante presidente degli Stati Uniti. Allora, Hillary Clinton decise per l'intervento in Libia; oggi, mentre un nuovo intervento è alle porte per dirimere il caos provocato nel 2011, difende quella decisione. Ma nella sua autodifesa, non racconta «lati» della storia che tutti dovrebbero sapere

Il Front non ottiene nessuna regione

In Francia non ha perso solo Marine Le Pen. Hanno perso tutti, democrazia compresa

Sembrava destinato a grandi cose; invece, il Front National al secondo turno non si porta a casa nessuna regione. Eppure, nonostante la soddisfazione dei partiti tradizionali, bisogna chiedersi chi siano i veri sconfitti di queste elezioni. E la notizia è che non si tratta (solo) di Marine Le Pen

Salta la numero 2 Nathalie Kosciusko-Morizet, 'nemica' di Sarko'

Francia, dopo il voto Sarkozy pensa al restyling dei repubblicani

La marea del Front National non ha dilagato ma nella strategia politica della destra francese dei Republicains qualcosa evidentemente non ha funzionato. E fonti concordanti annunciano un drastico e imminente repulisti all'interno del partito

Per politologo Crapez la sconfitta al secondo turno è fisiologica

Francia, il Front National non supererà il 50% prima di diversi decenni

Per il politologo Mar Crapez la sconfitta del Front National al secondo turno è tutt'altro che una sorpresa e, anzi, rappresenta un dato fisiologico. E il partito di Marine Le Pen non supererà il 50% prima di alcuni decenni

Il voto in cifre e tra luci e ombre

I 5 numeri chiave della mancata vittoria del Front National

Non ha vinto, tecnicamente non ha neppure perso. Il partito di Marine Le Pen anche se non ha conquistato nessuna regione ha realizzato la miglior performance elettorale della sua storia e questi - secondo Liberation - sono i cinque numeri chiave per spiegare il secondo turno elettorale di ieri.

Regionali francesi 2015

Nessuna regione al Front National

La forte mobilitazione degli elettori ha impedito alla destra di Marine Le Pen di conquistare anche una sola regione in Francia. Stando ai risultati definitivi, la destra di Sarkozy ne conquistate sette, i socialisti hanno limitato i danni, confermandosi in cinque regioni su 13, mentre la Corsica è andata per la prima volta ai nazionalisti.

Elezioni regionali francesi 2016

Secondo turno difficile per Marine Le Pen, mentre Sarkò e Valls alzano i toni

A due giorni dal voto francese, gli ultimi sondaggi confermano la tendenza della settimana. Nonostante l'exploit del primo turno, il Front National di Marine (e Marion) Le Pen dovrebbe essere ridimensionato dalla destra di Sarkozy, complice il ritirarsi dalla partita dei socialisti.

Regionali Francesi 2016

La destra, e la desistenza della sinistra, per fermare il Front National

Lo suggeriscono gli ultimi sondaggi, condotti però solo in tre regioni cruciali. Insomma resta da vedere come e fino a che punto il ballottaggio di domenica riuscirà a tenere lontano l'Fn dalla guida delle sei regioni in cui è arrivato in testa al primo turno.

Valls dice no alle dimissioni, Hollande fa appello alla 'chiarezza'

Regionali in Francia, Hollande e Valls non si arrendono

Il presidente François Hollande ha lanciato un appello alla chiarezza a tutti i responsabili politici e a difendere i valori della Repubblica. E Valls rifiuterà in ogni caso la richiesta di dimissioni

L'analisi del voto francese

Gasparri: «Il momento impone risposte chiare dalla Destra»

Il vicepresidente di Forza Italia del Senato: «In questo contesto il nostro piano per la difesa della patria e dei cittadini assume un valore strategico». Il Presidente della Liguria, Giovanni Toti: «Alleanza centrodestra-Lega modello per Le Pen-Sarkozy»

Il Front National spopola al primo round delle amministrative

I 3 fattori che spiegano lo storico trionfo di Marine Le Pen

La chiusura delle urne suggella, al primo round delle amministrative francesi, il trionfo del Front National. Una storica vittoria a cui hanno contribuito almeno 3 diversi ingredienti. Ecco quali

Regionali francesi 2015

Le Pen vince il primo turno, sul secondo incombe Sarkozy

Il Front National confermando quella che appare una inesorabile avanzata è arrivato in prima posizione in sei delle 13 nuove regioni, anche se potrebbe in teoria non vincerne nessuna al secondo turno dopo l'annuncio del ritiro dei candidati socialisti da quelle a rischio frontista, il tutto a vantaggio dei Republicains di Nicolas Sarkozy.

Regionali francesi 2016 | Primo turno

Il Front National è il primo partito di Francia

Con il 28% dei consensi ottenuto al primo turno delle regionali di ieri il partito di Marine e Marione le Pen, è arrivato in testa in 6 regioni per le quali andrà al ballottaggio domenica prossima. Il partito socialista al governo al 23%.

Amministrative francesi 2015, Front National primo in 6 regioni

Marine Le Pen: «La Francia ha sollevato la testa»

Con il 30% il Front National è il primo partito francese, seguito dai Repubblicani di Nicolas Sarkozy con il 27% e dai socialisti con il 23%. Sarkozy: «I francesi sono esasperati. Nessuna alleanza con i socialisti per il ballottaggio»

Regionali francesi 2016

Exit poll: Front National primo partito, in testa in sei regioni

Il Front National in testa in sei regioni: è quanto emerge dalle prime stime diffuse in Francia. Secondo i primi exit poll il partito di Marine e Marion Le Pen è il primo partito di Francia alle regionali con il 29,5%, seguito dai Rèpublicains di Nicolas Sarkozy con il 27% e dai socialisti con il 23%.

Regionali francesi 2016

Destra e sinistra contro Marine Le Pen

Un nuovo sondaggio ha infatti confermato, al termine di una campagna elettorale dominata dagli attentati di Parigi, le previsioni che da settimane danno il partito di Marine Le Pen in testa nelle intenzioni di voto al primo turno dello scrutinio regionali del 6 dicembre.

Dopo il discorso annuale alla nazione, è tempo di bilanci

Un'ottima annata per Vladimir Putin

Il capo del Cremlino ha tenuto l'annuale discorso alla nazione davanti all'Assemblea federale. Un discorso che testimonia quanto, negli ultimi 12 mesi, le cose, per la Russia, siano radicalmente cambiate