15 novembre 2019
Aggiornato 15:30

Verso Svezia-Italia: Ventura ha scelto la formazione

Dopo l’infortunio di Zaza e gli acciacchi di Belotti ed Immobile, il commissario tecnico azzurro ha ora in mente l’undici da mandare in campo nell’andata dello spareggio mondiale a Stoccolma

Giampiero Ventura, commissario tecnico della Nazionale
Giampiero Ventura, commissario tecnico della Nazionale ANSA

STOCCOLMA - L’Italia è pronta: ancora poche ore e a Stoccolma andrà in scena l’andata dello spareggio mondiale fra la nazionale svedese e quella azzurra di Giampiero Ventura. Un appuntamento imperdibile ed assolutamente da non fallire per la truppa italiana che non manca l’appuntamento con la coppa del mondo da 55 anni; e non sarà facile superare la Svezia, una formazione forse senza qualità tecniche eccelse, ma con un’organizzazione tattica ed uno spirito di sacrificio che possono mettere in difficoltà chiunque. Del resto ne sa qualcosa l’Olanda, eliminata dagli scandinavi nel girone di qualificazione, e ne sa qualcosa pure la stessa Francia che a stento è riuscita ad arrivare prima nel raggruppamento.

Formazione

L’Italia, poi, non arriva all’appuntamento in Svezia nelle migliori condizioni fisiche, soprattutto in attacco: Ciro Immobile, capocannoniere della serie A, è reduce da un problema muscolare che non lo ha portato a Stoccolma al 100%, mentre Andrea Belotti viene da un infortunio che lo ha tenuto fermo per quasi un mese. L’attaccante migliore a disposizione di Ventura era Simone Zaza (9 reti col Valencia in campionato finora) che però si è fermato nella giornata di giovedì a causa di un’infiammazione al ginocchio sinistro che lo ha escluso dalla lista dei convocati. Il commissario tecnico azzurro ha così optato per la conferma del modulo 3-5-2 con Buffon in porta, Barzagli, Bonucci e Chiellini in difesa, Candreva, Parolo, De Rossi, Verratti e Darmian in mezzo al campo, con Immobile e Belotti di punta. Probabile, a questo punto, la staffetta a partita in corso fra Belotti ed Eder, in ballottaggio con il centravanti del Torino per una maglia. Italia incerottata nell’appuntamento più importante dell’anno e dell’intera carriera di Giampiero Ventura, almeno finora. Speriamo.