25 settembre 2018
Aggiornato 02:30
Video

Sarti (M5s): «Borsellino e Falcone uccisi dalla Mafia e dallo Stato»

La parlamentare del Movimento 5 stelle è intervenuta in aula alla Camera per denunciare i tanti punti oscuri dietro alle stragi degli anni '90, in cui persero la vita i due magistrati simbolo della lotta alla criminalità organizzata. «Tanti nomi dei responsabili devono ancora essere trovati e scritti nelle sentanze»

Video

Torna in carcere il boss dei Santapaola Maurizio Galletta

Per lui è stata disposta la custodia cautelare in carcere per concorso in falsità ideologica, truffa aggravata ai danni dell'Inps, intestazione fittizia di beni e detenzione e porto illegale di pistola. Sono finite in manette anche altre due persone

Sequestrati beni per 2 milioni a boss mafioso di Palermo

Sigilli a case, terreni e conti correnti bancari. Il provvedimento scaturisce dalle indagini svolte dai militari dell'Arma a partire dal 2011, anno in cui l'uomo era stato arrestato nell'ambito dell'operazione «Pedro», per aver diretto il mandamento di Porta Nuova.

Palermo, così i boss eleggevano i loro capi

Con l'operazione «Torre dei diavoli», i Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Palermo hanno inferto un duro colpo al mandamento mafioso di Santa Maria di Gesù. Sei sono stati i provvedimenti di fermo, emessi dalla Procura di Palermo.

Scoperto asse mafioso tra Palermo e Trapani: 4 arresti

Un ulteriore passo avanti nella ricerca di Matteo Messina Denaro e nell'individuazione delle sue reti d'azione è stato compiuto con l'arresto, da parte dei carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Trapani, di 4 affiliati alle famiglie mafiose palermitane di Bagheria e Corso dei mille, indagati per rapina e ricettazione aggravate dalle finalità mafiose.

L'ex Ministro Martelli denuncia il pentito D'Amico

Il collaboratore di giustizia, ascoltato in qualità di teste nelle scorse settimane al processo sulla trattativa Stato-mafia, aveva parlato del coinvolgimento dell'ex Guardasigilli in qualità di mandante delle stragi di Capaci e via D'Amelio.

Camusso: «Il lavoro deve avere regole, diritti e certezze»

E' stato ricordato stamani a Palermo il deputato del Pci Pio La Torre, ucciso la mattina del 30 aprile 1982 insieme all'autista Rosario Di Salvo. Padre della legge Rognoni-La Torre, sulla confisca dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata, quella di La Torre è stata una delle figure di maggior spicco nel campo della lotta a Cosa nostra.

Palermo ricorda Pio La Torre

Deputato del Pci ucciso la mattina del 30 aprile 1982 insieme all'autista Rosario Di Salvo. Padre, insieme con Rognoni, della legge sulla confisca dei patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata

Nuti sul blog di Grillo: «Alla Leopolda sicula ha vinto la mafia»

Un lungo post sul blog di Beppe Grillo, a firma del deputato palermitano Riccardo Nuti, rinfocola la polemica sui rapporti fra politica e mafia. Il tema del lungo intervento è la 'Leopolda' palermitana, organizzata dal sottosegretario renziano all'Istruzione Davide Faraone, e fin dal titolo, «Ha vinto la mafia», non lascia dubbi sulle intenzioni dell'autore: «Siete come Forza Italia».

Dadone: «Nella lotta alle mafie, lo Stato ha perso»

Il prefetto Umberto Postiglione, direttore dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, denuncia l'inadeguatezza di metà del personale che lavora nell'Agenzia. Alla luce di questa importante dichiarazione, il Movimento 5 Stelle interroga il governo con un'interpellanza urgente, ma nessuna risposta.

Al Quirinale vincerà Mattarella o il Patto del Nazareno?

Si aprono le danze. Alle 15 l'assemblea dei 1009 grandi elettori, composta dai parlamentari e dai 58 rappresentanti regionali riuniti in seduta comune, darà il via alla votazione per l'elezione del nuovo Capo dello Stato. Matteo Renzi vuole al Colle Sergio Mattarella. Ma Berlusconi è contrario. Reggerà il Patto del Nazareno?

Forza «picciotti»

L'affondo del blog di Beppe Grillo contro il partito di Berlusconi: «Forza Italia andrebbe chiuso d'autorità dopo la condanna di Dell'Utri per mafia». La replica della Savino: «Grillo ha perso consenso e testa, attacco volgare».

Grillo sul blog: «Cosa teme Napolitano?»

Il capo dello Stato è stato ascoltato ieri, al Quirinale, dai membri della Corte d'Assise di Palermo, per raccogliere la testimonianza di Napolitano in relazione alla trattativa Stato-mafia. Sul blog del leader del Movimento 5 Stelle, oggi, un post con un duro attacco al capo dello Stato.

Il M5S chiede a Napolitano di far luce sulla trattativa

Il M5s invita il Presidente Giorgio Napolitano a far luce sulla vicenda: "Il popolo italiano chiede al Presidente Napolitano, nell'adempimento dei propri doveri e quale massimo garante della Costituzione, di fare definitivamente luce su tutte le ombre della trattativa Stato-mafia, di cui sarebbe bene informato. I cittadini vogliono sapere."

Sabina Guzzanti: «Stragi compiute con la complicità dello Stato»

La comica e regista risponde alle polemiche che le sono state mosse in seguito al tweet di ieri in cui esprimeva solidarietà per l'assenza dei boss Riina e Bagarella all'audizione di Giorgio Napolitano: «Sono stati violati i loro diritti«. Intanto precisa che i familiari delle vittime non sono feriti dalle sue parole: «Sanno che le stragi sono state compiute con la complicità dello Stato«.

Estradato dal Messico presunto broker della droga

Vincenzo Paone è ritenuto un referente in Messico di importanti organizzazioni criminali italiane per l'acquisto di ingenti partite di cocaina che, acquistate in Sud America dai cartelli messicani, da importare poi in Italia, specie in Sicilia e Campania.

Galliano: «Nel '91 Riina vide politici e ministri»

Mentre Falcone e Borsellino saltavano in aria a Palermo per aver portato alla sbarra, e fatto condannare, Cosa nostra, nei giorni in cui l'Italia intera conosceva il sangue delle autobombe del '93, esponenti delle istituzioni, ufficiali dell'arma e gli stessi mafiosi, si sedevano attorno a un tavolo per cercare di porre fine a quella strategia stragista decisa da Totò Riina.