19 gennaio 2020
Aggiornato 23:00
Lotta alla criminalità organizzata

«La mafia è un male che si può distruggere»

Il Procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho: «Una zavorra per l'economia italiana»

Il Procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho
Il Procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho ANSA

ROMA - «Sono anni che anche il Governatore della Banca d'Italia individua le mafia come la zavorra dell'economia italiana, eppure nei confronti delle mafie ancora ci si muove come se fosse qualcosa che deve necessariamente essere presente nei nostri paesi». A spiegarlo è stato il Procuratore nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, ospite di «Che Tempo che Fa».

MALE CHE SI PUÒ DISTRUGGERE - «Vorrei citare la famosa frase di Corrado Alvaro che disse che la più grande disperazione che può colpire una società è quella che vivere onestamente sia inutile - aggiunge - ebbene se questo lo guardasse anche chi ha il compito di portare la nostra economia a livelli superiori, di competizione, evidentemente la mafia non sarebbe un male inestirpabile, sarebbe un male che si può distruggere se solo lo si volesse realmente».