> <
RSS

Vergogna Italia, non si dimette nessuno

Come spesso accade, sono tanti i padri delle vittorie, ma nessuno si assume la paternità delle sconfitte. Quello che sta accadendo nelle ultime ore in seno alla Federcalcio è inaccettabile. Nè il presidente federale Tavecchio, nè tantomeno il ct Ventura sembrano intenzionato a dimettersi. La poltrona e i soldi contano più di tutto.

Italia: la rivoluzione shock del ct Ventura

Tre cambi di formazione rispetto agli undici scesi in campo dal primo minuto in Svezia, purtroppo però non quelli richiesti a gran voce da tutti i tifosi azzurri. Spazio e Jorginho, Gabbiadini e Florenzi, al posto di De Rossi, Belotti e Verratti squalificato. Lorenzo Insigne invece ancora una volta destinato alla panchina.

Playoff mondiali: Italia, aggrappiamoci alla Svezia

Può sembrare un paradosso, ma al cospetto delle ultime inguardabili prestazioni della Nazionale, la sola speranza degli azzurri è la qualità tecnica a dir poco scadente dei rivali svedesi. Da una parte calciatori di Juventus, Milan, Inter, Roma, Napoli, dall’altra ragazzotti provenienti dal campionato russo, greco, danese e perfino dagli Emirati Aarabi.

Ancelotti esonerato: una minaccia per due

L’inatteso licenziamento del tecnico emiliano dopo un inizio stagione a dir poco complicato da parte del Bayern Monaco ha avuto il potere di mettere in moto la macchina dei sogni dei tifosi. Innanzitutto quelli rossoneri che farebbero carte false per rivedere Ancelotti alla guida del Milan, ma anche gli appassionati azzurri lo vedrebbero bene al posto del ct Ventura.

Bonucci: «In Spagna per stupire»

Il difensore della nazionale e del Milan suona la carica in vista della sfida decisiva con la Spagna. «Ci sarà da lottare e da soffrire, ma noi siamo pronti a dare tutto per portarci a casa la vittoria, senza paura, con la voglia di stupire».

> <